Locusta, la cavalletta gigante

· 29 luglio 2018

Ci sono molte specie di cavallette, ma quando le dimensioni diventano davvero sorprendenti, in questo caso parliamo di un tipo diverso, denominato locusta.

Questa specie di insetti ortotteri (nota come “locusta comune” o “locusta migratoria“) include 7 sottospecie, in prevalenza di origine africana. Sono ben noti fin dall’antichità, tanto da essere citati persino nella Bibbia, il testo sacro della religione cristiana. Se volete sapere tutto sulle locuste, non perdetevi questo articolo.

Cavalletta o locusta?

Molti pensano che siano due animali diversi… In realtà, la locusta è una versione adattata della cavalletta. Potremmo dire che questo animale ha una doppia personalità. Mentre la cavalletta è un animale innocuo, che vive nei campi saltando e svolazzando, la locusta rappresenta una vera e propria piaga, dal momento che mangia e distrugge tutta la vegetazione che trova sulla sua strada.

Seguendo una vera e propria metamorfosi, le cavallette diventano locuste quando si alimentano abbastanza da poter crescere e iniziano ad adottare abitudini gregarie. Un modo per trarre ancor più vantaggio dalla presenza di esemplari simili.

Vivono in modo solitario fino a quando scelgono di creare gruppi anche molto grandi. Un cambiamento che non riguarda solo il loro modo di agire ma che modifica persino la loro personalità. Così, sfruttando il detto “l’unione fa la forza”, si convertono in un vero e proprio sciame assassino che devasta ogni cosa che trova.

Ovviamente, questa mutazione non avviene in tutte le sottospecie di cavallette. C’è una stima approssimativa secondo cui la trasformazione avverrebbe in ben 10 delle 8.000 specie esistenti.

Uno sciame di locuste volano in campagna

Gli sciami di locuste

Quando le locuste si riuniscono, possono coprire aree di 1.200 chilometri con circa 80 milioni di esemplari per chilometro quadrato. Ora comprendiamo cosa voleva dire la Bibbia nel narrare l’ottava piaga che Dio mandò per punire il popolo egizio! A partire da questa leggenda, si iniziò a studiare più a fondo questo animale.

Sono in grado di percorrere circa 200 chilometri al giorno a circa 2.000 metri di altezza e la cosa più impressionante è che potrebbero divorare un enorme campo di grano in un solo giorno. Fino a 100.000 tonnellate di piante! Sono voraci e devastanti, non c’è dubbio.

Una delle peggiori piaghe di locuste, nell’era moderna, ha avuto luogo sull’isola del Madagascar, un luogo che vive praticamente di agricoltura. Nel 2012, l’economia della maggiore isola africana fu letteralmente messa in ginocchio per colpa delle locuste.

Locuste mentre aggrediscono delle piante

Il governo decise di portare avanti un’azione disinfestante su larga scala, durata almeno quattro anni, trovando con difficoltà i fondi necessari per completarla e portarla a termine. Un caso davvero eclatante che fece seguito a diverse altre invasioni di locuste già registrate, nei secoli passati, in Africa, Australia e Europa meridionale.

Perché e come avviene la mutazione da cavalletta a locusta?

Questa trasformazione ha luogo quando le condizioni di vita diventano favorevoli e, incredibilmente, bastano due ore affinché una cavalletta diventi locusta. La nuova struttura può persino triplicare le dimensioni della cavalletta originale.

Sembra che questo derivi dalla schiusa delle uova, e che quando sono molte, l’organismo chiede un cambiamento nella forma e nel colore, facendo crescere e allungare sia la struttura corporea che il cervello. Una volta completata la metamorfosi, gli esemplari rilasciano feromoni che attraggono altri esemplari, dando il via alla riproduzione. In tal modo, verrà creato uno sciame sempre più grande che non si separerà mai.