Malattie più comuni dei parrocchetti ondulati

La maggior parte delle malattie nei parrocchetti ondulati sono facili da trattare, tuttavia è necessario rivolgersi a un veterinario per una diagnosi tempestiva.
Malattie più comuni dei parrocchetti ondulati

Ultimo aggiornamento: 14 marzo, 2022

I parrocchetti ondulati sono una delle specie di uccelli più frequentemente tenuti in casa come animali da compagnia. Questo perché non hanno dimensioni eccessive e sono in grado di adattarsi bene al loro ambiente. Inoltre, sfoggiano un piumaggio variopinto, che insieme a quanto sopra li rende un’ottima scelta come animali domestici. Tuttavia, possono essere suscettibili a determinate malattie potenzialmente letali.

Il nome scientifico di questo uccello è Melopsittacus undulatus, appartenente alla famiglia degli Psittaculidae. In effetti, questa specie è una delle più strettamente imparentate con i pappagalli. Continuate a leggere questo articolo e scoprite le malattie più comuni che colpiscono i parrocchetti ondulati.

Tipi di malattie negli uccelli

La maggior parte delle malattie che colpiscono gli uccelli sono causate dal tipo di dieta o dalla qualità del loro habitat. Tuttavia, esiste un’ampia varietà di patologie che possono compromettere la salute di questi splendidi animali. Per facilitarne lo studio, queste condizioni possono essere classificate come segue:

  • Malattie batteriche.
  • Malattie virali.
  • Carenze nutrizionali.
  • Malattie neoplastiche.
  • Malattie parassitarie.
  • Disfunzioni ormonali (endocrine).
  • Malattie fungine (fungine).
Il mio uccello è scappato: cosa faccio?

Quali sono le patologie più comuni nei parrocchetti ondulati?

Le malattie comuni che colpiscono i parrocchetti ondulati sono in genere conosciute, in quanto si tratta di una delle specie tra le più famose come animale da compagnia. Grazie a ciò, è possibile elencare le varie patologie in modo che altri padroni facciano attenzione alla salute del loro animale domestico. Le malattie più comuni in questi uccelli sono presentate di seguito.

Rogna cnemidocoptica (rogna del becco o delle zampe)

Questa malattia parassitaria è provocata dagli acari del genere Knemidocoptes, che provocano lesioni sotto le scaglie delle zampe. Di conseguenza, la pelle degli uccelli si inspessisce (ipercheratinizza), crescendo fino a distorcere il loro aspetto. Questa malattia può colpire anche il becco e il contorno occhi con gli stessi sintomi delle zampe.

La diagnosi viene fatta attraverso un’analisi fisica con l’obiettivo di trovare l’acaro che causa la patologia. Di solito si procede raschiando la lesione, che viene visualizzata poi al microscopio. Una volta effettuata la diagnosi, il veterinario prescriverà l’uso di un acaricida per risolvere il problema.

Carenza di iodio (gozzo)

Questa malattia è causata da una carenza nutrizionale di iodio, che provoca un ingrossamento (iperplasia) della ghiandola tiroidea. Questa struttura si trova intorno alla trachea e produce ormoni essenziali per lo sviluppo. Quando viene colpita, provoca problemi nello sviluppo del parrocchetto e ostacola il passaggio dell’aria.

A seconda della gravità del caso, la condizione può essere rilevata tramite palpamento della zona della gola. Oltre a questo, sarà necessario eseguire un esame del sangue per verificare i valori della tiroide. Il trattamento di solito non è complicato, poiché è richiesto solo l’uso di integratori alimentari. In generale, l’uccello di solito si riprende entro i successivi 5 giorni.

Diabete mellito

È una malattia causata dall’incapacità dell’organismo di utilizzare o produrre l’ormone insulina (malattia ormonale). Di conseguenza, provoca un aumento del livello di glucosio nel sangue, che a sua volta causa varie problematiche negli organi e nel sistema immunitario. Per questo motivo, gli uccelli diventano più suscettibili alle infezioni.

I parrocchetti ondulati possono essere colpiti da tumori renali che portano all’insorgenza del diabete. Inoltre, la diagnosi deve essere effettuata mediante diversi test clinici che includono campioni di sangue e campioni di urina. Per quanto riguarda il trattamento, a seconda della gravità del caso, possono rivelarsi necessarie la somministrazione di insulina e la modifica della dieta.

Clamidiosi

La clamidiosi è una malattia causata dal batterio Chlamydia psittaci, che provoca un’infezione generale progressiva. Tra i sintomi più comuni vi sono perdita di peso, piumaggio arruffato, secrezioni oculari o nasali, letargia e in alcuni casi complicanze respiratorie.

Questa malattia è solitamente facile da diagnosticare attraverso test clinici adeguati. Tuttavia, è possibile che la clamidiosi infetti i padroni (zoonosi), quindi è necessario prestare attenzione all’igiene dei propri animali domestici. Per quanto riguarda il trattamento, il veterinario potrebbe prescrivere l’uso di antibiotici. Tenete presente che questa patologia può aggravarsi e causare la morte dell’uccello, quindi cercate di trattarla il prima possibile.

Virus del polioma (poliomavirus aviario)

Questo patogeno è riconosciuto come uno dei più problematici per gli uccelli appena nati. Questa malattia è letale per la maggior parte dei pulcini infetti, mentre negli adulti si sviluppa resistenza. Di conseguenza, gli esemplari più grandi diventano vettori della malattia. Per venire infettato, basta entrare in contatto con le feci di un animale che presenta l’agente patogeno.

La diagnosi è complessa e può essere fatta attraverso test molecolari, poiché i segni clinici della malattia non sono molto specifici. Come se non bastasse, attualmente non esiste un trattamento efficace contro questo virus. Questo fa sì che i pulcini muoiano senza che si possa fare niente, mentre gli adulti di solito sopravvivono senza problemi.

Cera marrone nel maschio

E’ possibile riconoscere il sesso dei parrocchetti della cera, una struttura che si trova alla base del becco, proprio accanto agli occhi. Nelle femmine quest’area è di colore marrone quando sono in calore, mentre i maschi presentano sempre colori blu o rosa.

Se il maschio soffre di qualche alterazione a livello di ormoni sessuali, la cera può diventare marrone. Tale cambiamento di colore può essere causato anche da tumori dell’apparato riproduttivo, età avanzata o qualche altra patologia associata. In caso si presenti questa condizione, è meglio andare dal veterinario per indagare su quale sia la causa del problema.

Malattia di Newcastle (pseudopeste aviare)

Questa condizione è causata dal paramyxovirus, che in genere è molto contagioso. E’ molto pericoloso e rientra nel Codice di Sanità per gli Animali Terrestri dell’Organizzazione mondiale della sanità animale. I sintomi più comuni sono respiro affannoso, starnuti, naso che cola, perdita di appetito, tremori muscolari e diarrea.

È molto importante sottolineare che la gravità dipende dal ceppo con cui l’uccello è stato infettato. Inoltre, non esiste un trattamento efficace per curare questa patologia e l’unica cosa che potete fare sarà aspettare che l’animale si riprenda da solo. Come se non bastasse, anche questa malattia è zoonotica e rischia venire contagiato anche il padrone.

Coccidiosi aviaria

La coccidiosi è una patologia causata da endoparassiti del genere Eimeria. Questa malattia provoca gravi disturbi all’apparato digerente, quindi i primi segni sono diarrea, vomito e sete eccessiva. Man mano che il caso peggiora, l’uccello inizia a perdere peso e sembra avere un aspetto abbattuto.

La diagnosi viene solitamente effettuata mediante l’analisi delle feci. Per il trattamento vengono spesso utilizzati farmaci come i sulfamidici, oltre a diete arricchite con probiotici.

Giardiasi

Questa patologia è causata da un endoparassita del genere Giardia che provoca problemi intestinali nell’uccello. I sintomi più comuni includono diarrea maleodorante, perdita di peso e prurito alla pelle. Tuttavia, alcuni esemplari possono essere asintomatici e pertanto sono in grado di infettare altri organismi senza mostrare alcun segno di infezione.

Fortunatamente, la giardiasi non costituisce un problema serio per il vostro animale domestico, poiché è facile da eliminare con un trattamento adeguato. Nonostante questo, i pulcini appena nati possono rischiare di morire se questa patologia non viene trattata adeguatamente.

Tumori (neoplasie)

Le neoplasie di solito hanno un’incidenza che varia tra il 16 e il 24% dei parrocchetti visitati in clinica, sebbene la causa non sia chiara in tutti i casi. Questo problema è caratterizzato da una crescita cellulare anormale, che può causare diversi segni clinici lievi o gravi. Alcuni dei tumori più comuni sono i seguenti:

  • Carcinoma renale.
  • Carcinoma gastrico.
  • Papilloma cloacale.
  • Tumori gonadici.
  • Adenoma ipofisario.
Perché il mio uccello mi morde?

I parrocchetti ondulati possono soffrire di diversi tipi di malattie comuni. Tuttavia, la maggior parte è causata da una scarsa cura o da cattive abitudini igieniche. Non avete nulla da temere se tenete l’ambiente del vostro animale domestico in buone condizioni. Tuttavia, ricordate che le regolari visite dal veterinario sono la scelta migliore per garantire la salute del vostro animale domestico.

Potrebbe interessarti ...
Parrocchetto: alimentazione dei pulcini
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Parrocchetto: alimentazione dei pulcini

Il parrocchetto è un uccello piuttosto diffuso come animale domestico. Quando la madre dà alla luce i pulcini, bisogna prendersi cura dell'alimenta...



  • DE FREITAS, F., BIANQUE DE OLIVEIRA, A., DOWELL DE BRITO CAVALCANTI, M., SOARES LEITE, A., SANTIAGO MAGALHAES, V., ALVES DE OLIVEIRA, R., & EVENCIO SOBRINO, A. (2002). Parásitos gastrointestinales de aves silvestres en cautiverio en el estado de Pernambuco, Brasil. Parasitología latinoamericana, 57(1-2), 50-54.
  • Acosta, I., Soto, C. J., & Cruz, E. (2008). Giardia spp.(Diplomonadidae) in budgerigars (Melopsittacus undulatus) in Cuba. Revista de Salud Animal, 30(1), 63-64.
  • Baez Arellano, J. (1994). Patología de las aves. Editorial Trillas.
  • Steiner, C. V., & Davis, R. B. (1985). Patología de las aves enjauladas: temas seleccionados (No. 04; SF994. 2. A1, S8y.). Acribia.
  • González-R, Y. M., Ochoa-Amaya, J. E., González-Paya, G., Ciuoderis-Aponte, A. K., Cruz-Ochoa, P. F., & Cruz-Casallas, P. E. (2015). Estudio retrospectivo de hallazgos histopatológicos en animales silvestres de vida libre y en cautiverio en Villavicencio, Colombia. Orinoquia, 19(1), 44-55.
  • Otero, D. F. (1994). Clamidiosis aviar. Veterinaria (Montevideo), 29(123), 18-22.
  • Cazorla Perfetti, D., & Morales Moreno, P. (2016). Uso del azufre precipitado en petrolato para el tratamiento tópico de la sarna Knemidocóptica (Knemidocoptes sp) en dos gallos. Revista de Investigaciones Veterinarias del Perú, 27(2), 397-402.