Latte per gattini fatto in casa: 3 ricette

I gattini si nutrono esclusivamente di latte dalla nascita fino alle 4 settimane di età. Per questo è importante il tipo di latte che viene loro somministrato: qualsiasi errore potrebbe provocare diarrea, coliche e nei casi più gravi la morte.
Latte per gattini fatto in casa: 3 ricette
Cesar Paul Gonzalez Gonzalez

Scritto e verificato il biologo Cesar Paul Gonzalez Gonzalez.

Ultimo aggiornamento: 24 febbraio, 2023

I gatti appena nati dipendono in tutto e per tutto dalle loro madri, poiché si prendono cura della loro alimentazione, pulizia e cura. Il latte è un componente essenziale della loro dieta e fornisce loro le difese necessarie durante i primi giorni di vita. Per questo motivo, nel caso in cui la madre non possa allattarli correttamente, ai gattini può essere somministrato un tipo speciale di latte fatto in casa per loro.

Inutile dire che il latte vaccino non è adatto ai gattini, trattandosi di un mito sfatato da tempo. Inoltre, qualsiasi alimento deve essere adattato alle loro esigenze nutrizionali per evitare di comprometterne la salute. Se volete conoscere alcune ricette speciali di latte per gattini fatto in casa, continuate a leggere questo articolo.

Che nutrienti apporta il latte ai gattini?

La madre produce due tipi di latte durante l’allattamento. Il primo si chiama colostro e viene prodotto solo dopo il parto. Ha una consistenza più densa e contiene proteine, vitamine, lipidi e anticorpi che proteggeranno il piccolo. Grazie a questo latte i gattini acquisiscono le difese contro i patogeni presenti nella vita di tutti i giorni, poiché il loro sistema immunitario non è ancora del tutto sviluppato.

Il colostro viene prodotto entro le prime ore dopo il parto (24-36 ore). Trascorso questo periodo, la madre produce il latte maturo, che nutrirà i piccoli per il resto del periodo di lattazione. La sua composizione è simile a quella del colostro, anche se le concentrazioni di proteine e lipidi sono inferiori durante i primi giorni. Inoltre, la qualità del latte varia anche in base alla dieta della madre.

Un gatto appena nato su sfondo bianco.

Il latte non solo fornisce nutrienti per il normale sviluppo del gatto, ma stimola anche lo sviluppo di alcuni sistemi e organi interni. Infatti, l’allattamento gioca un ruolo cruciale dalla nascita allo svezzamento, quindi gli esemplari non possono fare a meno di questo processo.

Tuttavia, alcuni gattini possono soffrire la perdita della madre in tenera età, il che li porterebbe a non usufruire dei benefici dell’allattamento. Per questo motivo sono state studiate per i gatti alcune alternative al latte fatte in casa che sopperiscono alla mancanza di allattamento al seno.

Ricette di latte per gattini fatto in casa

Non è possibile somministrare ai gattini alcun tipo di latte, poiché la composizione nutrizionale di questa sostanza varia da specie a specie. Ecco perché il latte vaccino non è mai consigliato, dal momento che la quantità di lattosio che contiene potrebbe provocare seri problemi intestinali ai più piccoli.

In media, il latte materno dei gatti fornisce 1,2 chilocalorie per millilitro, quindi dovreste cercare un prodotto che fornisca un apporto calorico simile. Tra le migliori opzioni sul mercato ci sono il latte evaporato e il latte di capra. Tuttavia, visto che non sono preparati appositamente per i gatti, è bene mischiarli con altri prodotti per integrare i nutrienti necessari.

Il latte per gattini fatto in casa è in realtà una miscela di diversi ingredienti che cerca di avvicinarsi al latte materno. Sebbene manchino di rigore scientifico, alcuni hanno dimostrato di salvaguardare la salute degli esemplari senza alcun problema. Le seguenti ricette sono le più famose e utili per l’alimentazione dei gatti.

Ingredienti ricetta 1

La seguente ricetta è una delle più facili da preparare, poiché utilizza latte evaporato, che è facile da trovare in quasi tutti i negozi. Gli ingredienti sono i seguenti:

  • Latte evaporato: 90 millilitri.
  • Yogurt naturale (senza zucchero): 120 millilitri.
  • Tuorli d’uovo (senza l’albume): 3-4 tuorli.
  • Acqua: 90 millilitri.

Ingredienti della ricetta 2

Il latte di capra è caratterizzato da una bassa concentrazione di lattosio. Ecco perché viene solitamente utilizzato come componente principale nella produzione di latte per gatti fatto in casa. Se non avete problemi a procurarvi questo tipo di latte, potete utilizzare i seguenti ingredienti per integrarlo:

  • Latte di capra: 250 millilitri.
  • Yogurt naturale (senza zucchero): 150 millilitri.
  • Tuorlo d’uovo (senza l’albume): 1 tuorlo.

Ingredienti ricetta 3

Il latte commerciale formulato per il consumo umano di solito non è adatto per l’alimentazione dei gatti. Tuttavia, le versioni “senza lattosio” diluite con acqua possono essere una valida alternativa nella preparazione di latte per gattini fatto in casa. Per farlo, dovrete utilizzare i seguenti ingredienti:

  • Latte senza lattosio: 250 millilitri.
  • Burro: 1 cucchiaio.
  • Tuorlo d’uovo (senza l’albume): 1 tuorlo.
  • Miele: 1 cucchiaio.

Come si prepara il latte per gattini fatto in casa?

Il procedimento per preparare il latte fatto in casa è abbastanza semplice, poiché basta mescolare tutti gli ingredienti a fuoco basso in un pentolino. Si riscaldano fino a quando il composto inizia a bollire e si lascia riposare per qualche minuto. Si otterrà così un liquido dalla consistenza semi-densa.

Il latte fatto in casa si conserva in frigorifero fino a 2 giorni. Tuttavia, per ogni assunzione sarà necessario riscaldarlo a bagnomaria fino a raggiungere i 38 °C. Dopodiché, per somministrarlo ai gattini sarà necessario un biberon o una siringa sterile.

Quante volte al giorno è necessario somministrare il latte fatto in casa ai gattini?

Lo stomaco dei gattini è piuttosto piccolo, quindi non sono in grado di assumere molto latte in una sola poppata. Per questo motivo, è normale che consumino dai 10 ai 20 millilitri di latte ogni 2 o 4 ore. Nonostante ciò, saranno i gattini a regolare i propri orari e miagoleranno per far capire che hanno fame.

Dare da mangiare ai gattini è un compito laborioso e che richiede molto impegno, poiché non devono rimanere senza cibo per più di 5 ore. Inoltre, ricordate che questo processo è essenziale e qualsiasi errore potrebbe causare conseguenze gravi e fatali.

Ogni quanto va cambiata la lettiera del gatto?

Il latte fatto in casa non va sempre bene

Per quanto il latte fatto in casa aiuti a nutrire i gattini, non è sempre consigliabile utilizzarlo. Tenete presente che la preparazione di questo alimento è approssimativa e manca di misure esatte. Pertanto, i valori nutrizionali possono variare eccessivamente tra loro.

Per evitare problemi a lungo termine, si consiglia di rivolgersi a un veterinario per verificare la presenza di eventuali problemi nutrizionali nei piccoli. Vi guiderà inoltre tramite l’uso di altri integratori necessari. Non solo questo vi aiuterà a salvaguardare la salute e l’alimentazione dei gattini, ma vi darà la certezza che state facendo un buon lavoro nel crescerli.

Nei casi più difficili, il professionista può consigliare di modificare la dieta utilizzando le formule di latte per gattini che si trovano nei negozi. Queste sono solitamente le più adatte perché sono specificamente bilanciate per integrare la loro dieta, anche se sono piuttosto costose. Per questo motivo, vengono utilizzate solo quando necessario e nel caso in cui il latte fatto in casa non sia in grado di fornire i nutrienti adeguati.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.


  • Angulo, S. M. (2011). Reproducción y neonatología canina y felina. Manuales clínicos por especialidades. Editorial Servet.
  • ASOCIACIÓN DE VETERINARIOS ESPECIALIZADOS EN ANIMALES DE COMPAÑÍA DE ARGENTINA (2012) Manejo de la Alimentación durante toda la Vida. Recuperado el 16 de marzo de 2022, disponible en: https://aveaca.org.ar/wp-content/uploads/2019/03/Nutrici%C3%B3n-Secci%C3%B3n-04.pdf
  • Lopate, C. (Ed.). (2012). Management of pregnant and neonatal dogs, cats, and exotic pets. John Wiley & Sons.
  • Júnior, F. A. F. X., da Silva Macambira, K. D., Araujo, S. L., Freitas, V. M. L., de Morais, G. B., Costa, G. M., … & Evangelista, J. S. A. M. (2016). Nutritional approach of pregnant queens and neonate cats: A review. Revista Brasileira de Higiene e Sanidade Animal: RBHSA, 10(4), 798-808.

Questo testo è fornito solo a scopo informativo e non sostituisce la consultazione con un professionista. In caso di dubbi, consulta il tuo specialista.