Procione giapponese: habitat e caratteristiche

Il procione giapponese è curioso, timoroso e si adatta facilmente all'ambiente. È un bellissimo canide che ha una colorazione molto appariscente sul viso, come una maschera.
Procione giapponese: habitat e caratteristiche

Ultimo aggiornamento: 24 ottobre, 2021

Il mondo animale è ricco di curiosità e, a volte, una prima impressione osservando un esemplare può confondere anche il ricercatore più esperto. Uno di questi casi è quello del procione giapponese, che in realtà non è un procione della famiglia dei Procyonidae, ma un membro della famiglia dei cani (Canidae).

Il tanuki o cane procione (come è anche noto) ha una grande capacità di adattamento a diversi habitat. Il suo nome scientifico è Nyctereutes procyonoides e sono state descritte 5 sottospecie con caratteristiche distintive. Continuate a leggere per conoscere nel dettaglio tutte le caratteristiche di questo procione, animale pittoresco molto importante nella cultura giapponese.

Habitat e distribuzione del procione giapponese

Come suggerisce il nome, il procione giapponese proviene dal continente asiatico. È originario della Siberia, della Cina, del Vietnam, della Corea e del Giappone, ma grazie al pregio della sua pelle è stato introdotto nei paesi europei, dove si è adattato in modo soddisfacente all’ambiente.

Il tanuki abita climi subtropicali e subartici dal livello del mare fino a 3000 metri di altezza. Predilige inoltre ambienti boschivi con abbondante vegetazione e in prossimità di spazi acquatici. È anche in grado di invadere gli ambienti urbani.

Caratteristiche fisiche

Il cane procione ha un corpo compatto con una certa somiglianza con quello di una volpe. È di taglia media con pelo folto e morbido, che muta durante le stagioni (è più folto nel periodo invernale). Ha una testa piccola, muso appuntito, orecchie arrotondate, zampe corte e una coda folta, proprio come il resto del corpo.

Colorazione del procione giapponese

La colorazione di questo canide ha varie sfumature. Nella parte dorsale presenta toni marroni e grigi che a volte si accostano al giallo. Nella zona laterale invece i peli sono neri, la regione ventrale è marrone chiaro e le zampe e il petto sono più scuri. La coda è nera sopra e gialla sotto.

La più grande attrazione del colore è presentata di fronte al procione, poiché è bianco e sorprendente. In ogni caso, intorno agli occhi il tono nero è accentuato e si estende verso le guance come se fosse una maschera.

Il colore di questo animale è forse uno degli attributi che più lo rappresenta. I nomi popolari derivano da questa caratteristica, perché i loro modelli di colore sono simili a quelli dei veri procioni.

Un procione giapponese.

Taglia

La dimensione di questi canidi ricorda quella di una volpe. La lunghezza dell’esemplare adulto varia tra 50 e 68 centimetri (esclusa la coda). In genere questi mammiferi hanno un’altezza di mezzo metro, mentre la coda è corta e non supera i 25 centimetri.

Il peso

Il cane procione è caratterizzato dalla variazione della sua massa corporea a seconda del periodo dell’anno, poiché è più pesante in inverno che nel resto dell’anno. Durante l’estate il peso oscilla tra i 4 e i 6 chilogrammi, mentre nella stagione invernale può aumentare fino a 10 chili.

Sottospecie o tipi di cani procioni

Attualmente ci sono 5 sottospecie o tipi di cani procioni. Questi sono i seguenti:

  • N. procyonoides koreensis o cane procione coreano.
  • N. procyonoides orestes o cane procione dello Yunnan.
  • N. procyonoides procyonoides o cane procione comune, situato nella Cina orientale.
  • N. procyonoides ussuriensis o cane procione Ussuri.
  • N. procyonoides viverrinus o cane procione giapponese.

Comportamento del cane procione giapponese

Questo animale si caratterizza per la sua timidezza, perché prima di ogni pericolo preferisce fuggire. Vive in solitudine, anche se sono stati osservati piccoli gruppi familiari e soprattutto coppie che cacciano insieme. Inoltre, il procione giapponese ha comportamenti unici della famiglia dei canidi. Ne conosceremo alcuni in modo più dettagliato di seguito.

Periodo di attività di N. procyonoides

Il procione giapponese è considerato un animale notturno, poiché di notte preferisce uscire in cerca di cibo. Tuttavia, la ricerca ha dimostrato che può avere attività diurna, crepuscolare e notturna. Le attività diurne sono soggette alla disponibilità di cibo e al tempo che i genitori dedicano alla cura dei loro cuccioli.

Un canide che va in letargo

Il tanuki ha la capacità speciale di essere l’unico canide che va in letargo. Può andare in torpore prolungato nel periodo invernale, quando le condizioni sono sfavorevoli per il foraggiamento. Per fare questo, si prepara aumentando il grasso corporeo e rallenta anche il metabolismo fino al 25%.

Tenete presente che il letargo non è obbligatorio per il procione giapponese, poiché tutto dipende dalle condizioni meteorologiche. Quando la temperatura migliora, può attivarsi e cercare di alimentarsi.

Vocalizzazioni e comunicazione

Essendo un membro della famiglia dei Canidi (che comprende cani e lupi), potremmo pensare che il cane procione possa abbaiare o ululare, ma in realtà non è così. Questo procione emette gemiti, miagola e può anche ringhiare come meccanismo di difesa.

Un fatto curioso sulla comunicazione di questo cane procione è che utilizza anche segnali olfattivi che lascia attraverso le sue escrezioni. Un altro modo di esprimersi è attraverso la postura del corpo, come il sollevamento della coda per indicare la prontezza all’accoppiamento.

Alimentazione del procione giapponese

Il cane procione è incluso negli animali carnivori, ma è stato dimostrato che è un onnivoro opportunista. È un ottimo cacciatore e molto persistente. Si nutre di anfibi, pesci, granchi, insetti, roditori, rettili e uccelli, ma può anche consumare frutta, semi e verdure.

Il procione giapponese sfrutta tutta la gamma di possibilità offerte dal suo ambiente in termini di cibo, il che gli conferisce un grande successo a livello biologico.

La dieta di questo mammifero è varia e consuma anche carogne e rifiuti umani. La cattura del suo cibo può avvenire sia a terra che in acqua, poiché nuota senza problemi.

Riproduzione del tanuki

La riproduzione del procione giapponese è vivipara. Inizia alla fine dell’inverno dopo la fase di letargo, che è quando le femmine vanno in calore. Queste vengono corteggiate da diversi maschi, di solito tra 3 o 4 individui. Piegano la coda in segno di eccitazione e dominio.

Il periodo di gestazione di solito dura circa 60 giorni (2 mesi). Il numero di nascite per nidiata è variabile (da 5 a 7 piccoli in media), ma la cifra può salire fino a 15 cuccioli per parto. I piccoli crescono nutrendosi del latte materno e lo svezzamento avviene in un intervallo di 40-60 giorni. A questa età sono già adeguatamente sviluppati per iniziare a mangiare cibi solidi.

Un altro fatto interessante è che in natura questa specie è monogama, cioè ha un solo partner. Inoltre, i genitori forniscono un’eccellente assistenza genitoriale per i loro cuccioli. È interessante notare che in cattività questi canidi tendono ad essere poligami e il maschio si accoppia con diverse femmine.

I cuccioli rimangono con i genitori fino a 4 o 5 mesi di età, ma dopo questo periodo possono essere indipendenti e cercare il cibo da soli, anche se a volte rimangono con loro più a lungo. La maturità sessuale arriva tra i 9 e gli 11 mesi e la loro riproduzione avviene una volta all’anno.

Stato di conservazione del procione giapponese

Il cane procione non è in pericolo di estinzione e l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) lo elenca come di Least Concern. Tuttavia, il tanuki viene cacciato per la sua pelle e in alcuni paesi in cui è considerato una specie invasiva vengono rilasciate licenze per la sua caccia.

Il progresso e il successo di questo animale è dovuto al suo rapido adattamento a vari habitat, poiché si nutre di quasi tutto ciò che incontra lungo il suo percorso.

Un procione giapponese.

Il procione giapponese è una specie piuttosto curiosa. Il simpatico tratto fisico cefalico che presenta lo fa confondere con il procione, che ha affascinato alcune persone che cercano persino di domarlo. La sua dieta è così varia che deve essere considerato un animale onnivoro opportunista e, come se non bastasse, è l’unico rappresentante dei canidi che vanno in torpore durante il freddo inverno.

Potrebbe interessarti ...
6 animali simili ai procioni: scopriamoli
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
6 animali simili ai procioni: scopriamoli

In tutto il mondo esistono diversi animali simili ai procioni per le loro caratteristiche fisiche e il loro comportamento. Scopriamoli.



  • Herfindal, I., Melis, C., Ahlen, P., & Dahl, F. (2016). Lack of sex-specific movement patterns in an alien species at its invasion front- consequences for invasion speed. Ecology and Evolution, 6(16), 5570-5584.
  • Kauhala, K. & Saeki, M. 2016. Nyctereutes procyonoides. The IUCN Red List of Threatened Species 2016: e.T14925A85658776. https://dx.doi.org/10.2305/IUCN.UK.2016-1.RLTS.T14925A85658776.en
  • Nyctereutes procyonoides, Animal Diversity Web (ADW). Recogido a 11 de octubre en: https://animaldiversity.org/accounts/Nyctereutes_procyonoides/
  • Zoller, H., & Drygala, F. (2013). Activity patterns of the invasive raccoon dog (Nyctereutes procyonoides) in North East Germany. Folia Zoologica, 62(4), 290-296.