Maltrattamento degli animali e conseguenze legali

Le leggi sul maltrattamento degli animali si sono evolute e si sono adattate a tempi e concetti nuovi. Come sono nella realtà?
Maltrattamento degli animali e conseguenze legali

Ultimo aggiornamento: 23 maggio, 2021

Il concetto di maltrattamento degli animali comprende tutte le forme di abuso fisico o emotivo, così come la negligenza e il disinteresse per i bisogni fondamentali di un animale domestico o selvatico. Vale a dire, qualsiasi azione o contesto che produca dolore o sofferenza all’animale in questione.

Il maltrattamento non sempre si esprime attraverso la violenza fisica diretta, come i colpi o il confinamento. Ad esempio, se un proprietario non fornisce acqua, cibo e igiene al suo animale domestico, condannandolo a condizioni di vita malsane, anche questa è una forma di violenza.

Allo stesso modo, sfruttare la forza fisica di un animale costringendolo a lavorare oltre le sue capacità fisiche è considerato un abuso. Oppure, l’addestrare un animale per combattimenti illegali.

Per riassumere, si può dire che le seguenti condizioni si caratterizzano come maltrattamento degli animali:

  • Mancata somministrazione di cibo nella giusta quantità e qualità, così come di acqua pulita adatta al consumo.
  • Mantenere l’animale in condizioni malsane, senza fornire un’adeguata igiene nel suo ambiente.
  • Costringere l’animale a lavorare per diverse ore continuate senza pause o quando non è in condizione di farlo.
  • Esercitare la violenza fisica utilizzando o meno strumenti che causano dolore, come cinture, fruste, ecc.
  • Sperimentare la forza fisica dell’animale costringendolo a tirare carrelli, a trasportare pesi in eccesso o a partecipare a combattimenti illegali.
  • Forzare o stimolare l’animale con farmaci e sostanze chimiche.
  • Abbandono.

Conseguenze legali del maltrattamento degli animali

Ogni paese può avere la propria legislazione in materia di sanzioni per gli abusi sugli animali. Teoricamente, l’aggressore potrebbe essere punito con la reclusione da 15 giorni a un anno, a seconda del paese. In Italia, l’articolo 544 del codice penale prevede una pena da tre a diciotto mesi di reclusione per chi abusa degli animali.

Tuttavia, in pratica, è difficile che una persona sconti la pena in carcere per una denuncia di maltrattamento di animali. La maggior parte dei colpevoli finisce per pagare multe o svolgere un servizio alternativo per la comunità, soprattutto se sono incensurati o se non sono mai stati denunciati.

Purtroppo, molte legislazioni ancora non riconoscono i diritti degli animali. Il suo campo di applicazione si estende alla protezione del benessere e dell’integrità degli animali, ma non concede loro diritti specifici.

Come denunciare un maltrattamento degli animali.

Come denunciare un maltrattamento degli animali?

Il passo successivo dopo l’identificazione di un caso di maltrattamento degli animali è quello di formalizzare la denuncia. Sebbene le conseguenze legali di questo reato non siano proporzionali al danno causato alle vittime, la denuncia permette di liberare l’animale da enormi sofferenze e di offrirgli una migliore qualità di vita.

Al momento di fare la denuncia, è essenziale mantenere la calma per poter esprimere in modo chiaro e oggettivo le situazioni di abuso di cui si è stati testimoni.

Inoltre, anche se l’operatore che riceve la segnalazione non sembra interessato al caso è importante non rinunciare alla denuncia. Purtroppo, c’è ancora una grande mancanza di sensibilità e di empatia quando si parla di abusi sugli animali.

Se possibile, è sempre meglio fare la denuncia di persona. Inoltre, sarebbe meglio accompagnare la vostra dichiarazione con foto, video e testimonianze che provino le aggressioni nei confronti dell’animale. Ciò offrirà maggiore serietà e affidabilità al vostro rapporto, ed inciterà le autorità ad agire rapidamente per fermare l’abuso.

È anche consigliabile raccogliere più dati possibile sull’aggressore, come il nome e l’indirizzo; questo faciliterà l’azione delle autorità. Ad esempio, in Italia è possibile presentare una denuncia di persona presso un ufficio di Polizia, una Stazione dei Carabinieri o direttamente presso un tribunale.

Denuncia telefonica di un maltrattamento degli animali.

Dopo aver concluso la dichiarazione, è sempre consigliabile richiedere una copia scritta della denuncia. Questo prova che l’abuso è stato denunciato.

È possibile denunciare un abuso sugli animali per telefono?

I maltrattamenti degli animali possono essere denunciati anche per telefono. Questo si applica nel caso in cui la persona non può rivolgersi a un ente pubblico per effettuare la denuncia.

Ogni paese di solito assegna un numero specifico per le segnalazioni relative agli animali, sia domestici che selvatici. Con una ricerca su Internet non dovrebbe essere difficile trovare il numero giusto per il vostro luogo di residenza.

Segnalazione di maltrattamenti e abbandono animali per telefono in Italia

  • Numero verde nazionale: 800-253608
  • Comando dei Carabinieri per la tutela dell’ambiente: cctass@carabinieri.it

Ricordatevi, inoltre, di essere i più specifici e obiettivi possibile nel segnalare gli abusi sugli animali per telefono, in modo da non dare luogo a errori di interpretazione. In questi casi si raccomanda di informare almeno l’indirizzo dove avviene il maltrattamento e qualche riferimento per facilitare il riconoscimento dell’aggressore.

Potrebbe interessarti ...
Tipi di maltrattamento animale camuffato
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Tipi di maltrattamento animale camuffato

Quando si sente parlare di maltrattamento animale, si sa già cosa indica questa espressione, però va molto oltre dal fatto di picchiare un cane.