Il podargo: caratteristiche e curiosità

· 17 Maggio 2019
Con i suoi occhi socchiusi e il collo allungato, questo uccello color corteccia è un maestro del camuffamento.

A prima vista, il podargo può sembrare un gufo, ma è un uccello completamente diverso. Vive in tutta l’Australia e in tutti i tipi di habitat. Il suo becco è pensato per catturare insetti come cicale e coleotteri. Occasionalmente si nutre anche di piccoli roditori o rane.

A differenza del gufo, il podargo vola meno bene. Questa specie è abituata ad attendere silenziosamente che la sua preda si avvicini, l’assale e poi torna alla sua posizione. Ama riposare su alberi con corteccia spessa e scura perché diventa quasi invisibile.

Caratteristiche del podargo

Il piumaggio generale del podargo è grigio argenteo, leggermente più chiaro sotto e chiazzato di nero. Esiste anche una seconda specie dal piumaggio rossastro. Entrambe le specie hanno gli occhi gialli e il becco è di colore grigio oliva fino al nerastro.

Gli uccelli del sud-est sono più grandi di quelli del nord e possono raggiungere tra i 40 e i 50 centimetri di lunghezza. Il podargo è un uccello notturno. Durante il giorno se ne sta appollaiato sui rami e si mimetizza. I vari esemplari comunicano tra loro con un suono delicato, profondo e continuo. Quando si sentono minacciati, fischiano con forza.

Questa specie ha un becco largo e piatto, a differenza di quello del gufo, che è stretto e più uncinato. Le zampe del podargo sono deboli e mancano di artigli ricurvi. In inverno, il loro cibo scarseggia così tanto che trascorrono gran parte del tempo a riposare.

Uccelli sul ramo

In inverno rimangono in torpore, uno stato simile al letargo in cui la frequenza cardiaca e il metabolismo rallentano per risparmiare energia. Nei giorni più freddi, in particolare in autunno e in inverno, scelgono un luogo soleggiato sul lato nord dell’albero, mentre in estate si trovano di solito esposti a sud.

Riproduzione e comportamento

Il podargo ha una stagione riproduttiva regolare, ma gli esemplari in aree più aride possono riprodursi quando ci sono forti piogge. Questo uccello sceglie un partner per la vita. La coppia di solito metterà deporranno due uova all’anno e si alterneranno nella cova, tenendole calde fino alla schiusa.

Il nido è una piattaforma di bastoncini, di solito posta sul ramo di un albero che si biforca in orizzontale. Il tramonto è uno dei momenti migliori per osservarli. L’autunno è la stagione migliore perché sarà più facile vederli  impegnati nella continua caccia agli insetti prima che inizi il freddo.

Durante il giorno, le loro piume meravigliose si mimetizzano con la corteccia dell’albero, il che li rende molto difficili da individuare. Il piumaggio, però, non è la sola caratteristica inusuale di questi uccelli. Il loro becco largo e piatto conferisce essi il nome di bocca di rana.

Podargo appollaiato

Questi uccelli amano catturare insetti di notte. Mangiano lumache, insetti e persino piccoli mammiferi come i topi. Un animale molto utile nelle vicinanze della propria abitazione. Passano la notte tenendo a bada gli insetti nel giardino.

Maestri del camuffamento

Per evitare di essere scoperti, di giorno rimangono in posizione eretta, completamente immobili tra i rami degli alberi, con la testa inclinata verso l’alto e gli occhi socchiusi. In questa posizione sembrano rami spezzati.

Se il podargo si sente spaventato, solleva la testa e chiude gli occhi. Chiunque lo guardi, lo scambierà per il ramo di un albero. Con gli occhi chiusi, spera di sviare la possibile minaccia.

Se un podargo viene disturbato, può adottare una postura minacciosa: piume arruffate, i grandi occhi gialli sbarrati e becco aperto mostrando la gola gialla. In questo modo cerca di intimidire. Anche se è conosciuto come l’uccello con uno degli sguardi più spaventosi d’Australia, il podargo è una delle specie più amate del continente.

https://www.australiangeographic.com.au/topics/wildlife/2018/05/tawny-frogmouths-5-things-you-may-not-know-about-these-masters-of-disguise/