La balena grigia batte il record per il viaggio animale più lungo del mondo

Una balena grigia ha percorso la distanza più grande mai registrata da un mammifero vivente. Qual è la causa di questo comportamento? È normale per la sua specie? Scopritelo insieme a noi.
La balena grigia batte il record per il viaggio animale più lungo del mondo

Ultimo aggiornamento: 11 settembre, 2021

A volte la natura ci sorprende con notizie come questa: una balena grigia batte il record per il viaggio animale più lungo e viaggia per mezzo mondo. Dopo la sua odissea, l’esemplare monitorato della specie Eschrichtius robustus è, fino ad oggi, il mammifero selvatico che ha viaggiato più a lungo sotto il mare di tutta la storia.

Quando si ricevono notizie come questa, è necessario contestualizzarle dopo una serie di domande: a cosa è dovuto il comportamento dell’animale? È un comportamento naturale? L’azione umana ha avuto qualcosa a che fare con questa impresa? Nelle righe seguenti, rispondiamo a queste domande e a molte altre.

Le notizie sul viaggio della balena grigia

Il titolo che vi diamo qui è stato ripreso dalla rivista Nature dell’8 giugno 2021. Nella notizia, si riporta che una balena grigia (Eschrichtius robustus) potrebbe aver percorso quasi la metà del mondo (circa 20.000 chilometri) sotto il mare in un intervallo di tempo variabile. Vediamo più in dettaglio questo che cosa implica.

Questa balena grigia maschio è stata rilevata per la prima volta a Walvis Bay, in Namibia, nel 2013. Come indicato dal portale del National Geographic, questa è stata la prima data della specie nell’emisfero australe. Nonostante l’incontro con l’esemplare sia avvenuto diversi anni fa, ci è voluto molto tempo per scoprire che l’enigmatico cetaceo proveniva dal nord del Pacifico.

Per scoprire l’origine della balena, sono stati prelevati campioni superficiali della sua pelle e sono state effettuate analisi genetiche. L’articolo scientifico risultante, pubblicato sulla Royal Society, sostiene che l’esemplare potrebbe provenire dalla popolazione in via di estinzione del Pacifico settentrionale occidentale, che oggi conta circa 200 esemplari.

Con l’analisi genetica del cetaceo è stato confermato che aveva percorso almeno 20.000 chilometri (quasi la metà del mondo) in un periodo molto breve, tra maggio e giugno 2013. Per una specie che normalmente compie viaggi da 8000 a 11.000 chilometri di viaggio, questo vasto spostamento non ha alcun significato biologico.

La balena grigia che ha compiuto il viaggio animale più lungo è stata scoperta per la prima volta nel 2013.

Una balena grigia che esce dall'acqua.

Perché questa balena grigia ha compiuto questa impresa?

Quando il coautore dello studio citato Simon Elwen è stato informato della balena grigia in Namibia nel 2013, era piuttosto scettico. Nelle sue stesse parole, “è come se qualcuno dicesse di aver trovato un orso polare a Parigi. È fisicamente possibile, ma non sembra molto realistico “.

A questo punto, ci si può solo chiedere perché un animale così grande abbia sprecato le sue energie e messo in gioco la propria sopravvivenza per arrivare in un luogo così lontano. Gli scienziati non hanno risposte immediate, in quanto è necessario svolgere ulteriori ricerche sulla questione, ma considerano alcune ipotesi.

In primo luogo, non si può mai escludere che l’animale si sia smarrito o che avesse un difetto congenito. In ogni caso, l’ipotesi più forte è che lo scioglimento dell’Artico potrebbe aprire nuove rotte per questi cetacei, permettendo loro di esplorare (o perdersi) in nuovi habitat. Senza dubbio, l’essere umano ricompare come il primo dei colpevoli.

La migrazione naturale delle balene e la loro conservazione

Sebbene non si sappia molto sull’area effettiva dell’habitat delle balene grigie, è noto che migrano ogni anno tra le loro zone di alimentazione estive polari e le loro zone di parto temperate e tropicali. Le rotte migratorie delle popolazioni del Pacifico orientale e occidentale sono molto diverse e, purtroppo, si hanno pochissime informazioni su quest’ultimo gruppo.

È interessante notare che entrambi i gruppi sono così diversi l’uno dall’altro che potrebbero persino essere considerati due diverse sottospecie di balena grigia. La popolazione orientale è stabile e a rischio minimo con oltre 20.500 esemplari, mentre il nucleo occidentale conta solo 200 individui, motivo per cui è considerato in via di estinzione.

Il gruppo di balene occidentali ha raggiunto il minimo storico nel 2010, con una stima di 26 femmine riproduttrici, nessuna delle quali era stata incorporata nella popolazione dal 1995. Il tasso di crescita estremamente lento di questi animali li rende inclini alla scomparsa, poiché uno dei questi cetacei impiegano fino a 11 anni per maturare sessualmente.

Grazie agli sforzi di conservazione, il numero della popolazione di balene occidentali sembra essere in aumento.

Potrebbe essere whalien 52?

Uno dei resti di una popolazione che chiede aiuto

La balena grigia che ha compiuto il viaggio animale più lungo proveniva dalla popolazione occidentale, che rimane in pericolo. Se qualcosa è chiaro dopo aver percorso queste linee, è che, sfortunatamente, questa impresa è stata probabilmente non intenzionale.

L’assalto dei mari da parte dell’uomo provoca la scomparsa di specie, lo scioglimento dei poli e gravi disastri dell’ecosistema. Con le variazioni ambientali associate ai cambiamenti climatici, purtroppo sarà sempre più comune vedere animali al di fuori dei loro areali naturali.

Potrebbe interessarti ...
Whalien 52: la balena più sola del mondo è davvero sola?
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Whalien 52: la balena più sola del mondo è davvero sola?

Whalien 52 o la balena 52 hertz è un misterioso cetaceo che abita l'Oceano Pacifico. Non è mai stato visto, ma il suo richiamo è noto.