Pesce storione beluga: un pesce antichissimo a rischio estinzione

21 gennaio, 2021
Lo storione beluga abita il pianeta da milioni di anni, ma a causa dell'azione umana oggi è in grave pericolo di estinzione.

In passato lo storione beluga (nome scientifico Huso huso) abitava il Mar Caspio, il Mar Nero, l’Azov e l’Adriatico. Le uova sono la caratteristica principale dello storione beluga e sono il motivo per cui viene cacciato da secoli, tanto che oggi si trova in serio pericolo di estinzione.

Questa specie appartenente all’ordine degli Acipenseriformi si è estinta nell’Azoy e nell’Adriatico a causa della costruzione di dighe, che ne impediscono il ritorno nella zona alta dei fiumi per deporre le uova. In questo articolo vi diremo quali sono le caratteristiche del pesce storione beluga.

Caratteristiche dello storione beluga

Anticamente, il pesce storione beluga era il più grande storione d’Europa. Gli esemplari arrivavano a superare i 1000 chilogrammi di peso e potevano misurare più di cinque metri di lunghezza. Gli storioni di oggi di solito non pesano più di 650 chilogrammi e misurano meno di tre metri. I maschi sono più piccoli delle femmine.

Pensate che in passato questi pesci potevano sopravvivere fino a 100 anni e talvolta oltre, ma attualmente l’esemplare più longevo aveva “solo” 53 anni.

Il corpo dello storione beluga è leggermente appiattito, grigio-verde scuro sulla parte dorsale del corpo e più chiaro sul ventre. Hanno il muso allungato e piatto, rivolto verso l’alto, con dei lunghi “baffi” molto sensibili che usano per scovare le prede che si nascondono sotto la sabbia.

Abitudini di riproduzione

Essendo dei pesci molto longevi, gli storioni raggiungono la maturità sessuale intorno ai 20 anni di età. Di conseguenza, questo diventa un problema per la riproduzione della specie, poiché devono passare molti anni da una generazione all’altra.

Huso huso. Pesce storione beluga che nuota.

Sono animali anadromi, ciò significa che trascorrono parte della loro vita in mare e tornano ai fiumi per riprodursi. I maschi si riproducono per la prima volta quando hanno tra i 10 e i 15 anni, mentre le femmine più tardi, tra i 15 e i 18 anni.

La deposizione delle uova avviene ogni tre o quattro anni, da aprile a giugno, giusto prima di migrare verso il mare. Tuttavia, alcuni esemplari migrano in autunno, quindi devono rimanere nei fiumi fino alla primavera successiva.

Quando le uova si schiudono, le larve rimangono a galla per una settimana sulla superficie del fiume, fino a quando non diventano giovani. Dopodiché, i giovani storioni si spostano verso il mare durante l’estate e vi restano fino a raggiungere la maturità sessuale.

Cosa minaccia la sopravvivenza dello storione beluga?

Se in passato questo pesce occupava vaste aree nei fiumi e nei mari di tutta Europa, oggi purtroppo non è più così. Questa specie si trova in pericolo critico secondo la IUCN – International Union for Conservation of Nature – e le sue popolazioni continuano a diminuire.

Caviale.

Le principali minacce per la sopravvivenza di questa specie sono:

  • Pesca eccessiva per fini commerciali. Ad esempio, dalla sua pelle si ottiene il cuoio e il suo caviale viene utilizzato per realizzare cosmetici e medicinali. Persino l’intestino dello storione beluga viene utilizzato per preparazione di salse e di gelatina, e dalla sua vescica si fabbrica la colla.
  • Distruzione degli habitat e inquinamento dei fiumi. Questi animali hanno bisogno di acque limpide e pulite per sopravvivere.
  • Costruzione delle dighe. Gli storioni devono nuotare controcorrente per raggiungere i luoghi di riproduzione. Le prede frammentano il loro territorio e impediscono loro di raggiungere la destinazione, il che provoca la morte di questi animali.

A causa di queste minacce, la specie è stata inclusa nell’Appendice II della CITES dal 1998. Attualmente sono in corso dei programmi di ripopolamento, anche se, purtroppo, la mortalità rimane alta e questi progetti per il momento non sembrano essere in grado di ridurre l’alto rischio di estinzione della specie.

  • Billard, R., & Lecointre, G. (2000). Biology and conservation of sturgeon and paddlefish. Reviews in Fish Biology and Fisheries, 10(4), 355-392.
  • Gesner, J., Chebanov, M. & Freyhof, J. 2010. Huso huso. The IUCN Red List of Threatened Species 2010: e.T10269A3187455.
  • Williot, P., Arlati, G., Chebanov, M., Gulyas, T., Kasimov, R., Kirschbaum, F., … & Kim, Y. (2002). Status and management of Eurasian sturgeon: an overview. International Review of Hydrobiology: A Journal Covering all Aspects of Limnology and Marine Biology, 87(5‐6), 483-506.