Cane lupo, quando l’uomo gioca con la Natura

È già noto che i lupi sono i diretti antenati dei cani. Da sempre, questa lontana parentela ha fatto sognare moltissime persone con l’idea di poter tenere in casa un vero cane lupo. Ma ci sono ancora molti dubbi su come la trasformazione genetica da lupo a cane sia stata storicamente sviluppata. Allo stesso modo, l’uomo è stato testimone, e in parte coautore, della successiva diffusione di centinaia di razze con caratteristiche diverse. Dunque, esiste davvero il cane lupo?

Da lupo a cane, in nome dell’uomo

Nessuno è in grado di stabilire quando sia comparso il primo cane lupo. L’esemplare ibrido, l’anello di congiunzione tra Canis lupus e Canis lupus familiaris. In un determinato momento, decine di migliaia di anni fa, questo animale decise di vivere con l’uomo e compiacerlo. Diventando parte del suo branco e accompagnandolo nella sua vita, con fedeltà e affetto, superando ostacoli e condividendo praticamente tutto.

L’ipotesi più accettata è che un lupo più mite e curioso si avvicinò a un gruppo di umani, bisognoso di cibo e calore. L’uomo imparò a sfruttare l’olfatto e l’udito di questo strano mammifero per migliorare la caccia e proteggere il proprio nucleo familiare. In un modo molto simile, cominciò così la relazione più profonda tra animali e umani.

il muso di un cane lupo nella foresta

La graduale trasformazione genetica del lupo in cane era legata a fattori esterni dell’ambiente e a cambiamenti culturali. E questo ha permesso l’emergere di diverse razze, ognuna con caratteristiche proprie. Tuttavia, il mito del cane lupo continua a persistere, anche grazie a libri, film e leggende.

La trasformazione genetica: il cane lupo

Il wolfdog, o anche “lupo ibrido”, sarebbe dunque frutto dell’incrocio tra lupo e cane. Ma si tratta di un falso storico. Recenti studi in materia riproduttiva hanno portato alla luce seri problemi di compatibilità genetica tra le due razze. In parole povere, sarebbe poco probabile che l’incrocio tra i due esemplari riuscisse a produrre risultati concreti capaci di perdurare e sopravvivere in modo efficace.

“Il principale rappresentante di questo ibrido, il Wolfdog, è stato recentemente declassificato come una normale sottospecie del lupo”.

Anche ammettendo la possibilità di incrocio tra lupo e cane, il cucciolo nato da questa unione tra specie diverse sarebbe sicuramente un cane lupo, ma appartenente al gruppo genetico del lupo. Insomma, con problematiche di domesticazione assai evidenti. Da un punto di vista scientifico, quindi, è possibile definire cane lupo ogni cane che possiede geni di lupo nelle ultime cinque generazioni dirette. Sia che derivi da un incrocio naturale che dall’allevamento controllato.

Tipi diversi di cane lupo

Non è possibile suddividere o catalogare i vari tipi di cane lupo esistenti, perché questa resta sempre una sottospecie del lupo. Certamente esistono razze di cani che esercitano una notevole influenza nell’ibrido, sia rispetto all’evoluzione delle caratteristiche fisiche che del carattere.

Razze famose di cane lupo

Le 5 razze principali con ereditarietà genetica del lupo ibrido sono:

  • American Wolfdog.
    Molti allevatori in tutto il mondo fanno già incroci con questi ibridi. Si tratta di adattare la percentuale genetica di ogni specie per generare cani domestici, in grado di rispondere a diverse necessità. Il comportamento è quello di un lupo, mitigato dal DNA canino. Abbaiano raramente, sono però poco socievoli e tendono a ringhiare. È un caso molto controverso di manipolazione genetica. In molti paesi è proibito il possesso di questi animali. Secondo le ultime stime, negli Stati Uniti ci sarebbero ben 400.000 esemplari di questo cane.
  • Tamaskan.
    Originario della Finlandia, questo ibrido è frutto dell’incrocio tra l’Husky Siberiano e l’Alaskan Malamute. Utilizzato da sempre come cane da traino per le slitte, possiede una corporatura imponente e a prima vista sembra un vero lupo. Anche in questo caso, l’incrocio è una forzatura dell’essere umano.
un tamaskan in un prato

  • Alaskan malamute.
    Originario dell’Alaska (Stati Uniti), questo cane robusto, simile a un lupo, è stato a lungo utilizzato per mansioni di traino e carico. Possiede una grande forza e ha un comportamento molto moderato. Il suo pelo richiede cure molto speciali. A differenza di quanto si possa pensare, questo canide ha alle spalle secoli di domesticazione, essendo l’animale preferito dalle popolazioni eschimesi.
  • Husky Siberiano.
    L’Husky è diventato famoso grazie al cinema. È un cane simile a un lupo e possiede uno spiccato carattere di appartenenza. È un cane originario della Siberia, dove veniva usato per tirare le slitte. Addomesticato ormai da moltissimi anni, pian piano si è diffuso in tutto il mondo.
  • Cane lupo Cecoslovacco.
    È il risultato di un’esperienza fatta nell’ex Cecoslovacchia, negli anni ’50. Un pastore tedesco fu fatto accoppiare con alcune femmine di Lupo dei Carpazi, fino ad ottenere una cucciolata di ibridi fertili. È diventato un simbolo nazionale per il suo paese. Sono difficili da educare, ma se il processo di socializzazione viene sviluppato nei primi mesi di vita, possono diventare buoni cani da guardia e venire impiegati nelle campagne.

Un cane lupo non è un animale domestico

Come abbiamo visto, non esiste un cane lupo vero e proprio. L’uomo, forzando la Natura, spesso gioca con essa e i risultati possono essere pericolosi per tutti. Un lupo non è un animale domestico e mai lo sarà. L’emozione di avere in casa un esemplare selvaggio e nobile è solo un capriccio, un pericoloso egoismo che potrebbe mettere a repentaglio la sicurezza della vostra famiglia.

Esperti e veterinari affermano che i lupi sono impossibili da addomesticare. Per quanto si tenti di calmare e frenare il loro istinto, incrociandoli con razze canine più mansuete, l’addestramento che l’uomo cercherà di imporgli sarà sempre parziale e limitato, perché ogni ordine, ogni comando, va contro la loro vera natura.

Categorie: Curiosità Tags:
Guarda anche