Malattie oncologiche nei cani: tutto ciò che bisogna sapere

19 marzo, 2021
Le malattie oncologiche nei cani variano in termini di sintomi, prognosi e trattamento, a seconda della loro posizione. L'importanza di conoscerle risiede nel fatto che la cura è tanto più efficace quanto più è precoce.

Le malattie oncologiche nei cani sono quelle che comprendono tutte le neoplasie (tumori), in particolare quelle maligne con potenziale metastasi. I tumori sono relativamente comuni in questi animali, poiché si stima che a 99 cani su 1000 venga diagnosticato ogni anno un tumore canceroso, soprattutto in età adulta.

Il termine “cancro” ci scuote tutti, poiché racchiude una serie di patologie che in molti casi presentano prognosi gravi. In ogni caso, la comparsa di un tumore maligno non è mai la fine della strada, né nei cani né negli esseri umani. Qui vi diciamo tutto ciò che dovete sapere sulle malattie oncologiche nei cani.

Le più comuni malattie oncologiche nei cani

La parola “cancro” non si riferisce a una singola patologia, ma a un insieme di malattie con caratteristiche comuni. In un processo cancerogeno, una linea cellulare mutante smette di rispondere ai normali periodi di crescita e morte e, quindi, finisce per crescere in modo incontrollabile. Ecco come nasce il tumore.

Tuttavia, va notato che non tutti i tumori sono cancerogeni. Quando le cellule tumorali crescono in modo limitato e localizzato e non si diffondono ad altre parti del corpo, abbiamo a che fare con una neoplasia benigna.

Come vedremo, ci sono molti tipi di cancro – quasi tanti quanti sono i tessuti del nostro corpo – e i sintomi possono variare moltissimo. Nelle righe seguenti presentiamo le peculiarità delle principali malattie oncologiche del cane.

Un cane dal veterinario con problemi cardiaci.

1. Mastocitoma canino

I mastocitomi canini rappresentano fino al 20% dei tumori cancerosi localizzati a livello della pelle, come indicato dal portale Acta Veterinaria Scandinavica. È un cancro di eziologia abbastanza sconosciuta, ma è comunemente associato a fattori genetici, infiammatori e infettivi.

Appare principalmente nei cani anziani, specialmente sulla superficie della pelle vicino al bacino – fino al 50% dei casi. Se questa lesione viene rilevata nel cane, è essenziale agire chirurgicamente. La capacità metastatica dei mastociti è imprevedibile, quindi ogni secondo conta.

2. Melanoma

Il melanoma è il tipo più comune di cancro nella zona del viso. Questo tumore è la causa fino al 45% dei tumori orali nei cani, poiché si trova principalmente nella bocca e nelle labbra dell’animale, sebbene possa verificarsi anche nel resto della pelle del corpo.

Questo tumore si manifesta come una massa pigmentata che tende a ulcerarsi e sanguinare man mano che aumenta di dimensioni. Se rilevati precocemente, la chirurgia e la radioterapia sono i migliori alleati, poiché i melanomi sono abbastanza resistenti al trattamento chemioterapico.

3. Linfoma

Il linfoma è un tipo di cancro del sistema linfatico, che può interessare diverse aree: linfonodi, milza, timo e midollo osseo. Esistono circa 30 varianti di linfomi nei cani, con sintomi diversi e prognosi molto diverse. Tuttavia, la maggior parte di loro viene trattata con la chemioterapia.

Va notato che questo tipo di malattia è associato alla razza del cane e, quindi, alla sua genetica. Ad esempio, quasi il 20% dei golden retriever muore a causa del linfoma. Questa razza è particolarmente colpita dal cancro, poiché fino a 7 su 10 di questi cani muoiono a causa di un tumore maligno e dei suoi effetti.

4. Osteosarcoma

L’osteosarcoma è il tumore osseo più comune nei cani. Rappresenta l’85% dei tumori scheletrici primari, che si manifestano con dolore molto intenso e disabilità locomotoria nel cane. Questa patologia è dovuta alla sovrapproduzione delle cellule responsabili del mantenimento della stabilità dell’osso, degli osteoblasti e degli osteoclasti.

5. Emangiosarcoma, la più comune tra le malattie oncologiche nei cani

L’emangiosarcoma è un tumore che si trova in qualsiasi dotto vascolare, cioè vene, arterie e capillari sanguigni. È molto maligno e aggressivo, quindi la prognosi – anche con il trattamento – è molto prudente. Corrisponde a quasi il 5% di tutti i tumori nei cani, essendo forse il cancro più comune nella specie.

L’emangiosarcoma è 10 volte più comune del resto delle neoplasie canine. Ancora una volta, i golden retriever portano il peso maggiore, poiché fino al 23% di loro muore a causa di questo cancro.

Principali tipi di cancro nei cani. Golden retriever su un sentiero.

Malattie del cancro nei cani e prevenzione

Alcune delle malattie oncologiche qui descritte hanno una prognosi molto sfavorevole, ma altre sono generalmente affrontate in modo soddisfacente se diagnosticate precocemente. Ad esempio, i mastociti e i melanomi possono essere trattati con la chirurgia e la radioterapia, che possono salvare il cane da un esito fatale.

D’altra parte, patologie come l’emangiosarcoma vengono solitamente rilevate quando il cane ha poco più di un mese di vita. In questi casi l’unica opzione è accompagnare l’animale nei suoi ultimi istanti.

  • Nishiya, A. T., Massoco, C. O., Felizzola, C. R., Perlmann, E., Batschinski, K., Tedardi, M. V., … & Zaidan Dagli, M. L. (2016). Comparative aspects of canine melanoma. Veterinary sciences, 3(1), 7.
  • Schneider, R., Dorn, C. R., & Taylor, D. O. N. (1969). Factors influencing canine mammary cancer development and postsurgical survival. Journal of the National Cancer Institute, 43(6), 1249-1261.
  • Baioni, E., Scanziani, E., Vincenti, M. C., Leschiera, M., Bozzetta, E., Pezzolato, M., … & Ru, G. (2017). Estimating canine cancer incidence: findings from a population-based tumour registry in northwestern Italy. BMC veterinary research, 13(1), 1-9.
  • Ostrander, E. A., Dreger, D. L., & Evans, J. M. (2019). Canine cancer genomics: lessons for canine and human health. Annual review of animal biosciences7, 449-472.