Razze di cani con la lingua blu

· 19 aprile 2018

Ci sono molte teorie – abbastanza contraddittorie tra loro – sulle origini delle razze canine con la lingua blu. Dalle leggende secolari alle ipotesi scientifiche: la spiegazione di questo particolare gene è più complessa di quanto sembri. Vediamo di chiarire meglio l’argomento, grazie a questo articolo.

Razze di cani con la lingua blu: cosa dice la scienza

La struttura della lingua ha piccole terminazioni di vasi sanguigni che formano un singolo strato. Il sangue che circola nella lingua è carico di ossigeno. Pertanto, nella maggior parte dei cani e altri animali, la lingua ha colore simile al rosa.

Gli specialisti affermano che le razze di cani con la lingua blu hanno sofferto una mutazione genetica naturale. Questo spiegherebbe perché questo raro gene è presente in pochissime specie e non interferisce con la salute dell’animale.

Ciò che non è stato ancora dimostrato è se la mutazione genetica di alcune specie sia stata innescata da una qualche un’evoluzione adattativa. O se la tua struttura genetica è stata alterata accidentalmente in qualche punto, all’interno del suo albero genealogico.

Teorie sulla melanina

Una prima teoria afferma che alcune razze di cani, così come alcune specie animali, produrrebbero una maggiore quantità di melanina. Questa famosa sostanza è responsabile della pigmentazione della pelle e dei peli dei mammiferi. La loro produzione eccessiva genererebbe una pigmentazione più intensa proprio a livello della lingua.

una piccola femmina di chow chow sdraiata sul parquet

Tuttavia, un’altra teoria afferma che le razze canine di lingua blu soffrono per la carenza di tirosina. Di conseguenza, il loro organismo non produrrebbe abbastanza melanina per pigmentare adeguatamente l’intero corpo.

La mitologia cinese dà una sua spiegazione

Se entriamo nell’aspetto più mitologico, c’è una leggenda cinese che parla della nascita del Chow Chow. Secondo questa, il Chow Chow sarebbe un cane drago che amava il giorno, ma odiava la notte. Una notte, stanco dell’oscurità, decise di leccare l’intero cielo, per toglierlo di mezzo e rendere il giorno eterno.

Il suo atteggiamento aveva fatto arrabbiare gli dei, che avevano deciso di punirlo per sempre macchiando la sua lingua dello stesso colore del cielo. Il blu, appunto. In questo modo, il Chow Chow avrebbe ricordato la sua vergogna ogni volta che guardava la propria fisionomia. E tutti potevano identificare il cane che aveva cercato di contraddire gli dei.

Quali sono le razze di cani con la lingua blu

Lo Shar Pei e il Chow Chow sono le due razze canine con la lingua blu. In entrambi i cani, il gene della lingua blu è dominante (ovvero non recessivo) e continuerà ad essere trasmesso alle generazioni future. Il “gene blu” è così evidente tra i Chow Chow che alcuni esemplari mostrano una lingua dai toni viola o quasi neri.

Chow Chow: l’antico guardiano dei templi sacri

“Chow chow” significa letteralmente “leone gonfio”. Sebbene possano sembrare dei grandi orsacchiotti, i Chow Chow sono i veri eredi dei lupi asiatici. Tuttavia, è vero che la loro bella e abbondante pelliccia, la grande testa e la lingua blu conferiscono loro un aspetto davvero affascinante.

testa e muso di un chow chow da vicino

Nella loro nativa Cina, erano storicamente usati per proteggere le case, i campi fertili e i templi sacri di questo paese. Spesso venivano anche impiegati per accompagnare gli uomini durante le battute di caccia. E, al giorno d’oggi, possono essere trovati in tutto il mondo come animali da compagnia.

Il loro corpo è perfettamente adattato per resistere al freddo e alle variazioni climatiche del territorio cinese. La sua struttura è compatta, robusta, con uno spesso strato di grasso che avvolge il corpo e completato da un folto pelo rossastro.

Lo Shar Pei e le sue famose rughe

Shar pei e Chow Chow condividono così tante somiglianze che alcune teorie genetiche affermano che potrebbero essere parenti. Oltre alla lingua blu, mostrano corpi molto simili con l’unica vera ed evidente differenza che riguarda il loro pelo. Si somigliano anche per alcune caratteristiche e espressioni facciali e anche per le loro abilità come cani da caccia e da guardia.

cucciolo di shar pei

Lo Shar pei ha però un pelo corto e presenta numerose rughe sul corpo. Nei cuccioli, le rughe sono più evidenti, perché la loro pelle si prepara ad allungarsi, mentre il cane cresce e ingrassa.

Se analizziamo la sua storia, è interessante ricordare che lo Shar pei era già presente accanto all’uomo sin dal 300 a.C.. Questo calcolo è stato possibile grazie alla scoperta di oggetti in ceramica che ritraggono gli antenati di questo animale domestico. Ciò permette di presumere l’importanza che questi cani possedevano e in che modo erano presenti nell’antica cultura cinese.

Sin dai tempi antichi, gli Shar pei erano impiegati nelle attività di pascolo, di guardia e di caccia. I contadini cinesi trovavano in questo cane dalla lingua blu, il loro miglior alleato per difendere le loro terre e allevamenti, da possibili predatori, come orsi o lupi.

Che ne pensate di questi cani con la lingua blu?