L’incredibile istinto materno degli animali

4 Gennaio 2019
Anche quando un cucciolo rimane orfano, un altro esemplare potrebbe prendersene cura come se fosse suo con l'obiettivo di perpetuare la specie.

Oggi parleremo del meraviglioso istinto materno degli animali. Se pensavate che questa fosse una caratteristica esclusiva degli esseri umani, sbagliavate.

Specie differenti mostrano che l’istinto materno degli animali esiste ed è uguale o addirittura più forte di quello umano. Quindi non si può dire che gli animali non hanno sentimenti.

Da dove viene l’istinto materno degli animali?

Dicono che la natura è saggia, e ne abbiamo la dimostrazione ogni volta che ci avviciniamo al mondo animale per sapere qualcosa di più. Allo stesso modo in cui noi siamo dotati di un istinto materno innato, anche gli animali ce l’hanno. Sembra essere come un chip che tutti abbiamo nel nostro cervello e che ci spinge a dare protezione e cura ai più indifesi.

Jenny Holland, collaboratrice di National Geographic e specialista in biologia e tutela degli animali, afferma che il cervello degli animali sembra programmato non solo per prendersi cura degli altri per fare una buona azione, ma anche con l’obiettivo di preservare la specie.

La cosa curiosa è che questo istinto animale materno attraversa i confini tra le specie, dal momento che molti animali sono disposti ad adottare altri esseri indifesi, anche se non condividono gusti e somiglianze.
Vi ricordate Il libro della giungla? Bene, non si trattava di una storia fantastica o irreale. La natura funziona proprio in questo modo.

Istinto materno

Ad esempio, è stato dimostrato che le balene, esseri imponenti, sono animali che tengono d’occhio e si prendono cura di chiunque ne abbia bisogno.

Spesso sono stati avvistati all’interno del loro branco dei delfini e altre specie animali che potrebbero aver recuperato dalle reti da pesca, o che sono state trovate ferite o orfane.

Sembra che queste adozioni del mondo animale avvengano soprattutto nei momenti dell’allattamento, quando l’ossitocina si alza e creare dei legami sembra più facile.

Lo stesso accade nel caso di scimpanzé, leoni, elefanti e molti altri. La verità è che più riflettiamo su questo tema, più è evidente che gli animali hanno ancora molte lezioni da insegnarci per essere migliori ogni giorno. Non siete d’accordo?

Casi eccezionali di istinto materno animale

Un caso di notevole istinto materno animale potrebbe essere quello degli elefanti. Questi di solito si muovono in branco – solo le femmine e i cuccioli- e camminano in cerchio con i più piccoli al suo interno per proteggerli e prendersi cura di loro. Anche se ogni piccolo elefante ha la propria madre, se uno di loro diventa orfano, sarà adottato dal resto della mandria. Non sarà mai lasciato solo o indifeso fino a quando non raggiungerà l’età adulta.

Sebbene gli elefanti siano animali docili e dall’animo nobile, se qualcuno cerca di minacciare i loro piccoli diventano le bestie più temibili. Lo stesso accade nel caso dei bradipi. Sebbene molti non lo sappiano, la fama di questo animale pigro ha solo a che fare con i suoi movimenti, non con la sua personalità.

Elefanti

Questo animale non è lento o pigro, ma il suo corpo ha una quantità di energia molto ridotta che questo animale deve usare nel miglior modo possibile e preservare per usarla quando è strettamente necessario.

Uno dei casi in cui è utile usare le energie è quando i piccoli sono in pericolo. In quei momenti, i bradipi sono in grado di utilizzare tutta l’energia che hanno risparmiato per proteggere la vita dei loro piccoli. In pochi secondi potrebbero fare a pezzi qualunque predatore con i loro lunghi artigli.

Anche il caso dei canguri è splendido, perché non solo portano i loro piccoli nel marsupio per mesi per proteggerli, ma possono uccidere chiunque intenda ferirli con un calcio.

Inoltre, come nel caso delle balene e degli elefanti, se trovano un cucciolo indifeso lo metteranno nel loro marsupio per il tempo necessario fino a quando non potrà cavarsela da solo e affrontare il mondo.

Orsi polari, leoni, tigri e tante altre specie hanno caratteristiche simili quando si parla di istinto materno animale. Quando si dice che “le madri diventano animali per difendere i propri figli” non è solo un proverbio, ma la realtà.

BERNARDO, J. (1996). Maternal Effects in Animal Ecology. American Zoologist. https://doi.org/10.1093/icb/36.2.83

Uller, T. (2010). Maternal Effects in Mammals. Animal Behaviour. https://doi.org/10.1016/j.anbehav.2010.03.020

Bolwig, N. (1959). A Study of the Behaviour of the Chacma Baboon , Papio ursinus. Behaviour.