Le renne sono a rischio estinzione?

20 aprile, 2020
Più della metà della popolazione di renne è scomparsa durante il ventunesimo secolo. Vi spieghiamo perché.
 

Probabilmente a causa della popolarità di cui gode questa specie durante le festività natalizie, è difficile credere all’affermazione secondo cui le renne sono a rischio di estinzione. Eppure è stato accertato come questa specie stia scomparendo da alcune regioni dell’Artico. 

È stato il NOAA, acronimo che identifica l’Amministrazione Nazionale Oceanica ed Atmosferica degli Stati Uniti, a notificare nella sua relazione annuale la situazione negativa degli aiutanti di Babbo Natale. Scopriamo perché le renne sono a rischio di estinzione!

Conosciamo le renne

Le renne sono una specie di cervidi che vive negli ecosistemi di taiga e tundra dell’emisfero nord del pianeta. Esistono varie sottospecie di renne, animali che si sono adattati al freddo e che sono molto legati all’uomo grazie alla sopravvivenza degli ultimi pastori di renne.

È curioso sapere che questa specie possiede una vista a ultravioletti, che le consente di distinguere in modo molto più preciso il suo alimento e i suoi predatori. Ma forse questa caratteristica non basta, considerando il grave problema della mancanza di cibo e dell’aumento di predatori che stanno minacciando la specie.

renna selvatica con la lingua di fuori
 

Secondo un rapporto le renne sono a rischio di estinzione

L’affermazione secondo cui le renne sono a rischio di estinzione può sembrare finta, considerando che paesi come la Groenlandia, l’America del nord, la Norvegia e la Russia contano ad oggi più di due milioni di renne.

Tuttavia, è bene sottolineare come ad inizio del ventunesimo secolo gli esemplari esistenti fossero ben cinque milioni, ovvero più della metà rispetto ad oggi.

Sono state analizzate in tutto 23 mandrie di renne individuando una situazione spesso drammatica: in cinque branchi del continente americano le renne stanno scomparendo, e la popolazione in questi luoghi è ridotta del 90%. Altri due branchi dello stesso continente sembrano non essere stati impattati.

In linea generale dunque è confermato che le renne stanno scomparendo nei loro antichi territori silvestri. La situazione è tale che, spostandoci verso la fauna del Canada, due branchi di renne migrate dall’oriente si considerano già a rischio di estinzione.

renne nella neve

Perché le renne stanno scomparendo?

Le ragioni per cui le renne stanno scomparendo dall’emisfero nord sono varie: naturalmente giocano un ruolo importante le malattie, la caccia e la depredazione, così come la mancanza di alimento. Tutte queste cause sono però sovrastate dal cambiamento climatico.

 

Questi animali si sono da sempre adattati ai lunghi inverni artici, mentre il surriscaldamento globale ha portato al proliferare di agenti patogeni, di siccità e di stress negli animali. L’unica cosa positiva è l’apparente abbondanza di alimento dovuta all’aumento delle temperature.

Purtroppo non è la prima volta che il cambiamento climatico è associato al diffondersi di malattie infettive in questo tipo di animali. Sono infatti vari gli scoppi di Pasteurella riscontrati, per esempio, tra esemplari di Saiga tatarica.

A sua volta, i cambi avvenuti sul piano regionale, come l’industrializzazione o la costruzione di autostrade, hanno contribuito ad innalzare il tasso di mortalità di questi animali. Come vediamo, le renne stanno a poco a poco scomparendo.

Artic Report Card 2018, NOAA (Consultada en ftp://ftp.oar.noaa.gov/arctic/documents/ArcticReportCard_full_report2018.pdf)