Come insegnare al cane un richiamo infallibile

· 15 novembre 2018
Per insegnare e usare un richiamo infallibile, è necessario che il cane lo rapporti a qualcosa di molto piacevole.

Il richiamo è uno dei comandi di base che, chiunque possiede un cane, dovrebbe padroneggiare. I più esperti o coloro che ricorrono a un istruttore cinofilo, sicuramente sono in grado di chiamare a sé o fermare il proprio amico a quattro zampe, senza problemi.

Se non sapete come fare a insegnare al cane un richiamo davvero infallibile, non perdetevi il seguente articolo.

L’importanza del richiamo nei cani

Tra tutti i comandi che un cane può imparare, il richiamo è forse quello più importante. Non ne avrete solo bisogno quando è ora di lasciare il parco e tornare a casa.

Può essere essenziale in presenza di un possibile pericolo, dato che vi permetterà di far tornare a voi l’animale, immediatamente.

Questo è il motivo per cui è importante iniziare ad addestrare il cane al richiamo  il prima possibile e farlo in un modo che funzioni sempre. Non si sa mai quando potrete davvero averne bisogno.

I cuccioli imparano molto velocemente e questo tipo di comando verrà ripetuto e usato per tutta la loro vita.

Tuttavia, anche i cani adulti possono impararlo. Sono animali che non smettono mai di imparare. Se il vostro cane ha più di cinque anni, anche lui sarà in grado di assimilarlo senza troppe complicazioni.

Utilizzate il rinforzo positivo

Per insegnare e usare un richiamo infallibile, è necessario che il cane lo rapporti a qualcosa di molto piacevole.

Qualcosa di così buono e interessante da convincerlo ad abbandonare ciò che sta facendo per tornare dal proprio padrone.

Per fare in modo che questo ordine funzioni in modo efficace, è imprescindibile usare dei rinforzi positivi. Ovvero dare una ricompensa quando il cane si comporta come volete.

Cane risponde correndo al richiamo del padrone

Come ricompensa possiamo usare molte cose diverse, ma l’opzione migliore è sempre il cibo.

Offrite dei pezzi di salsiccia, carne secca o biscotti per cani: sono i premi più gratificanti e che funzionano meglio. Ma dovrete alternare questi premi: evitate di usare sempre lo stesso in modo che la ricompensa non sia monotona.

Scoprite quale piace di più al vostro cane e puntate su questo.

Non correggetelo se “sbaglia”: l’errore fa parte dell’addestramento. L’animale non è in grado di capire se ha fatto qualcosa di male, ma grazie al premio saprà quando fa tutto bene.

Abbiate un po’ di pazienza le prime volte che mettete in pratica questo ordine e concentratevi solo sulla leva offerta dal rinforzo positivo.

Stabilite un ordine

Per stabilire un richiamo efficace con i cani, il primo passo è scegliere la parola chiave, che sarà quella che useremo sempre, senza cambiarla mai.

La più usata è “vieni!”, ma siete liberi di utilizzare quella che vi piace di più. Scegliete una sola parola, breve, rapida e mettetevi d’accordo con gli altri membri della famiglia, in modo che tutti usino sempre la stessa.

Per insegnare il richiamo, pronuncerete la parola una sola volta, seguita dal nome del vostro cane.

Nel momento in cui arriva da voi, gli concederete il premio.

Non aspettate che l’animale si sieda o vi chieda il cibo con il muso: dateglielo immediatamente, appena vi raggiunge. Questo aiuterà il cane ad associare il premio con il richiamo e non ad altre cose.

Pitbull corre sul bagniasciuga con bastone tra i denti

Per testare questo ordine e addestrare in modo accurato il vostro amico a quattro zampe, procedete nel seguente modo:

Passaggio 1

Iniziate a mettere in pratica questo esercizio in casa, con il cane a pochi metri da voi. Questo facilita la comprensione di ciò che state chiedendo, oltre ad evitare le distrazioni presenti in ambienti esterni, come la strada o un parco:

  1. Pronunciate la parola scelta, seguita dal nome del cane.
  2. Se l’animale ignora tale parola, potreste usare altri termini, suoni, gesti. L’ordine deve essere dato una sola volta. Ripeterlo confonde il messaggio.
  3. Nel momento in cui il cane torna da voi, dategli il premio.

Allontanatevi di qualche metro e ripetete questi passaggi. Dopo alcune ripetizioni, il cane avrà già capito che quando pronunciate la “parola chiave” volete che lui vi raggiunga.

Se, ogni volta che pronunciate il termine scelto, il vostro animale domestico si avvicina, significa che il cane è pronto e potrete aumentare, gradualmente, la difficoltà dell’esercizio.

Passaggio 2

Anche questo secondo step dovrà essere fatto a casa, ma con l’aiuto di familiari e amici. Sedetevi in una grande stanza, in cerchio. O mettetevi in più stanze.

Rivelate agli altri la parola chiave scelta e i vari partecipanti la pronunceranno in modo casuale. L’obiettivo è che l’animale risponda al richiamo, di volta in volta, evitando altri rumori o parole.

  • L’ordine viene dato solo una volta. Altre parole, suoni o gesti sono autorizzati a catturare l’attenzione del cane.
  • Il premio deve essere dato non appena arriva al fianco di chi ha pronunciato il richiamo.

Fate un paio di giri di chiamate e quando il cane avrà superato questo secondo test, potrete uscire e metterlo in pratica all’aperto.

L’aumento della difficoltà deve essere sempre graduale. Verificate l’apprendimento in casa, a grande distanza e poi in gruppo.

Cane corre verso la padrona

Quando uscite per strada, provate il richiamo prima da vicino e in un ambiente con ancora poche persone. Successivamente, aumentate la distanza.

Un buon metodo per testare il vostro comando è quello di cercare di chiamare il cane, mentre gioca con un suo simile.

Tenete presente che, all’esterno, gli stimoli sono più numerosi e potenti, per cui il livello di attenzione de vostro cane diminuirà notevolmente.

Siate pazienti se il vostro animale impiega più tempo nell’eseguire l’ordine. L’importante è che rispetti il richiamo: non si tratta di una gara di velocità.

Ribadiamo il concetto di un apprendimento lento e graduale: se aumentate la difficoltà troppo velocemente, state chiedendo al vostro cane uno sforzo eccessivo e il richiamo diventerà inefficace.

Provate e testate il richiamo in nuovi ambienti e con più persone, ma in modo progressivo. Solo in questo modo, l’animale accetterà di lasciare ogni attività per correre da voi in cerca del premio.

D’ora in poi

Una volta che il vostro richiamo funziona nel parco, in mezzo a più cani, con altri rumori di ambiente, senza dubbio potremo dire che la missione è stata compiuta. Tuttavia, è un ordine così importante che non dovreste mai smettere di allenarlo.

Di tanto in tanto, portate dei premi al parco e provate l’ordine un paio di volte. Potreste anche iniziare l’abitudine di portare con voi sempre un paio di biscotti e chiamare il cane, un paio di volte a caso.

Tanto per verificare che il richiamo sia ancora efficace.

Il richiamo nei cani è uno strumento assolutamente necessario per la sicurezza e la convivenza dentro e fuori casa.

È un ordine molto semplice che va insegnato e che dovrete continuare ad allenare anche dopo che l’apprendimento è stato portato a termine.