Specie endemica e autoctona: quali sono le differenze?

Conoscere la differenza tra specie endemiche e autoctone è una delle basi per comprendere la lotta per la biodiversità. Questi termini possono sembrare sinonimi, ma non lo sono.
Specie endemica e autoctona: quali sono le differenze?

Ultimo aggiornamento: 10 giugno, 2021

In un mondo globalizzato, dove molti animali lasciano il loro habitat per ragioni che sfuggono al loro controllo, è comune vedere campagne di conservazione che utilizzano i termini  di specie endemica e autoctona. Ci sono alcune importanti differenze tra i due concetti che devono essere conosciute, per non incorrere in gravi errori biologici.

Questa conoscenza è utile per approfondire il mondo della categorizzazione delle specie. In questo modo viene effettuata la registrazione tanto necessaria degli animali e delle piante che supportano l’equilibrio dei biomi. Per proteggere la natura, dobbiamo prima sapere cosa preservare.

Qual è la differenza tra specie endemica e autoctona?

Che si tratti di piante o animali, endemico e autoctono sono denominazioni con punti in comune, ma anche con una differenza sostanziale. Pertanto, la prima cosa da fare è definire ciascuno di questi termini. Fallo:

  • Specie autoctona, indigena o autoctona : è quella che si trova nel suo luogo geografico di origine – presente o passato – senza che l’uomo sia intervenuto nella sua introduzione nell’ecosistema in nessun momento della sua storia. Può essere trovato naturalmente in altre parti del mondo.
  • Specie endemiche: la fauna e la flora endemiche sono quelle specie che vivono solo in un determinato luogo, cioè il cui raggio di distribuzione è limitato a un’area, regione o continente.

Una specie autoctona può anche essere endemica se limitata alla sua area geografica originaria. Al contrario, se fattori naturali la portassero a diffondersi in altri territori, la specie continuerebbe ad essere autoctona, ma non endemica. La chiave è nello spazio geografico che occupa.

Alcune specie autoctone di fiori si sono diffuse in diversi territori degli Stati Uniti grazie all’aiuto delle api. In altre parole, certi esseri viventi possono modificare la distribuzione di altri, direttamente o indirettamente.

Il problema delle specie invasive

Esiste una terza categoria in termini di distribuzione delle specie: gli invasivi. Questi sono ancora animali e piante che lasciano la loro area originale e si adattano a un’area diversa, ma in questo caso è l’azione umana che provoca il cambiamento.

Qual è il problema con questo? Normalmente, per una specie l’espansione dal suo luogo di origine implica un processo lento che consente all’equilibrio del bioma di adattarsi e adattarsi ai cambiamenti di quegli animali o piante. Tuttavia, l’introduzione improvvisa di nuove specie in un’area geografica spesso comporta problemi.

Da un lato, le specie introdotte potrebbero non resistere alle condizioni di quel nuovo luogo – fonti di cibo inadeguate, condizioni climatiche avverse – e scomparire. Può anche adattarsi e prosperare in esso, ma poi sarà il nuovo ecosistema a subirne le conseguenze.

Ad esempio, l’introduzione del pappagallo argentino ( Myiopsitta monachus ) in Spagna ha causato problemi alle specie autoctone, come il passero domestico ( Passer domesticus ), poiché consuma gran parte delle sue risorse alimentari e occupa il suo territorio. Una specie invasiva può uccidere una specie endemica per predazione diretta o per sovrapposizione di nicchie (competizione).

In paesi come la Spagna, sono state calcolate ben 200 specie invasive potenzialmente pericolose per gli ecosistemi.

Un pappagallo argentino nell'erba.

Endemismo in pericolo

Una specie endemica non si espande in altre aree, a causa della sua alta specializzazione nell’ecosistema in cui vive. Per questo motivo la sua estinzione significa perdere per sempre una parte della biodiversità del pianeta. Questo, aggiunto al fatto che i taxa endemici sono composti da popolazioni con un basso numero di individui, rende spesso difficoltoso il lavoro di conservazione.

La maggior parte degli studi sulla conservazione indica un punto chiave con riferimento a questo problema. L’importanza dell’endemismo risiede nella necessità di conoscere e proteggere gli attributi biologici e la storia evolutiva che i taxa endemici rappresentano ei loro modelli biogeografici.

Per questo motivo, quando l’uomo introduce nuove specie in un luogo —o le rimuove dal loro habitat—, mette in pericolo 2 ecosistemi: quello che rimane senza la specie e quello che la riceve. Basti pensare al caso dell’axolotl messicano ( Ambystoma mexicanum ), che si estingue nelle zone umide di Xochimilco, mentre popola le case di migliaia di appassionati di animali esotici.

In un mondo in cui il 28% delle specie studiate è minacciato, perdere le specie endemiche non è un’opzione.

L'axolotl è un anfibio in via di estinzione.

Il problema delle specie invasive diventa ogni giorno più pressante. In effetti, il traffico illegale di specie è al quarto posto sul mercato nero, muovendo quasi quanto i suoi predecessori: armi e droga. Spetta a tutti noi – istituzioni e individui – porre fine ai crimini contro il pianeta.