Linee guida per l’alimentazione dei conigli

· 16 maggio 2018

I conigli sono animali erbivori, amano moltissimo anche la frutta ma la base della loro dieta dovrebbe essere sempre il fieno. E i mangimi, allora? Per togliervi ogni dubbio sull’alimentazione dei conigli, non perdetevi il seguente articolo. Vi daremo tutte le informazioni e qualche consiglio pratico per nutrire il vostro animale domestico nel modo più corretto e senza commettere errori.

Le basi dell’alimentazione dei conigli

I conigli non sono roditori, bensì leporidi anche se sembrano molto simili a loro. Entrambe queste famiglie di mammiferi hanno in comune il fatto che i denti non smettono mai di crescere, quindi devono essere usati il più possibile, ogni giorno.

Una dieta sana per un coniglio deve essere bilanciata e soddisfare questa necessità di consumare i denti. Se l’alimentazione non permette al coniglio di masticare e rosicchiare a sufficienza, finirà inevitabilmente per causare seri problemi di salute dentale.

Per poter nutrire il vostro coniglio domestico nel modo giusto, basterà prendere in considerazione queste percentuali:

  • 70% della dieta giornaliera per conigli dovrebbe essere composta da fieno.
  • 20-25% da verdure.
  • 5% dovrebbe essere composto da mangime, frutta e snack.
un coniglio nella sua gabbia con la ciotola del mangime

Oltre a tutti i cibi che abbiamo appena elencato, fondamentali, il coniglio dovrebbe sempre avere alla sua portata sufficiente acqua pulita. Le verdure che forniamo dovrebbero essere sempre fresche, crude, lavate e a temperatura ambiente. Ricordatevi di pulire la gabbia ogni giorno dai resti del cibo, per prevenire la comparsa di batteri o cattivi odori.

Il fieno

Il fieno è il cibo più importante che dovreste dare al vostro coniglio. Dovrebbe esserci sempre fieno pulito nella sua gabbia e in sufficiente quantità.

Questa erba spontanea essiccata è essenziale per i conigli e per altri animali, come i porcellini d’India. Quando masticano, muovono e arrotano i denti alla giusta velocità, consumandoli in misura adeguata. Inoltre, il fieno fornisce fibre per il corretto funzionamento dell’intestino e i nutrienti necessari per la loro dieta.

Nei negozi di animali troverete diversi tipi di fieno. Anche se il fieno d’erba (come l’avena) può essere il più adatto, anche il fieno delle leguminose (come l’erba medica) è utile. Per sapere qual è il miglior fieno per il vostro coniglio, è meglio provarne diversi tipi e verificare quale gli piace di più.

Verdure fresche

Soltanto il 20-25% dell’alimentazione dei conigli deve essere costituita da verdure fresche. Questi elementi vegetali hanno molte sostanze nutritive, ma non usurano i denti con la stessa efficacia del fieno. Tuttavia, servono per rendere meno monotona la dieta. Le verdure si trovano facilmente, costano poco e sono di diversa natura e varietà, offrendo ai conigli sapori piacevoli.

bambini accarezzano un coniglio fermo sul prato

Vi consigliamo di preferire verdure a foglia verde, del colore più scuro possibile. Sono, infatti, le varietà che contengono più nutrienti concentrati. Ad esempio, spinaci o bietole sono un’ottima opzione, mentre la lattuga è assai meno interessante.

Dovrete evitare la lattuga iceberg: è semplicemente molto acquose e i suoi valori nutrizionali sono estremamente bassi.

Altri esempi di verdure a foglia verde:

  • Carciofo.
  • Cavoletti di Bruxelles.
  • Soncino (insalata valeriana).
  • Crescione.
  • Foglie di sedano, cavolfiore e cetriolo.

Inoltre, ci sono altre verdure che il vostro coniglio può apprezzare molto. Ad esempio la carota, così come il peperone rosso, il peperone verde o le zucchine. Certo, potrete darglieli in quantità minore, rispetto alle verdure a foglia verde; usatele magari come spuntino o premio.

Frutta e altri alimenti

Ci sono altri alimenti che possono rendere più interessante l’alimentazione dei conigli, anche se dovrete darglieli con moderazione. Sia perché possono causare dolore allo stomaco, se dati in grandi quantità, o perché contengono troppi zuccheri.

La frutta è un’opzione sana e si consiglia di somministrarne, al massimo, un cucchiaio al giorno. Approfittatene per comprare frutta di stagione, così da poter variare sapori e consistenza: fragola, pesca, mela o pera sono molto facili da trovare e, per il vostro coniglio, sono delle vere prelibatezze.

Molte persone usano anche del mangime. Ogni volta che vorrete integrare la loro dieta, ricordate che questo prodotto non sostituisce il fieno. Infatti, non soddisfa completamente la sua necessità di rodere e consumare i denti. Scegliete un mangime specifico per conigli, di alta qualità e offritegliene una cucchiaiata al giorno, ma niente di più.

due conigli mangiano del pane secco dalle sbarre di una gabbia

Ci sono anche degli spuntini industriali che potete dare al coniglio, ma fatelo sempre con moderazione. Se volete usarli come premi, al pari dei dolci, è meglio utilizzare cibi fatti in casa e alimenti industriali non lavorati, poiché sono in genere più sani. Ad esempio, fette di frutta secca o noci.

Alimenti vietati: cosa non dare mai al coniglio

Non tutte le verdure sono buone per il vostro coniglio domestico. Anzi, ce ne sono alcune che sono dannose o tossiche. Evitate di dare questi alimenti da mangiare al vostro animale domestico:

  • Zucchero, sale o olio.
  • Avocado.
  • Aglio.
  • Patata.
  • Cipolla, cipollina e simili.
  • Barbabietola.
  • Agrumi acidi come arancia, pompelmo o limone

La base dell’alimentazione dei conigli dovrebbe sempre essere fieno, ma esistono anche altri elementi che vi permetteranno di completare questa dieta, altrimenti troppo monotona. Sfruttate la qualità e la ricchezza nutritiva delle verdure e della frutta di stagione (in piccole quantità), per nutrire bene, in modo equilibrato e corretto, il vostro coniglio domestico.