Le 5 migliori razze di cani con le rughe

· 7 novembre 2017

Tutti i cani, e gli animali più in generale, provocano nell’uomo un sentimento di tenerezza e amore. Esistono però alcune razze che rendono questa emozione ancora più tenera e profonda per l’aspetto stesso che posseggono. Non parliamo solamente dei cuccioli, ma anche di cani particolari, come quelli con un manto apparentemente rugoso.

Più simili a peluches che a veri esseri viventi, viene voglia di abbracciarli e coccolarli, accarezzando il loro pelo morbido e perfetto. Ebbene, se siete intenzionati ad adottare un cane con le rughe, in questo articolo vi presentiamo alcune delle razze più famose e belle.

Le più belle razze di cani con le rughe

Da tempo gli scienziati hanno cercato di rispondere alla domanda del perché esistano dei cani con le rughe. Analizzando le loro particolarità cutanee, ancora non esiste una vera spiegazione che possa giustificare l’utilità di questa pelle che sembra coprire, in modo eccessivo, la superficie corporea di alcuni tipi particolari di cane.

shar pei sul prato

Nel caso dello Shar Pei, ciò è dovuto ad una malattia ereditaria chiamata mucinosi cutanea focale. Per ora non si sa nulla rispetto alle altre razze. Agli amanti degli animali, poco interessano le ragioni scientifiche, tanto più che, da un punto di vista estetico, tali esemplari sembrano fatti apposta per essere abbracciati e accarezzati. Vediamo allora le 5 migliori razze di cani con le rughe che potete adottare e accogliere nelle vostre case:

1. Mastino Napolitano

È una razza che appartiene ai molossi della famiglia Bulldogs di grandi dimensioni. La sua origine risale all’anno 300 a.C. e si crede che il suo antenato sia il Mastino tibetano. I Greci lo fecero conoscere ai romani, che migliorarono l’animale per poterlo poi utilizzare nei combattimenti nelle loro famose arene.

Il mastino napoletano è un animale di grande stazza, robusto, con una testa imponente e pesante. Anche se sembra pericoloso, al contrario è un cane da guardia leale e obbediente e farà di tutto per proteggere e difendere la sua famiglia. Sempre vigile, molto fedele, determinato, intelligente, maestoso e assolutamente non aggressivo. Conviene addestrarlo sin da piccolo e può soffrire di displasia dell’anca. Per quanto riguarda la sua alimentazione, richiede circa 1 kg di cibo ogni giorno.

2. Bulldog inglese

Conosciuto semplicemente come Bulldog, è un altro dei cani con le rughe della nostra speciale lista. Originario del Regno Unito, questo cane è stato impiegato come cane da combattimento sin dal XVII secolo ed è uno dei simboli del paese britannico. Con un aspetto “pungente” e un corpo quadrato, questa razza è stata usata per creare altre razze come il Boxer, il Bullmastiff e il Bull Terrier. Ha un muso appiattito, è molto robusto e resistente. Può pesare fino a 22 kg (se parliamo di maschi adulti). La coda è di solito corta e arricciata.

Se volete adottare un Bulldog inglese, l’unica precauzione riguarda una costante idratazione e ombra: infatti questo animale è sensibile ai colpi di calore. Inoltre, soffre della sindrome brachicefalica, che rende difficile la respirazione. Fondamentale è l’attività fisica, dal momento che questa razza tende all’obesità.

3. Pug

Conosciuto anche come Carlino, è una razza di origine cinese, ma che è diventata famosa nel Regno Unito. Di piccole dimensioni e dal muso molossoide, il Carlino o Pug ha una testa grande rispetto al corpo, gambe dritte e coda arricciata. Rispetto al colore del pelo, i colori originali prevedono il grigio argentato o il beige con muso interamente nero.

È un animale che ha bisogno di essere abituato alla socializzazione sin da cucciolo e va d’accordo anche con cani di grandi dimensioni. È molto giocoso, attivo ma un po’ guardingo con gli sconosciuti. Anche se non è un cane da guardia propriamente detto, è efficacissimo come allarme sonoro… Se ne volete adottare uno, ricordate di avere particolare cura degli occhi. Essendo sporgenti, possono spesso entrare in contatto con mobili o altri oggetti. Le rughe possono accumulare secrezioni e umidità che causano infezioni e cattivo odore.

4. Bullmastiff

Questa razza di origine inglese è il risultato dell’incrocio tra un Bulldog e un Mastino inglese (da cui ha ereditato il nome). I primi esemplari risalgono al XIX secolo e furono utilizzati per catturare ladri fuggiaschi sfruttando la sua potente mascella. È grande, con una testa squadrata, occhi scuri e manto rosso focato. È un eccellente cane da guardia, non abbaia quasi mai, di spirito attivo e perfetto per la vita in casa. Si adatta a qualsiasi tipo di spazio.

Bullmastiff nel recinto

5. Shar Pei

Quando pensiamo ai cani con le rughe, questa razza è la prima che ci viene in mente. Questo animale è di origine cinese e i primi esemplari apparvero fin dall’antichità (206 a. C. circa). Fu anche il simbolo della dinastia Han. Il nome Shar Pei significa “pelle di sabbia” a causa del suo tipico colore.

Veniva impiegato come sacro guardiano delle tombe, poi passò a divenire un cane da difesa e combattimento. Oggi, dopo la censura comunista, che considerava questo animale simbolo della borghesia e dello spreco, è tornato di moda come eccellente e affettuoso animale di compagnia. È sereno, equilibrato, indipendente e fedelissimo al proprio padrone. Gioca come fanno i gatti, dando piccole zampate, e da cucciolo può essere abbastanza vivace,