Rane freccia, le più velenose

Le rane freccia sono tra gli animali più pericolosi del mondo, nonostante le loro piccole dimensioni e l’aspetto attraente. In realtà, si tratta di varie specie di piccoli anfibi che possiedono una potente tossina nel loro corpo. Se volete sapere tutto sulle rane freccia, non perdetevi il seguente articolo.

Rane freccia: tassonomia e caratteristiche fisiche

Popolarmente, chiamiamo “rane freccia” (Dendrobates) diverse specie di anfibi anurani della famiglia Dendrobatidae. Attualmente sono note più di 180 specie di dendrobatidi, che di solito sono divise in tre sottofamiglie. Tutte sono strettamente legate alla famiglia degli anfibi Aromobatidae.

Le rane freccia sono endemiche del Sud America e dell’America centrale e si adattano a geografie molto diverse. La più grande biodiversità di questi anfibi si trova in Costa Rica e Panama, ma sono anche abbondanti in Colombia, Perù ed Ecuador. Inoltre, una specie è stata introdotta nelle Hawaii, dove sono considerate specie invasive.

Nonostante siano molto piccole, la rane freccia attirano l’attenzione per via dei colori intensi della loro pelle. Gli straordinari schemi cromatici sono un’allerta per i predatori, perché indicano la loro alta tossicità. Una strategia difensiva che, in natura, viene chiamata aposematismo. Attualmente, soltanto due uccelli e un serpente sono noti per essere immuni al loro veleno e possono facilmente attaccarli.

È interessante notare che la potente batraciotossina della pelle delle rane velenose non è sintetizzata dal loro stesso organismo. In realtà, questi anfibi ingeriscono diversi insetti (a seconda della specie e del loro habitat), che servono proprio per la creazione di questo alcaloide neurotossico estremamente potente. In questo modo, il veleno penetra nel corpo delle rane e viene usato come meccanismo di difesa.

Tipi di rane freccia che dovete conoscere

La grande famiglia dei Dendrobatidae comprende specie con molte peculiarità, ma che condividono caratteristiche essenziali. Successivamente, esamineremo i 4 tipi di rane freccia più rappresentative e interessanti:

Rana dorata (Phyllobates terribilis)

Rana dorata tra rane freccia

La rana dorata è la specie più velenosa della sua famiglia e anche uno degli animali più letali del mondo. Si stima che solo un grammo della sua tossina possa essere in grado di uccidere 5.000 persone. Pertanto, è considerata la “rana freccia” per eccellenza. Questa specie è endemica della costa del Pacifico della Colombia.

Dendrobate pigmeo (Oophaga pumilio)

Dendrobate pigmeo rana velenosa

Questi piccoli anfibi velenosi sono ben noti per il loro polimorfismo. Nonostante sia chiamata popolarmente “rana rossa e blu”, questa specie può esibire un’ampia varietà di colorazioni. Esistono esemplari monocolore e bicolore, con o senza macchie e le loro tonalità possono variare.

Il suo schema di colorazione aposematica è molto sorprendente, il che indica la sua alta tossicità. Questa specie ottiene il potente veleno della sua pelle dal consumo di formiche che sintetizzano la batraciotossina.

Okopipi (Dendrobates azureus)

Okopipi

Questa specie è una delle più piccole della famiglia dei dendrobatidi, con una dimensione media compresa tra 40 e 50 millimetri. I maschi sono più piccoli e più sottili delle femmine e, inoltre, di solito cantano quando raggiungono l’età adulta. Il suo habitat naturale si estende dal Suriname meridionale fino a gran parte dell’Amazzonia brasiliana.

Diverse sfumature di blu possono apparire sul suo corpo, da tonalità più chiare a tonalità viola scuro. Ogni esemplare presenta solitamente macchie nere di diversi disegni e dimensioni.

Rana granulata (Oophaga granulifera)

Rana granulata

Questa rana freccia non è famosa come le precedenti, ma è interessante menzionarla, poiché la vivacità dei suoi colori è inversamente proporzionale alla potenza del veleno. Vale a dire, in questi anfibi, gli esemplari meno appariscenti sono quelli più tossici e pericolosi.

Di solito questa specie è endemica delle foreste umide del Golfo Dulce in Costa Rica. Tuttavia, oggi è una specie minacciata per colpa della devastazione del suo habitat.

Curiosità sulle rane freccia da conoscere

Il particolare nome popolare di queste diverse specie è dovuto alla loro importanza per le tribù indigene del continente americano. In quei reconditi villaggi si trova l’origine dei diversi nomi assegnati a questi piccoli ma temutissimi anfibi.

I popoli nativi approfittarono delle tossine delle rane velenose per impregnare la punta delle frecce che poi usavano per combattere e difendersi. Pertanto, questi animali hanno avuto un ruolo centrale nella sopravvivenza delle comunità indigene.

Un’altra curiosità è che, poiché la rana freccia deriva il suo veleno dal tipo di alimentazione, può diventare innocua in un ambiente controllato. Ovviamente però, allevarle in cattività non è raccomandato, in quanto le condizioni ottimali di vita sono garantite solo dal loro habitat naturale.

Categorie: Curiosità Tags:
Guarda anche