In che modo il cambiamento climatico influisce sui cani?

Prima di intraprendere una nuova vita con il vostro cane, date un'occhiata a queste misure per facilitare la transizione verso un nuovo clima.
In che modo il cambiamento climatico influisce sui cani?
Sara González Juárez

Scritto e verificato la psicologa Sara González Juárez.

Ultimo aggiornamento: 19 marzo, 2024

A volte la vita ci porta lontano da casa e il cambiamento climatico colpisce sia noi che i cani che arrivano nella nuova casa. In questi casi, i ritmi circadiani del cane possono essere alterati da un altro ciclo luce-buio. Inoltre, nei climi freddi i cani possono soffrire di ipotermia e sviluppare infezioni cutanee, mentre nei climi caldi può verificarsi un colpo di calore.

Sebbene questi animali abbiano strategie per adattarsi alle variazioni di temperatura e umidità, è importante sapere come aiutarli quando questa variazione è molto brusca. In questo senso, un’esposizione graduale ai cambiamenti climatici, così come la cura della pelle e del pelo del cane, sono alcune delle raccomandazioni quando ci si sposta o si viaggia verso altre latitudini, con condizioni diverse da quelle abituali.

Qui troverai come aiutare il tuo cane ad affrontare questi cambiamenti ambientali, oltre a nozioni di base sui suoi meccanismi di regolazione termica. Non perdere nulla, poiché queste transizioni dovrebbero essere il più fluide possibile per questi animali.

Meccanismi di termoregolazione nel cane

Se vivi con un cane, sappi che questa specie non è capace di sudare come gli altri animali. Pertanto, i loro meccanismi di regolazione della temperatura corporea sono diversi (e meno efficienti) rispetto alla sudorazione:

  • Ansimante: quando un cane ha caldo, ansima spesso. Mentre lo fa, la sua lingua pende fuori dalla bocca. In questo modo espelle il calore dal corpo, mentre l’aria più fredda entra dall’esterno. Inoltre, sfrutta il principio dell’evaporazione dell’acqua all’inizio delle vie respiratorie, che permette anche la dissipazione del calore.
  • Conduzione della temperatura: è normale scoprire che il cane cerca superfici fredde – o scava nel terreno – per sdraiarsi su di esse e trasferire così il freddo al suo corpo. Questo metodo è secondario, poiché i cani hanno un sistema di vasi periferici che non scambia il sangue caldo con quello freddo.

Questo meccanismo non è molto efficiente, a differenza di altre specie, come l’uomo, in cui questo scambio avviene.

Le uniche zone del corpo del cane che possiedono ghiandole sudoripare sono i cuscinetti delle zampe, ma, poiché rappresentano una parte così piccola della superficie totale dell’animale, non hanno la capacità di abbassare la temperatura corporea. Questo è il motivo per cui di solito non si considera che il cane suda come un metodo per regolare il proprio corpo.

Il cane sussulta a causa del cambiamento di temperatura.
L’ansimare del cane è un meccanismo di termoregolazione. In questo modo controllano la loro temperatura interna. Credito: Freepik.

Un improvviso cambiamento climatico influisce sui cani?

Durante il cambio delle stagioni, vari processi fisiologici variano gradualmente. Per illustrare, con l’arrivo dell’inverno, il metabolismo accelera per produrre più calore corporeo. Il comportamento viene modificato anche controllando il livello di attività e alcuni comportamenti, per favorire una corretta termoregolazione.

Quando questo cambiamento avviene bruscamente, ad esempio a causa di un trasloco, il corpo del cane non ha il tempo di adattarsi ai ritmi naturali del nuovo clima. Alcuni degli effetti che possono derivare da queste circostanze sono i seguenti:

  • Temperatura e umidità: nei climi freddi, i cani possono andare incontro a ipotermia se esposti a temperature più basse del solito. D’altra parte, nei climi caldi e umidi sono soggetti a colpi di calore, che possono essere fatali.
  • Ore diurne: viaggiare in un paese con un altro ciclo luce-buio potrebbe influenzare i ritmi circadiani del cane. Ciò crea disturbi nel sonno e nell’appetito.
  • Pelle e pelo: nei climi secchi, la pelle diventa secca e squamosa, il che può portare a problemi di irritazione e prurito. D’altra parte, nei climi umidi è più facile che si sviluppino infezioni fungine o batteriche sulla pelle, come notato in questa pubblicazione dell’International Journal of Livestock Research .
  • Esercizio e attività: un cane che deve adattarsi bruscamente ad un clima molto caldo ridurrà notevolmente la sua attività. Nei climi freddi, invece, è consigliabile che si muovano di più, ma sempre senza esporsi troppo a lungo alle basse temperature.
  • Umore e comportamento: alcuni cani tendono a mostrare maggiore irrequietezza e ansia di fronte ai cambiamenti. Climi molto diversi da quello di origine, come quelli con forti temporali o giornate di sole cocente, influenzeranno la vita emotiva del vostro cane, questo genererà comportamenti atipici.

Più brusco è il cambiamento, maggiori saranno le misure da adottare per mitigarne gli effetti.

Tieni presente che durante questo periodo il sistema immunitario del cane deve affrontare anche nuovi agenti patogeni, quindi dovresti prestare molta attenzione a qualsiasi segnale che indichi un problema di salute.

Suggerimenti per aiutare i cani ad adattarsi al cambiamento climatico

Anche se sono molti i problemi che minacciano la salute del tuo cane quando sperimenta un cambiamento climatico, ci sono anche molte misure che puoi attuare per aiutarlo nella transizione. Eccone alcuni che sono piuttosto importanti:

  • Esposizione graduale: se il cambiamento climatico è significativo, puoi esporlo gradualmente a quel cambiamento. Fai brevi passeggiate e adatta la tua nuova casa in modo che abbia condizioni simili a quelle originali.
  • Prenditi cura della sua pelle e del suo pelo: poiché dermatiti, infestazioni parassitarie e qualità del pelo dipendono in parte dal clima, è importante fornire al tuo cane un aiuto per mantenerlo in buone condizioni. Sverminatelo più spesso, se necessario, oppure utilizzate prodotti da bagno specifici.
  • Monitoraggio del comportamento: sebbene sia normale osservare cambiamenti nel comportamento dei cani di fronte a un nuovo clima, prestare attenzione alle alterazioni significative del loro appetito e del livello di attività. Dovresti anche osservare altri segnali, come l’acquisizione di comportamenti problematici durante la convivenza o la socializzazione.
Cane in abiti invernali a causa delle basse temperature.
Per evitare sbalzi termici in inverno, puoi acquistare indumenti che ti terranno al caldo durante questa stagione. Credito: Ulrika/iStockphoto.

Affrontare il cambiamento climatico con una consulenza professionale

Infine, non dimenticare la visita dal veterinario. Questo professionista ti darà consigli specifici per il nuovo clima in cui vivrai, oltre a consigliarti sui vaccini e su altri processi di trasferimento legale. I cambiamenti possono essere nuove ed entusiasmanti avventure, ma solo se si ricerca il benessere di tutti i membri della famiglia, umani e non.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.



Questo testo è fornito solo a scopo informativo e non sostituisce la consultazione con un professionista. In caso di dubbi, consulta il tuo specialista.