Lupo etiope: habitat e caratteristiche

Nonostante la sua costante minaccia, il lupo etiope rimane un esemplare unico al mondo per il suo raro comportamento.
Lupo etiope: habitat e caratteristiche

Ultimo aggiornamento: 04 ottobre, 2021

Tra le diverse specie di lupi, una delle meno conosciute è il lupo etiope (Canis simensis). Questo animale è uno dei mammiferi più minacciati al mondo e lotta ogni giorno nell’ecosistema selvaggio africano per sopravvivere. È interessante notare che esistono due sottospecie che si distinguono per il loro habitat: C. s. simensis a nord-ovest e C. s. citerni a sud-est.

Alcune ricerche hanno dimostrato che il lupo etiope è più strettamente imparentato con lupi grigi e coyote rispetto a qualsiasi altro canide africano (come sciacalli o licaoni). Ciò potrebbe essere dovuto a una possibile invasione passata del lupo grigio in Nord Africa. Nei paragrafi successivi imparerete a conoscere gli aspetti più importanti e distintivi di questo predatore africano.

Habitat del lupo etiope

Il lupo etiope è una specie di canide originaria dell’Africa e della regione etiope, dove è più diffusa. All’interno di questo paese, solo 7 località hanno la fortuna di avere questo esemplare, soprattutto in montagna. Può però frequentare saltuariamente le pianure o i prati che compongono un ecosistema afro-alpino.

Questi lupi vivono generalmente in piccoli gruppi ad un’altezza di oltre 3.000 metri sul livello del mare. Inoltre, dentro gli allevamenti si osserva una struttura gerarchica definita. Il raggruppamento è composto da 2 o più femmine e 5 maschi imparentati.

Uno dei comportamenti di questo canide per stabilire dei limiti nel suo habitat è la marcatura con urina e feci in un raggio da 5 a 15 metri quadrati.

Una coppia di lupi etiopi.

Caratteristiche fisiche

Questo mammifero è fisicamente caratterizzato dalla somiglianza con un cane domestico primitivo. La sua taglia è lunga 90 o 100 centimetri e la sua altezza varia tra i 25 e i 34 centimetri sopra le spalle. Per quanto riguarda il peso, esiste un dimorfismo sessuale (in quanto le femmine sono più leggere dei maschi), poiché le prime pesano da 11,5 a 14 chili e le seconde da 14 a 19,3 chili.

La longevità del lupo etiope è di 8-10 anni in natura.

I lupi etiopi si distinguono dalle altre specie per la loro pelliccia, che varia tra il rosso e l’arancione, che copre quasi tutto il corpo. Tuttavia, l’interno delle sue orecchie è bianco, così come la parte inferiore degli occhi, il muso, le zampe e la coda. Questa specie di lupo ha zampe e orecchie molto lunghe e una coda con pochi peli.

Comportamento del lupo etiope

È stato osservato che il lupo etiope è meno aggressivo rispetto ad altre specie. Nel tentativo di sopravvivere, cerca di andare d’accordo con gli altri branchi. Individui di diversi gruppi sono stati visti anche pattugliare i loro terreni all’alba. Le loro abitudini sono diurne e di solito dormono all’aperto la notte.

Quando i lupi etiopi sono costretti a condividere l’habitat con gli umani, tendono ad abbandonare le loro abitudini diurne e ad essere notturni o al crepuscolo per evitare di essere attaccati.

Come accennato in precedenza, questi lupi hanno una struttura gerarchica molto forte che inizia a definirsi non appena i cuccioli giocano a combattere tra fratelli. Per allertare i suoi branchi di qualche strano membro o della presenza dell’uomo, il lupo etiope ricorre a diversi tipi di vocalizzazioni (come sbuffi o ululati).

Questi suoni hanno generalmente un’alta frequenza e gli ululati solitari possono essere ascoltati da 5 chilometri di distanza. Pertanto, il lupo etiope è considerato un metodo di comunicazione molto efficace.

L’alimentazione del lupo etiope

A differenza di altri canidi, il lupo etiope caccia individualmente (anche se i suoi branchi sono in numero inferiore ad altre specie). Ogni individuo si sforza di procurarsi il proprio cibo e di fornirlo ai propri piccoli. Questa specie non ha molti problemi a cacciare, poiché la sua dieta è composta principalmente da roditori.

Questi canidi preferiscono cacciare le talpe giganti (Tachyoryctes macrocephalus), poiché costituiscono il 40% della loro dieta. Allo stesso modo, possono predare altri mammiferi più piccoli o ricorrere a lepri e carogne. In occasioni molto specifiche, è stato osservato che collaborano insieme per nutrirsi di antilopi, pecore o capre.

Riproduzione del lupo etiope

Quando arriva la stagione riproduttiva, è normale che le mandrie crescano un po’ per garantire l’accoppiamento dei maschi. Questi sono per lo più costretti a cercare un compagno al di fuori del loro gruppo, un comportamento che normalmente non si verifica in altre specie di lupi. Tuttavia, quei maschi che si accoppiano all’interno della loro mandria lo fanno essendo quelli dominanti.

Sebbene l’accoppiamento avvenga tra maschi e femmine subordinati, i loro piccoli sopravvivono raramente. Al contrario, le femmine subordinate preferiscono allattare la prole della femmina dominante e rischiano la sopravvivenza della propria prole.

Prima dell’accoppiamento, la femmina dominante aumenta la sua marcatura olfattiva e il comportamento aggressivo nei confronti delle femmine subordinate. Il lupo etiope si riproduce da 3 a 5 giorni in periodi di circa 15 minuti. Una volta all’anno, tra ottobre e gennaio, le femmine dominanti partoriscono da 2 a 6 piccoli e la loro gestazione è di 60-62 giorni.

Alla nascita, i cuccioli di lupo etiope hanno gli occhi chiusi e non hanno denti. Il suo mantello è grigio antracite, con una macchia beige sul petto. Dopo la terza settimana di vita, i loro capelli iniziano a essere sostituiti dal colore rossastro dell’adulto normale e i giovani iniziano ad emergere dalla tana.

Tra la quinta e la decima settimana, la loro dieta a base di latticini viene integrata con cibi solidi rigurgitati da altri membri della mandria. Dalla settimana 10 ai 6 mesi di vita, il lupo etiope sopravvive solo con cibo solido fornito da esemplari del suo gruppo. La loro maturità sessuale viene raggiunta a 2 anni di vita.

Stato di conservazione

Secondo l’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN), il lupo etiope è una specie in via di estinzione e le sue minacce sono il bracconaggio e la riduzione del suo habitat naturale. Sebbene sia protetto dalla legge, gli agricoltori nelle aree in cui potrebbe essere presente questo mammifero continuano ad attaccarlo per proteggere le loro mandrie.

Allo stesso modo, all’inizio del XX secolo questi canidi subirono gravi persecuzioni a causa di un’epidemia di rabbia che poteva essere controllata. Oggi si stima che la loro popolazione sia compresa tra 500 e 600 individui ed è molto complesso conoscerne il numero esatto a causa della zona in cui vivono (e dei loro continui spostamenti).

Un lupo etiope.

Come avete potuto vedere, il lupo etiope è una specie unica al mondo, ma purtroppo potrebbe scomparire. Il suo comportamento e le sue caratteristiche fisiche fanno di questo mammifero un animale molto speciale che lotta per sopravvivere in un habitat costantemente attaccato e ridotto.

Potrebbe interessarti ...
Gli ultimi lupi etiopi: caratteristiche e comportamento
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Gli ultimi lupi etiopi: caratteristiche e comportamento

I lupi etiopi sono noti per essere i canidi più minacciati di tutta l'Africa. Ma i loro comportamenti di caccia ci sorprendono ancora...