Ragno violino: habitat, caratteristiche e pericolosità

I ragni violino hanno un potente veleno con effetti necrotici. Nonostante ciò, sono pacifici e molto discreti.
Ragno violino: habitat, caratteristiche e pericolosità

Ultimo aggiornamento: 30 maggio, 2021

Gli aracnidi del genere Loxosceles sono chiamati “ragno violino“. Esistono circa 139 specie di Loxoscele distribuite in tutto il mondo, dalle Americhe al bacino del Mediterraneo o alla Cina.

I loxoscele sono saliti agli onori della cronaca poiché sono i ragni più velenosi in vari paesi e spesso causano il panico. Il morso di questi artropodi può essere di importanza medica, soprattutto nel caso della specie americana. Tuttavia, non sono affatto animali aggressivi.

In questo articolo, ci concentreremo sul ragno violino mediterraneo (Loxosceles rufescens), anche se menzioneremo i suoi congeneri americani. Continua a leggere se vuoi saperne di più su questo affascinante aracnide.

Habitat del ragno violino

I ragni violino compaiono tipicamente in ambienti caldi in tutto il mondo. Loxosceles rufescens ha una distribuzione autoctona abbastanza ampia, che si estende in tutto il bacino del Mar Mediterraneo.

Va notato che, sebbene la sua origine sia nel Mediterraneo, la specie si è diffusa in tutto il mondo grazie all’uomo. In alcuni dei paesi che ha colonizzato come specie invasiva, questo ragno è diventato più abbondante del Loxoscele nativo, con cui viene confuso.

Un ragno violinista a figura intera.

Questi ragni sono notturni e sono attivi soprattutto nei mesi più caldi dell’anno. Sono sedentari e cercano rifugio sotto le rocce, in anfratti stretti e in altri luoghi bui e angusti durante il giorno. Di notte, lasciano i loro rifugi in cerca di prede – piccoli invertebrati – che catturano senza usare una ragnatela.

I Loxoscele in tutto il mondo sembrano avere una predilezione per le case o altre costruzioni umane. Cercando il buio, si rifugiano in scantinati, garage, ripostigli, dietro mobili e quadri. Per questo motivo la convivenza con le persone è molto diffusa, anche se tendono a passare inosservati. Ciò dimostra il carattere pacifico e discreto di questi animali.

Caratteristiche fisiche

Questi aracnidi sono molto piccoli, poiché il loro corpo misura solo tra 1 e 2 centimetri. La colorazione varia tra marrone, beige e rossastro. Hanno 4 paia di zampe molto lunghe e sottili, che si assottigliano man mano che si allontanano dal corpo.

Inoltre, questi artropodi hanno un pedipalpo su ciascun lato della testa. Queste sono appendici sensoriali che sembrano una piccola gamba. Tra questi ci sono i cheliceri o “zanne” tipici dei ragni. Hanno anche 6 occhi, un paio di centrali e in avanti, e le altre coppie su ciascun lato e più indietro.

La caratteristica più distintiva del ragno violino è il segno scuro a forma di violino sul prosoma, la parte del corpo da cui escono le gambe. Questa colorazione si trova dietro gli occhi e può essere chiaramente distinta.

Il ragno violino è velenoso?

Sicuramente sì: il ragno violino è il ragno con il morso più velenoso in Italia. Il suo veleno ha effetti necrotici e infiammatori e spesso causa una lesione o un’ulcera sulla pelle. In alcuni casi, queste tossine causano febbre e altri sintomi più gravi, ma si tratta di casi rari dovuti a reazioni allergiche.

Anche così, e nonostante la sua presenza abituale nelle case, i morsi di questo ragno sono molto rari. I ragni violino sono timidi e per niente aggressivi, quindi non tentano mai di attaccare gli umani in condizioni normali.

La maggior parte dei morsi si verifica quando le persone disturbano il ragno nella sua tana o quando è intrappolato tra i vestiti e il corpo umano. In altre parole, si tratta di incidenti. Inoltre, la maggior parte delle lesioni prodotte dalle specie mediterranee sono lievi e guariscono con molto successo.

I violino americani, come L. laeta e L. reclusa, rappresentano un pericolo maggiore. La specie mediterranea produce casi lievi di loxoscelismo cutaneo, i cui sintomi sono stati spiegati nelle righe precedenti, ma il veleno americano è molto più potente.

Di conseguenza, le lesioni prodotte dal veleno di queste specie tendono ad essere più gravi. Arrivano a produrre ulcere più grandi, che hanno raggiunto i 40 centimetri in casi estremi. Il processo di guarigione è più lungo e può richiedere mesi, sebbene di solito abbia successo.

In una percentuale limitata di casi, il veleno di queste specie può produrre loxoscelismo sistemico. I suoi sintomi sono più gravi, poiché includono emolisi, danni al sistema circolatorio, sepsi e possibile morte.

Un ragno violinista con molte uova.

Sebbene alcuni media suggeriscano la presenza di specie americane di ragno violino in Spagna, non sono state fornite registrazioni affidabili a riguardo. Anche in caso positivo, si tratta di individui isolati che non devono creare allarmi, in quanto va ricordato che questi esseri non sono affatto aggressivi.