Il tipo di alimentazione per i cani da caccia

11 Febbraio 2019
Oltre a determinate dosi di esercizio giornaliere, i cani da caccia hanno bisogno di un'alimentazione equilibrata dall'elevato valore nutritivo; si sconsiglia il cibo fatto in casa ma l'uso di un mangime specifico.

I cani che svolgono lavori come tirare la slitta, portare il bestiame al pascolo o andare a caccia, hanno bisogno di un tipo di alimentazione più equilibrata. Sono degli atleti che devono dare il massimo, e per questo devono essere controllati costantemente. Oggi vi parleremo dell’alimentazione dei cani da caccia.

Una dieta equilibrata è efficace per rafforzare lo sviluppo della loro muscolatura. La fatica estrema, la disidratazione e l’esposizione costante a delle forti tensioni nell’andare a caccia o nel venire addestrati, debilitano in maniera progressiva la loro salute fisica.

Per questo è importante che come padroni conosciate i metodi migliori per controllare l’alimentazione dei cani da caccia. Ecco quindi alcuni consigli per raggiungere il corretto equilibrio nella nutrizione del vostro amico a 4 zampe.

Un legame importante: esercizio e alimentazione 

La maggior parte dei cani da caccia si trovano nella categoria di peso denominato medio-grande (Galgo, Pointer, Retriever, ecc), ad eccezione del Cocker, degli Spaniel e del Bassotto che sono di taglia media, e del Cane di Sant’Umberto e del Wolfhound, considerati di taglia grande-gigante.

Questi dati sono di grande rilevanza poiché gli esercizi di lavoro che possono svolgere non dipendono solo dall’alimentazione, ma anche da fattori genetici e dal tipo di addestramentoQuest’ultimo è fondamentale per raggiungere un buon rendimento e per evitare lesioni.

cane con preda in bocca

Esistono 3 tipi di esercizi che possono svolgere i cani per mantenersi in salute e in forma; prove di velocità (intense ma che durano solo pochi minuti), attività intermedie (giornate corte di caccia o ricerca) e le prove di resistenza (spiccano quelle di caccia speciali nei campionati).

L’idratazione è fondamentale

L’acqua è necessaria per il corretto funzionamento dell’organismo dei cani da caccia. 

Attraverso l’idratazione, il corpo mantiene i livelli normali della temperatura, poiché le attività ad alto impatto aumentano il bisogno d’acqua nell’organismo.

Il calore prodotto dal gran lavoro muscolare è dissipato dall’evaporazione nel condotto respiratorio superiore del cane attraverso l’atto di ansimare.

E’ importante anche che il vostro amico a 4 zampe abbia sempre dell’acqua a disposizione.

Il tipo di alimentazione per i cani da caccia

Secondo i veterinari è molto difficile raggiungere il giusto equilibrio dei nutrienti con una dieta fatta in casa, anche se si conosce la composizione di ogni alimento.

L’alta variabilità dei componenti nutritivi e la cottura di alcuni ingredienti altera significativamente l’equilibrio per una buona alimentazione dei cani da caccia.

Questi animali hanno bisogno di una serie di amminoacidi indispensabili per ottenere le proteine. 

Richiedono anche degli acidi grassi linoleici per ottenere i grassi corporei.

Gli idrati di carbonio o glucidi, non così imprescindibili, sono necessari per mantenere le riserve energetiche del cane per più tempo.

cane che salta per afferrare preda

Questi 3 gruppi di nutrienti sono gli unici che possono trasformarsi in energia, e gli esperti sono arrivati alla conclusione che la migliore opzione per la corretta alimentazione dei cani da caccia, sono i mangimi elaborati scientificamente che assicurano un equilibrio perfetto e costante nella loro composizione.

Esistono sul mercato vari prodotti per cani che svolgono molta attività fisica. Questi mangimi “energetici” sono più che sufficienti per mantenere in ottime condizioni le razze da lavoro.

Nel caso di attività estreme a temperature molto basse, è necessario che la dieta dei cani da caccia sia integrata con delle calorie attraverso il consumo di carne e di grassi, poiché in questi casi si bruciano molte più calorie ed energie, e il corpo deve mantenere una temperatura corporale stabile.

Se si tratta di cani da competizione, (campionati nazionali di caccia e di ricerca), è importante considerare fattori come lo stress o i viaggi. La diarrea causata dallo stress o la perdita di peso, nonostante un’alimentazione corretta, squilibrano il fisico dell’animale.

Alcune raccomandazioni pratiche 

  • I cambiamenti nella dieta del vostro cane devono essere graduali, poiché il tratto gastrointestinale deve adattarsi. Le modiche nel metabolismo, per assimilare le variazioni nell’alimentazione, possono tardare a verificarsi tra le 6 e le 8 settimane.
  • Gli alimenti devono essere digeribili e dall’alto livello nutritivo. Ciò permette di ridurre i volumi elevati nell’ingestione del cane.
  • Si consiglia di far mangiare l’animale almeno la sera o la notte prima della giornata di caccia o della gara, per fargli avere una resistenza maggiore. Visti gli esercizi prolungati potete dargli piccole quantità dall’alto contenuto di grassi durante lo svolgimento della prova.
  • Nel caso in cui lo portiate a caccia per vari giorni di seguito, dovete dargli da mangiare minimo un’ora dopo la fine della giornata. Al contrario, il cane potrebbe vomitare o avere dei problemi di dissenteria che faranno calare le sue prestazioni.
  • I supplementi vitaminici, (in particolar modo le vitamine B e C) l’aggiunta di amminoacidi, (carnitina) o di acidi grassi, permettono un miglior recupero poiché durante lo svolgimento di esercizi estremi, la capacità di essere assimilati dall’organismo supera la velocità della loro distruzione.