Il più grande onnivoro del mondo è un pesce

L'onnivorismo è una strategia efficace che incrementa la capacità di adattamento delle specie, quindi non è raro che alcune arrivino a raggiungere dimensioni gigantesche. Tuttavia, nei pesci è raro osservare questo tipo di dieta.
Il più grande onnivoro del mondo è un pesce

Ultimo aggiornamento: 12 agosto, 2022

Gli onnivori sono un gruppo di animali che si nutrono sia di animali che di piante. Questa strategia consente loro di sopravvivere in un gran numero di habitat, poiché scelgono il loro cibo in base alle risorse disponibili nella zona. La maggior parte di questi organismi sono terrestri e la loro grandezza non supera i pochi metri, ma uno studio recente sembra indicare che il più grande onnivoro del mondo sia in realtà un pesce.

Questo fatto è abbastanza strano, dal momento che la maggior parte dei pesci non ricorre alla masticazione per macinare il cibo. Per questo motivo, la loro dieta è limitata solo a quegli organismi che sono in grado di digerire in un unico boccone. Tuttavia, sembra che questo non abbia impedito al più grande onnivoro del mondo di essere uno di loro. Continuate a leggere questo articolo e scoprite  di che specie si tratta.

Tipi di pesci

Il gruppo dei pesci è composto da diversi tipi di organismi che non sempre hanno caratteristiche simili. In effetti, il termine “pesce” non si riferisce a un gruppo tassonomico, quindi manca di validità scientifica. Tuttavia, dal momento che viene ancora usato come nome colloquiale per riferirsi a vari esemplari, si è deciso di tenerlo come riferimento nell’ambito della letteratura professionale.

È difficile stabilire quali animali siano classificati come pesci e quali no. Tuttavia, la maggior parte dei professionisti concorda almeno nel comprendervi i seguenti sottogruppi:

  • Pesci cartilaginei (Condritti): è formato da squali, razze, mante e chimere.
  • Pesci ossei (Osteichthyes): è composto da due grandi classi, Actinopterygii e Sarcopterygii, nelle quali è raggruppata la maggior parte delle specie colloquialmente chiamate “pesci”.
Come dormono gli squali?

I pesci onnivori in genere sono piccoli

Sebbene vi sia un’ampia varietà di pesci sia di acqua salata che di acqua dolce, le caratteristiche fisiche delle specie non sempre consentono loro di avere una dieta varia. Come accennato in precedenza, la maggior parte di questi animali tende a non masticare il cibo, cosa che a volte risulta essenziale per poter consumare le piante.

Sebbene non possano masticare, alcune specie scelgono di mangiare piante e animali piuttosto piccoli e facili da digerire. Grazie a ciò, riescono ad assumere una dieta onnivora che consente loro di conservare diversi vantaggi adattativi. Tuttavia, la quantità di cibo di cui hanno bisogno è così alta che non sempre riescono a raggiungere grandi dimensioni.

Esistono pesci giganti?

Affinché un pesce raggiunga delle dimensioni di diversi metri di lunghezza, deve consumare una grande quantità di cibo o prede abbastanza grandi. Questa è una condizione molto difficile da soddisfare, soprattutto perché la maggior parte di loro ha una dieta limitata. Per questo motivo, solo poche specie come gli squali, lo storione beluga, il pesce sciabola, il pesce remo e le mante hanno hanno avuto successo in questa impresa.

Un aspetto curioso di questi grandi animali è che quasi tutti sono predatori (carnivori). Questo perché la carne contiene una grande quantità di proteine essenziali per mantenere i muscoli e le loro grandi dimensioni. Tuttavia, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Ecology, esiste un tipo di pesce onnivoro e persino più grande degli esempi appena visti.

Il più grande onnivoro del mondo

Lo squalo balena (Rhincodon typus) è considerato il pesce più grande del mondo, poiché raggiunge dimensioni superiori ai 18 metri di lunghezza. Per raggiungere queste dimensioni si nutre di un gran numero di piccoli organismi come krill, diversi piccoli pesci e zooplancton.

Questo squalo cattura la sua preda attraverso una strategia di filtraggio. Ciò significa che assorbe una certa quantità di acqua con la bocca e la filtra per intrappolare i piccoli organismi di cui si nutre. Grazie a questo, con poche aspirazioni, è in grado di estrarre tonnellate di cibo e soddisfare il proprio fabbisogno nutrizionale.

Poiché la sua dieta comprendeva animali, è sempre stato considerato un animale carnivoro. Tuttavia, di recente è stato scoperto, attraverso l’analisi degli acidi grassi prodotti dagli squali balena, che sono in grado anche di digerire la materia vegetale (piante). Ciò significa che lo squalo balena è in realtà il più grande onnivoro del mondo.

Cosa mangiano i pesci?

Come hanno fatto a scoprirlo?

È importante notare che il processo di filtrazione dello squalo balena intrappola sia animali che materia vegetale. Naturalmente, solo perché mangia “piante” non significa che sia in grado di digerirle, quindi sono state necessarie ulteriori analisi per confermare che fosse in grado di assorbire questo tipo di nutrienti.

Per fare ciò, gli specialisti hanno esaminato alcuni componenti di un’alga nota come Sargassum, che si trova nella zona di distribuzione della specie. Inoltre, hanno prelevato campioni degli acidi grassi prodotti dallo squalo balena. Analizzandoli insieme, hanno osservato che alcune molecole nella loro composizione erano le stesse, il che indicava che lo squalo avesse assimilato i nutrienti delle alghe.

Questa ricerca ha dimostrato che lo squalo balena sfrutta appieno il suo ambiente e consuma più risorse di quanto si pensava precedentemente. Grazie a ciò, è in grado mantenere stabili le sue dimensioni, il che spiega perché ha così tanto successo in natura. Nonostante ciò, e così come accade ad altre meravigliose specie, al giorno d’oggi è minacciato dalla pesca indiscriminata.

Potrebbe interessarti ...
Pesci strani: la chimera degli abissi
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Pesci strani: la chimera degli abissi

La chimera degli abissi, anche nota semplicemente come Chimera, si differenzia da molte altre specie sotto svariati aspetti. Scopriamo di più!



  • Rodríguez-Dowdell, N., Enríquez-Andrade, R., & Cárdenas-Torres, N. (2008). Tiburón ballena. Bahía de los Ángeles: recursos naturales y comunidad. PRONATURA Noroeste/INE/SEMARNAT/SDNHM, México DF, 363-383.
  • Meekan, M. G., Virtue, P., Marcus, L., Clements, K. D., Nichols, P. D., & Revill, A. T. (2022). The world’s largest omnivore is a fish.
  • Alsmadi, M. K., & Almarashdeh, I. (2020). A survey on fish classification techniques. Journal of King Saud University-Computer and Information Sciences.
  • Pierce, S. J., & Norman, B. (2016). Rhincodon typus. The IUCN red list of threatened species, e-T19488A2365291.