Le rane possono respirare sott'acqua?

Vi siete mai chiesti se le rane possono respirare sott'acqua? La risposta potrebbe sorprendervi, poiché è più complessa di quanto sembri. Scopritelo in questo articolo.
Le rane possono respirare sott'acqua?

Ultimo aggiornamento: 06 ottobre, 2021

La doppia vita degli anfibi richiede che mostrino un adattamento sia all’acqua che alla terra a dir poco sorprendente. Pertanto, visto che le rane trascorrono molto tempo in acqua, è normale chiedersi se possono respirare sott’acqua.

La risposta a questa domanda presenta alcune sfumature, poiché non è una domanda che può essere risolta con un “sì” o un “no”. Se volete saperne di più sul sistema respiratorio delle rane, non perdetevi questo articolo, perché potrebbe chiarire più di un dubbio.

Come respirano le rane?

Il sistema respiratorio delle rane subisce delle modifiche nel corso della loro vita. Quando escono dalle uova, i girini conducono una vita acquatica in tutto e per tutto e respirano attraverso le branchie esterne che possiedono, effettuando lo scambio di gas direttamente con l’acqua circostante fino a sviluppare le branchie interne.

Entro pochi giorni di vita, le branchie esterne dei girini vengono ricoperte da una piega di tessuto chiamata opercolo, che lascia solo una o due piccole aperture verso l’esterno, note come spiracoli.

Man mano che cresce, il processo di metamorfosi modifica l’intero corpo della rana, facendole perdere la coda, allungandone gli arti e infine facendole perdere le branchie e sviluppare i polmoni. A quel punto, l’anfibio è in grado di stare sulla terra senza soffocare.

Una volta raggiunta la fase adulta, le rane hanno 2 modi di respirare che consentono loro di rimanere sia a terra che in acqua. Potete scoprirlo di seguito.

Una rana comune in uno stagno.

Respirazione polmonare

Le rane, pur avendo 2 polmoni, non hanno diaframma e muscoli respiratori. Per respirare, devono compiere movimenti convulsi con la gola per provocare l’entrata e l’uscita dell’aria. Per fare ciò, la maggior parte di questi anfibi usa una pompa orale che muove l’aria dentro e fuori dal loro corpo. Questo processo avviene in 2 fasi:

  1. La rana contrae la superficie orale e apre la cavità orale, facendo sì che l’aria ossigenata prelevata dall’ambiente entri nel suo corpo.
  2. Allo stesso tempo, i polmoni comprimono ed espellono l’aria che ha già subito uno scambio di gas e trasporta poco ossigeno. Parte di essa esce anche attraverso le narici.

Ossigenazione attraverso la pelle

Oltre ai polmoni, le rane hanno un altro sistema di scambio di gas: la respirazione cutanea. La pelle degli anfibi è altamente permeabile e vascolare, consentendo all’ossigeno di passare direttamente nel sangue dall’ambiente.

Gli anuri portano una serie di ghiandole che secernono una sostanza mucosa che li mantiene umidi, il che facilita lo scambio di gas. Questo è il motivo per cui le rane hanno la pelle scivolosa e gelatinosa. A seconda della specie, a volte può avvenire fino al 100% dell’assorbimento di ossigeno attraverso l’epidermide.

Le rane possono respirare sott’acqua?

Ora che sappiamo qualcosa in più sul meccanismo respiratorio degli anfibi, possiamo rispondere in modo appropriato alla domanda del titolo: le rane possono respirare sott’acqua? La risposta è sì: grazie alla respirazione cutanea, gli anfibi sono in grado di scambiare gas con l’acqua in cui sono immersi.

Tuttavia, è necessario fare una precisazione: la maggior parte delle rane non è in grado di rimanere sempre sott’acqua. Lo scambio di gas che effettuano attraverso la pelle non è sufficiente per ossigenare adeguatamente il corpo, quindi devono uscire di tanto in tanto per respirare, altrimenti annegherebbero.

Alcune specie di rane che possono respirare sott’acqua

Ci sono più di 6.600 specie di anfibi in tutto il mondo. Ognuno di essi si è adattato alle condizioni del suo ambiente, il che dà origine a un’incredibile varietà di caratteristiche e peculiarità tra i taxa. Per darvi un’idea, di seguito alcuni esempi di anuri sorprendenti per quanto riguarda la respirazione. Vi consigliamo di continuare a leggere.

Rana gigante del Titicaca (Telmatobius culeus)

Endemica del lago da cui prende il nome, questa rana ha una pelle rugosa e grinzosa che le permette di aumentare la superficie in cui si svolge lo scambio gassoso. Questo perché è esclusivamente acquatica (non ha polmoni) dal momento che, inoltre, il lago in cui vive ha una bassa concentrazione di ossigeno. Più pieghe epidermiche ha, più O2 intercetta.

La rana gigante del Titicaca è in grave pericolo di estinzione a causa della caccia di esemplari adulti.

Barbourula kalimantanensis, la rana del Borneo dalla testa piatta

Questa rana è priva di polmoni e abita nelle giungle del Borneo, in Indonesia. Ha bisogno di acque pulite ad alto contenuto di ossigeno, perché in quelle torbide o stagnanti questo anfibio potrebbe morire asfissiato.

Rana pelosa (Trichobatrachus robustus)

Sebbene il tratto sorprendente di questa specie non sia il pelo in senso stretto, le rane pelose maschi sono famose per lo sviluppo di una serie di papille dermali che ricordano i filamenti pelosi durante la stagione riproduttiva. L’utilità di questi “peli” non è altro che aumentare la superficie di scambio gassoso all’interno dell’acqua.

Sebbene la rana pelosa abbia i polmoni, queste papille sono altamente vascolarizzate e aiutano anche a estrarre ossigeno dall’ambiente acquatico.

Il mondo della respirazione negli anfibi

Come avete potuto vedere, le rane possono respirare sott’acqua, ma la maggior parte di esse dipende anche dall’ossigeno nell’aria per sopravvivere. Le specie rare prive di polmoni presentano adattamenti specifici per ottenere quanto più ossigeno possibile nell’acqua.

Sebbene sia un adattamento affascinante, la pelle vascolarizzata e permeabile delle rane rappresenta per loro un pericolo di fronte all’azione dell’uomo nelle acque in cui vivono. La presenza di inquinamento influisce notevolmente sugli anuri, poiché la loro pelle assorbe facilmente sostanze chimiche dannose e la loro vita ne è compromessa.

Potrebbe interessarti ...
7 tipi di anfibi velenosi
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
7 tipi di anfibi velenosi

Gli anfibi velenosi hanno sviluppato una serie di tossine mortali per proteggersi dai loro predatori. Scopriamo insieme quali sono.



  • Andrade, P., Elías, R., Grandez, R., & Mamani, J. (2018). Descripción histológica de la piel de la rana gigante del Titicaca (Telmatobius culeus). Revista de Investigaciones Veterinarias del Perú29(1), 64-74.
  • Barbourula kalimantanensis. (2019). AmphibiaWeb. https://amphibiaweb.org/species/2039
  • Smyth, D. H. (1939). The central and reflex control of respiration in the frog. The Journal of physiology95(2), 305.
  • MacRobbie, E. A., & Ussing, H. H. (1961). Osmotic behaviour of the epithelial cells of frog skin. Acta Physiologica Scandinavica53(3‐4), 348-365.