Orche: caratteristiche e classificazione

Le orche cambiano le loro abitudini e morfologia in base al loro habitat. Tuttavia, questo è un po' più complesso di quanto sembri. Vuoi sapere perché?
Orche: caratteristiche e classificazione

Ultimo aggiornamento: 19 luglio, 2021

Popolarmente conosciute come orche assassine, le orche sono tutt’altro che meritevoli di questo soprannome. Si tratta infatti di animali affascinanti da osservare, soprattutto per la loro grande intelligenza. La distribuzione dell’orca è così ampia che diversi gruppi sono arrivati a sviluppare adattamenti specifici nella loro morfologia, alimentazione, comportamento e persino genetica, arrivando a proporre specie diverse.

Classificazione tassonomica delle orche

L’orca (Orcinus orca) è una specie di cetaceo odontoceta appartenente alla famiglia dei Delphinidae. È la più grande specie di delfino e l’unica specie attualmente riconosciuta all’interno del genere Orcinus. La sua classificazione specifica è la seguente:

  • Regno: animalia.
  • Classe: mammiferi.
  • Ordine: cetacei.
  • Sottordine: Odontoceti.
  • Famiglia: Delfinidi.
  • Sottofamiglia: Orcininae.
  • Genere: Orcino.
  • Specie: Orcinus orca.
Un'orca che salta fuori dall'acqua.

Caratteristiche fisiche

L’orca ha una carnagione robusta e una colorazione bianca e nera, in cui ogni individuo ha il suo modello. La sua caratteristica più sorprendente, oltre alle enormi dimensioni, è la lunga pinna dorsale, che può raggiungere quasi i 2 metri di lunghezza nei grandi esemplari maschi.

È una specie in cui si osserva dimorfismo sessuale in termini di taglia: i maschi possono raggiungere i 9 metri e pesare 6 tonnellate, mentre le femmine rimangono a 4 tonnellate e 7 metri di lunghezza. Queste ultime presentano anche una pinna dorsale più piccola.

Riproduzione e alimentazione

Le orche sono super predatori, cioè non hanno nemici naturali e sono in cima alla catena alimentare del loro ecosistema. Consumano circa il 5% del loro peso ogni giorno sotto forma di prede varie, che vanno da piccoli pesci e calamari, agli squali e persino ad altre balene. Inoltre, adattano la loro dieta al luogo in cui si trovano e al periodo dell’anno.

Per quanto riguarda la riproduzione, le femmine sono in grado di concepire a partire dai 6 anni circa. I maschi, d’altra parte, non sono fertili fino ai 10 anni.

Essendo animali così intelligenti, vivono una lunga infanzia in cui devono imparare tutto ciò di cui hanno bisogno per sopravvivere prima di avere una prole.

La femmina di solito partorisce un solo cucciolo ogni 5-6 anni, perché se si sta già prendendo cura di un giovane, sarà abbastanza indipendente da consentire alla madre di prendersi cura di un neonato. La gestazione varia tra i 15 ei 18 mesi, e la prole può misurare 2,5 metri alla nascita e pesare 200 chili.

Stato di conservazione delle orche

A causa della sua ampia distribuzione, non ci sono dati sufficienti per stimare il numero esatto di orche che esistono nel mondo. Sono protette da leggi internazionali che cercano di impedirne la caccia, ma sono anche minacciate da incursioni petrolifere in alto mare, pesca insostenibile e cambiamento climatico.

Comportamento delle orche

Le orche sono animali sociali, poiché vivono in gruppi strutturati e con un complesso sistema di comunicazione. Il numero degli individui varia a seconda della regione in cui vivono, anche se è raro trovare gruppi composti da più di 20 orche.

La loro gerarchia è matriarcale e basata sulla parentela, in cui la femmina dominante è la più anziana e madre di tutti gli altri membri del gruppo, e quindi la più esperta nel sopravvivere. I maschi adulti di solito proteggono il gruppo ai lati, lasciando i piccoli e le madri al centro.

I legami tra gli individui sono forti e solidi grazie al suo complesso sistema di comunicazione. Con un misto di posture e gesti, suoni udibili e non udibili, le orche sono in grado di trasmettere tutte le informazioni necessarie per la loro alimentazione, protezione e socializzazione.

Ogni gruppo ha una serie di segnali uditivi stabili che ripete quando sono in gruppo come controllo. Questo si chiama ‘dialetto’ ed è l’equivalente di “come stai? Tutto bene?” degli umani.

Anche la loro intelligenza è notevole: negli studi in cattività sono stati osservati comportamenti collaborativi per la caccia, l’empatia, la risoluzione dei problemi e persino i concetti matematici. Tanto che si è proposto di considerarli, insieme ai delfini, persone non umane a livello di diritti legali.

Tipi di orche

Poiché le orche sono distribuite in tutti gli oceani e le loro abitudini, cibo e cultura cambiano a seconda di ciò, sono state classificate in 3 tipi di gruppi: residenti, passanti e marittimi.

Orche residenti

Le orche residenti sono quelle che vivono più vicine alle coste. L’unità minima è solitamente composta dalla guida donna, dai suoi figli e dai suoi nipoti, con una media di 6 individui. Possono unirsi per un po’ con altri gruppi di orche imparentate e con dialetti simili.

Di solito non percorrono lunghe distanze, quindi condividono una caratteristica fisica comune: la loro pinna dorsale è ricurva e la punta ha la forma di una sfera. Si nutrono principalmente di pesci e calamari.

Orche passanti

A differenza delle precedenti, le orche passanti percorrono lunghe distanze e non rimangono nello stesso posto per troppo tempo. La loro pinna dorsale è triangolare e affusolata. La loro dieta consiste in animali più grandi, come foche o tartarughe marine.

I gruppi sono generalmente più piccoli, solitamente costituiti da una femmina adulta e dalla sua prole. I piccoli spesso lasciano il gruppo familiare per formare una propria unità, soprattutto nel caso delle femmine. Si vedono passare anche maschi solitari.

Orche marittime

Le orche marittime hanno pinne dorsali ricurve e di solito sono più piccole. Vivono molto lontano dalle coste – una media di 25 chilometri – e formano gruppi molto più grandi, compresi tra 20 e 75 individui. Mangiano anche animali più grandi, persino squali.

La struttura familiare delle orche marittime è stata poco studiata. Tuttavia, sono note per essere gruppi dinamici, con frequenti scambi di individui tra gruppi.

La caccia alle orche è un grave problema dell'ecosistema.

Le orche sono così complesse che non possono essere conosciute in poche righe. Tuttavia, alla minima intuizione sulla loro natura sono i dialetti, le diverse popolazioni, la cultura e il loro incredibile intelletto. Molti ricercatori dedicano la propria vita a decifrarli, perché di fronte a tutto questo sorge una domanda inevitabile: siamo davvero così diversi?

Potrebbe interessarti ...
Una sostanza tossica minaccia la sopravvivenza delle orche
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Una sostanza tossica minaccia la sopravvivenza delle orche

Una sostanza tossica minaccia la sopravvivenza delle orche secondo uno studio recente. Bisogna intervenire per salvare questi cetacei.



  • Reeves, R., Pitman, R.L. & Ford, J.K.B. 2017. Orcinus orcaThe IUCN Red List of Threatened Species 2017: e.T15421A50368125. https://dx.doi.org/10.2305/IUCN.UK.2017-3.RLTS.T15421A50368125.en. Downloaded on 28 June 2021.
  • Inteligencia de las Orcas. (2014, 27 octubre). Killer Whale Facts and Information. https://www.killer-whale.org/inteligencia-de-las-orcas/
  • Riesch, R., & Deecke, V. B. (2011). Whistle communication in mammal-eating killer whales (Orcinus orca): further evidence for acoustic divergence between ecotypes. Behavioral Ecology and Sociobiology65(7), 1377-1387.
  • Ferguson, S. H., Kingsley, M. C., & Higdon, J. W. (2012). Killer whale (Orcinus orca) predation in a multi-prey system. Population Ecology54(1), 31-41.
  • NWF. (2021). National Wildlife Federation. https://www.nwf.org/Educational-Resources/Wildlife-Guide/Mammals/Orca
  • Denkinger, J., Alarcon, D., Espinosa, B., Fowler, L., Manning, C., Oña, J., & Palacios, D. M. (2020). Social structure of killer whales (Orcinus orca) in a variable low‐latitude environment, the Galápagos Archipelago. Marine Mammal Science36(3), 774-785.