Lo stato di conservazione del ghepardo

· 25 Maggio 2019
Lo stato di conservazione del ghepardo è drammatico: questo animale è sulla soglia dell'estinzione, e sparirà certamente senza il nostro aiuto.

Il ghepardo è conosciuto per essere uno degli animali più veloci del mondo. Tuttavia, lo stato di conservazione del ghepardo dimostra che senza ricerca e supporto, questo animale non può sfuggire dall’estinzione. Questa meravigliosa specie di felino è minacciata da diversi fattori, e uno di questi è la sua storia biologica peculiare. Vediamo insieme perché lo stato di conservazione del ghepardo è così a rischio.

Lo stato di conservazione del ghepardo: un genoma delicato

Circa 12.000 anni fa, nel tardo Pleistocene, c’erano ghepardi in America, Europa e Asia. La loro improvvisa estinzione ha prodotto quello che è noto come “collo di bottiglia”: dato che rimangono così pochi sopravvissuti di una specie, la variabilità genetica è ridotta. Ciò causa enormi conseguenze sui discendenti, soprattutto per quanto riguarda la riproduzione e la resistenza alle malattie infettive. Entrambi sono fattori molto importanti per la conservazione del ghepardo.

Questa bassa variabilità genetica e l’omozigosi, anche maggiore rispetto a specie come il gorilla di montagna, causa il fatto che i ghepardi abbiano enormi problemi a riprodursi, almeno in cattività.

Uno studio pubblicato nel 1981 ha rivelato che la concentrazione dello sperma dei ghepardi era 10 volte inferiore a quella dei gatti domestici e che il 71% di essi mostrava alterazioni morfologiche.

Famiglia di ghepardi

A questi problemi si unisce il calore del ghepardo, che è difficile da individuare. Di conseguenza, è estremamente complicato decidere quando riunire due animali nei programmi di allevamento.

Questo genoma delicato influenza lo stato di conservazione del ghepardo anche in termini di resistenza alle malattie di origine infettiva. Infatti,  il ghepardo è molto suscettibile alle malattie che colpiscono i gatti domestici, come la peritonite infettiva felina, che provoca il 60% delle perdite rispetto al 2% provocando nei gatti È interessante notare che, a causa di questo genoma, i ghepardi non rifiutano gli innesti cutanei, anche se provengono da altri individui.

Situazione attuale del ghepardo

Lo stato di conservazione del ghepardo oggi è più che mai a rischio: attualmente sono rimasti meno di 10.000 ghepardi sul pianeta, un terzo dei quali in Namibia. Negli ultimi 100 anni, il 90% dei ghepardi è scomparso.

I ghepardi sono i felini selvatici che attaccano soprattutto il bestiame, e che inoltre hanno forti probabilità di essere preda a loro volta di altre specie come leoni o iene. Ciò ha causato un conflitto simile a quello presente in Spagna con il lupo iberico: alla fine del 20 ° secolo, questo conflitto si è concluso con la morte di quasi 1.000 esemplari ogni anno.

Ghepardo nella savana

Un’altra delle minacce allo stato di conservazione del ghepardo, oltre alle malattie infettive, è costituita dal traffico illegale come animali domestici.

Per rimediare a questo problema, le associazioni come Cheetah Conservation Fund realizzano attività educative e promuovono l’eco-turismo responsabile. Inoltre, favoriscono il sostegno per il bestiame locale attraverso l’uso di razze autoctone di cani da guardia.

I cani che vengono addestrati per proteggere il bestiame di questo predatore sono di razza kangal turco, che si è dimostrato un grande alleato degli agricoltori locali. Questo tipo di programma ha aiutato a ridurre notevolmente il conflitto tra le due parti.

  • Dobrynin, P., Liu, S., Tamazian, G., Xiong, Z., Yurchenko, A. A., Krasheninnikova, K., … & Kuderna, L. F. (2015). Genomic legacy of the African cheetah, Acinonyx jubatus. Genome biology16(1), 277.
  • O’Brien, S. J., Roelke, M. E., Marker, L., Newman, A., Winkler, C. A., Meltzer, D., … & Wildt, D. E. (1985). Genetic basis for species vulnerability in the cheetah. Science227(4693), 1428-1434.