Come insegnare al gatto a dormire nella cuccia

I gatti sono assai più indipendenti dei cani. Al contrario, per dormire, fanno di tutto per infilarsi nel letto, sotto le lenzuola. Di giorno, vogliono approfittare del divano e, di notte, del vostro caldo giaciglio. Per una serie di differenti ragioni, però, alcuni di voi non amano questa compagnia notturna. Insegnare al gatto a dormire nella cuccia significa rompere con questa consuetudine.

La domanda è una: è possibile convincere i gatti a riposare in una cuccia? Se possedete uno di questi piccoli felini, già sapete che sono molto meno propensi all’ubbidienza dei cani. Ciò non significa, però, che insegnare loro un divieto sia completamente impossibile.

Ecco allora un articolo completo con consigli utili e qualche trucco per riuscire a far dormire il vostro gatto nel suo lettino.

Perché i gatti non amano dormire nella cuccia?

Insegnare al gatto a dormire nella cuccia

Come forse saprete, i gatti dormono per circa 15 ore al giorno. Cambiare il posto in cui riposare è dunque normale, serve per conciliare meglio il sonno. Gli stessi esseri umani, se giacciono durante giorni nello stesso letto, nella stessa posizione, soffrono di mal di schiena e torcicollo.

Questi piccoli felini, quindi, si spostano per cercare sempre maggiore comodità e comfort. Spesso li vedete appollaiati in luoghi che fanno sorridere, eppure è il loro modo per rilassarsi e dormire al meglio. Può anche darsi che al gatto non piaccia la cuccia che avete comprato o costruito.

Il segreto va ricercato nella stessa natura dell’animale, meno addomesticato rispetto al cane. I gatti cercano un rifugio che sia confortevole ma anche sicuro. Per questo, può capitare che il vostro micio si posizioni in zone sopraelevate, da dove può avere un certo controllo sull’ambiente in cui vive.

Ecco allora cinque possibili ragioni per cui il vostro gatto sceglie di dormire nel vostro letto:

  • Ha bisogno di sentirsi sicuro e protetto.
  • Vi considera come parte del branco.
  • Il letto è più in alto rispetto alla sua cuccia.
  • Preferisce il caldo.
  • Ha bisogno di contatto. Una manifestazione logica se magari passate molte ore fuori casa.

Se non vi dà fastidio condividere il letto con il micio, non vi è nulla di male in questo. Se, al contrario, desiderate che l’animale stia al posto suo, continuate a leggere.

Come insegnare al gatto a dormire nella cuccia

I passi da seguire sono diversi, vediamo quindi quelli più efficaci:

Scegliete una cuccia adeguata

Abbiamo anticipato prima che il gatto è molto esigente per quanto riguarda la cuccia. Per fare in modo che all’animale piaccia e vi si senta comodo, deve somigliare il più possibile ad un letto. Evitate cucce antiche, dure e fredde. Ricordate, inoltre, di scegliere una posizione corretta. Posizionatela sempre lontano dalla lettiera, vicino a fonti di calore e abbastanza in alto.

Se volete sapere come creare una cuccia per gatti perfetta, dovete tenere presenti questi semplici punti:

  • Dimensione. L’animale deve potervi accedere facilmente ed entrarci da sdraiato o raggomitolato. Si deve sentire protetto, in questo spazio ridotto.
  • Igiene. Scegliete una cuccia facile da pulire. Evitate che si accumulino peli, batteri e cattivi odori.
  • Materiali. Lasciate perdere le cucce fatte di plastica. Oltre che scomode, risultano essere troppo fredde in inverno e calde in estate. Un consiglio? Portate il gatto con voi e fategli provare varie cucce: sarà lui a scegliere.
  • Forme. Il mercato, oggi, offre cucce di vario tipo, colore e forma. Cercate di prendere una cuccia adatta ai gusti del vostro animale. Se il gatto ama nascondersi tra i cuscini, può funzionare una cuccia ampia e morbida. Preferite anche quelle cucce che consentono di essere posizionate in alto. Sempre per il discorso cui accennavamo prima, sul sentirsi sicuro quando dorme.

Cucce per gatti: altri consigli utili

Insegnate al gatto a dormire nella cuccia

Se non vi basta saper scegliere una cuccia adatta, ecco una serie di consigli utili da tenere sempre presenti:

  • Mantenete il lettino sempre nello stesso posto.
  • Utilizzate dei supporti per posizionarla in alto.
  • Fatelo giocare e stancare in modo che, una volta nella cuccia, non si muova.
  • Chiudete la porta della vostra camera da letto.
  • Lasciate nella cuccia un panno o maglietta con il vostro odore.
  • Mettete dei croccantini nella cuccia: il gatto assocerà il dormire in questa ad un’azione positiva.
  • Premiatelo se va da solo nella cuccia.

Per poter soddisfare tutti questi punti, evidentemente, occorreranno tempo e pazienza. Ma se volete che il vostro gatto dorma nella sua cuccia, e non più nel vostro letto, vale la pena sforzarsi.

Categorie: Consigli Tags:
Guarda anche