Quando va dato il latte artificiale ai cuccioli?

Come per i neonati, il latte materno è la base dell’alimentazione nei cuccioli. Ma anche per loro esistono situazioni in cui è necessario utilizzare, invece, del latte artificiale. In questo articolo vi mostreremo per quale ragione e in che modo vale la pena somministrare questo sostituto nutritivo ai giovani animali.

Latte artificiale, scopriamo cos’è

Quando va dato il latte artificiale ai cuccioli?

Il latte artificiale è un composto creato per fornire tutti i principi nutritivi ai cuccioli che non possono essere allattati. Nei neonati, il latte materno può essere sostituito dal latte di mucca o di asina, mentre nei cani ciò non è possibile. Fornire ad un giovane cane un succedaneo inadatto può provocare danni irreparabili.

Si tratta dunque di un latte speciale, leggero e altamente digestivo, senza amidi e con un alto contenuto calorico. Tutto ciò di cui il cucciolo ha bisogno per crescere e sviluppare le difesi immunitarie, correttamente. Tra i diversi elementi che lo compongono, nel latte artificiale devono essere presenti grassi particolari, come l’Omega 3 e l’Omega 6.

Il periodo cruciale è il primo mese di vita, con cui il sistema digestivo dei piccoli animali è maggiormente sensibile. Un buona alimentazione è la chiave affinché ogni cucciolo cresca forte, sano e felice.

Quando dare il latte artificiale ai cuccioli

Esistono diverse situazioni che possono prevedere l’utilizzo di questo speciale latte. Vediamo quali sono quelli più frequenti.

Cuccioli deboli

In una cucciolata, a volte, può succedere che qualche cucciolo scenda di peso. Un fatto che spinge la madre a respingerli, per istinto naturale, preferendo loro gli esemplari più robusti. Essendo più deboli non riescono più a nutrirsi dalle mammelle, andando incontro a morte sicura. Somministrandogli del latte artificiale, recupereranno facilmente le forze.

Cuccioli orfani

Purtroppo non è raro che una cagna possa morire in seguito ad un parto. Se avete trovato dei cuccioli senza più genitore, sappiate che non saranno mai capaci di procurarsi cibo da soli. Utilizzando delle siringhe o dei biberon umani, fornite ai vostri giovani amici del latte artificiale per cani.

Tenete presente che la pappa andrà data loro almeno una volta ogni due ore. Si tratta di una prova di grande volontà e sacrificio, ma il premio è salvare le vite di questi piccoli animali innocenti.

La madre non può allattare

Un caso probabile, anche se meno frequente, è quello che si presenta se la madre dei cuccioli non può allattare. Parliamo di un problema alle ghiandole mammarie che non generano latte sufficiente per tutta la cucciolata o non ne producono affatto.

Un altro motivo per cui la madre potrebbe rifiutarsi di allattare è la mastite. Per alimentare in modo adeguato e costante, il latte artificiale rappresenta sempre la migliore soluzione possibile.

Latte artificiale: come farlo in casa

Quando va dato il latte artificiale ai cuccioli?

Non sempre, però, si ha la possibilità di avere del latte artificiale a portata di mano. Se non ne avete o non potete comprarne, ecco come fare per prepararlo a casa vostra. Ecco dunque un modo rapido ed economico per produrre latte artificiale.

Avrete bisogno di:

  • 350 ml di acqua. Userete acqua imbottigliata, minerale, essendo lo stomaco dei cuccioli assai delicato e sensibile.
  • 1100 grammi di latte di capra, anche in polvere (di quella che si compra in lattine). E’ il latte più adatto ai cani e assai migliore di quello di mucca senza lattosio.
  • 2 cucchiaini di sciroppo di mais o, in alternativa, di miele.
  • 4 vasetti di yogurt greco naturale (circa 800/900 grammi). Questo ingrediente è fondamentale per il suo 10% di grassi naturali che forniranno calorie ed energia sufficiente ai vostri cuccioli.
  • 4 tuorli di uovo crudi.

Questa ricetta serve per sfamare due cuccioli in un solo giorno. Se solo ne avete uno, ridurrete alla metà tali quantità. Rispetto a come unire assieme gli ingredienti, basterà mescolare i tuorli con lo sciroppo di mais, poi aggiungere lo yogurt (evitando di creare grumi). Alla fine, versate acqua e latte. Il prodotto finale verrà servito all’animale attraverso siringhe senza ago o piccoli biberon.

Categorie: Salute Tags:
Guarda anche