Rinoceronte indiano: habitat e caratteristiche

Quando il caldo è faticoso, i rinoceronti indiani si tuffano in acqua o vi si sguazzano per rinfrescarsi. Inoltre, questo è anche un ottimo modo per tenere lontane le mosche.
Rinoceronte indiano: habitat e caratteristiche

Ultimo aggiornamento: 29 agosto, 2021

Il rinoceronte indiano è uno dei mammiferi più peculiari che esistano, poiché il suo rivestimento di “armatura” e il suo corno unico lo hanno portato ad essere immortalato in varie opere artistiche. Inoltre, la sua popolazione ha combattuto un’intensa battaglia contro l’estinzione, poiché vari problemi l’hanno portato sul punto di scomparire.

Il suo nome scientifico è Rhinoceros unicornis ed è uno dei 5 tipi di rinoceronti esistenti al mondo. Continuate a leggere e scoprite di più su questo gigantesco esemplare.

Habitat del rinoceronte indiano

Questo rinoceronte aveva un’abbondante distribuzione vicino alle pianure alluvionali dei fiumi Gange, Brahmaputra e Sind, tra il confine con l’Indoburmesa e il Pakistan. Tuttavia, durante gli anni ’60 il declino della sua popolazione lo fece confinare nella regione della Chitwan Valley. Al momento, questi mammiferi sono limitati alle zone di protezione in India e Nepal.

Come accennato, l’habitat naturale di questa specie è principalmente la pianura alluvionale. Tuttavia, può anche vivere nelle paludi e in alcune foreste. In generale, una casa eccellente per questo mammifero sarà quella che ha piante ed erba in abbondanza, con uno specchio d’acqua nelle vicinanze.

Caratteristiche fisiche del rinoceronte indiano

I rinoceronti indiani sono organismi di grandi dimensioni, poiché possono raggiungere dimensioni di 3,5 metri di lunghezza e 1,8 metri di altezza. Allo stesso modo, il peso di questo animale non è molto indietro, poiché raggiunge più di 2 tonnellate. Inoltre è in grado di mantenere velocità fino a 56 chilometri orari, mentre in acqua è anche un ottimo nuotatore.

La caratteristica distintiva di questo mammifero è il corno conico che sporge direttamente dal suo naso, che può essere lungo più di 50 centimetri. Inoltre, la sua pelle ha diverse pieghe lungo il corpo, che gli danno l’aspetto di indossare un’armatura, quasi come quella di un samurai.

Il colore del corpo di questo gigante presenta toni marroni o grigi brillanti che il più delle volte vengono scuriti dalla terra del suo habitat. Inoltre, gli individui della specie sono molto simili tra i sessi, tuttavia, un articolo sulla rivista scientifica Journal of mammalogy menziona che sono portatori di dimorfismo sessuale. Sembra che gli incisivi e alcuni muscoli siano meglio sviluppati nei maschi.

Un rinoceronte indiano.

Il rinoceronte e l’unicorno

Nei tempi antichi, l’unicorno era raffigurato come un cavallo, la cui fronte aveva un corno allungato a spirale. Sebbene l’aspetto del rinoceronte e di questo animale mitico non siano simili, alcuni pensano che potrebbe essere servito come ispirazione nella loro creazione.

La comparsa di esseri con caratteristiche strane nei tempi passati è stata favorita dalla mancanza di immagini a supporto di quanto visto. Molte volte infatti l’unica fonte di informazione erano le storie raccontate da alcuni viaggiatori, che sono state modificate nel tempo. Tra questi, ne è apparso uno che descriveva un animale enorme, con la pelle dell’armatura e un corno al posto del naso.

Come potete immaginare, questo si riferiva specificamente ai rinoceronti indiani. Tuttavia, poiché molto era sconosciuto su di loro, si pensava che avessero effettivamente un’armatura. Ciò ha motivato l’artista Albrecht Dürer a realizzare per la prima volta un’incisione di questa specie senza averla mai vista. Ha esagerato le sue caratteristiche e gli ha dato un corno a spirale, oltre a un aspetto metallico.

L’incisione realizzata da questo artista divenne uno dei pezzi più popolari in Europa nell’anno 1515. Ora, nonostante il mito dell’unicorno sia apparso molti anni prima, si ritiene che l’esistenza di questi rinoceronti fosse già nota. Oltre a ciò, alcuni autori iniziarono a chiamare questi animali “monoceros“, riferendosi all’animale mitico.

Comportamento

Questi enormi mammiferi di solito hanno un comportamento solitario, tranne quando le femmine allevano i loro figli. Ciò non significa però che siano conflittuali: anzi, possono convivere bene con altri esemplari, anche quando stanno mangiando. Inoltre, non sono molto territoriali. Scelgono un luogo specifico in cui vivere, ma non lo difendono quanto ci si potrebbe aspettare.

Sebbene non siano individui aggressivi, in alcune occasioni combattono tra loro, correndo e scontrandosi con l’avversario o scambiandosi colpi con il loro corno. I combattimenti possono essere considerati una causa comune di morte, ma si verificano solo quando gli esemplari sono in condizioni di stress o se c’è un eccesso di popolazione.

Alimentazione

I rinoceronti sono erbivori, motivo per cui si nutrono di erbe, frutti, foglie e piante acquatiche. Usano anche sia la notte che la mattina per cercare cibo, perché cercano di evitare a tutti i costi il caldo di mezzogiorno. Inoltre, bevono costantemente acqua e amano leccare le pietre con i minerali.

Riproduzione del rinoceronte indiano

Questi mammiferi possono riprodursi durante tutto l’anno, ma solo i maschi dominanti hanno il diritto di accoppiarsi. Il corteggiamento può sembrare aggressivo, poiché i genitori in attesa si picchiano a vicenda come se fosse una rissa, ma non si fanno mai male seriamente. Inoltre, quando finiscono, la femmina diventa sottomessa e accetta di realizzare il rapporto.

L’accoppiamento di questa specie consiste nel maschio che possiede la femmina per un periodo compreso tra 20 e 75 minuti. Infatti, dopo questo, entrambe le copie si separano e non interagiscono più tra loro. Da qui, la neomamma affronterà da sola il processo, a partire da un periodo di gestazione di 480 giorni.

Al momento della nascita, il cucciolo è lungo circa 120 centimetri e pesa tra i 60 ei 70 chili. Oltre a ciò, si verifica anche un fenomeno chiamato imprinting, per cui la madre e il piccolo diventano “vicini”, rafforzando il legame tra i due. Infine, l’indipendenza del bambino avverrà tra 1 e 2 anni, a seconda che la madre resti incinta o meno.

Stato di conservazione

L’ Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) classifica questo animale come una specie vulnerabile. Contrariamente alle aspettative, gli sforzi di conservazione hanno dato i loro frutti, poiché i governi locali in India e Nepal sono piuttosto severi. Grazie a ciò, la popolazione di rinoceronti indiani si è ripresa dall’orlo dell’estinzione in pochi anni.

Sfortunatamente, non possiamo dire che i rinoceronti siano fuori pericolo, poiché la loro popolazione è spesso cacciata per le loro corna. Nella cultura popolare, le corna di questo mammifero servono a curare varie malattie, oltre ad essere un “potente” afrodisiaco. Inutile dire che queste sono solo credenze infondate.

Inoltre, il loro habitat è stato minacciato dalla siccità e dall’agricoltura, facendo sì che non tutto sia una buona notizia per il loro futuro.

Infine, è importante evidenziare le azioni che sono state intraprese per la protezione del rinoceronte indiano, poiché i governi locali non hanno badato a spese e hanno ottenuto buoni risultati. In questo modo si dimostra che è possibile salvare specie in via di estinzione.

Potrebbe interessarti ...
Il corno del rinoceronte nella preistoria
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Il corno del rinoceronte nella preistoria

In questo articolo parliamo del corno del rinoceronte durante l'era preistorica e altri dati interessanti su questi antichissimi animali.



  • Dinerstein, E. (1991). Sexual dimorphism in the greater one-horned rhinoceros (Rhinoceros unicornis). Journal of Mammalogy72(3), 450-457.
  • Laurie, A. (1982). Behavioural ecology of the Greater one‐horned rhinoceros (Rhinoceros unicornis). Journal of Zoology196(3), 307-341.
  • Tripathi, A. K. (2013). Social and Reproductive Behaviour of Great Indian One-horned Rhino, Rhinoceros unicornis in Dudhwa National Park, UP, India. International Journal of Pharmacy & Life Sciences4(11).
  • Jha, D. K., Kshetry, N. T., Pokharel, B. R., Panday, R., & Aryal, N. K. (2015). A comparative study of some morphological and microscopic identifying features of genuine rhino (Rhinoceros unicornis) horns and fake horns. Journal of Forensic Research6, 315.
  • Jha, D. K., Gupta, S. K., Kshetry, N. T., Panday, R., & Pokharel, B. R. (2017). A pioneer case study on identification of infant Rhinoceros horn. J Forensic Res8(374), 2.
  • Kafley, H., Khadka, M., & Sharma, M. (2009). Habitat evaluation and suitability modeling of Rhinoceros unicornis in Chitwan National Park, Nepal: a geospatial approach. In XIII World Forestry Congress. Buenos Aires, Argentina.
  • Subedi, N., Jnawali, S. R., Dhakal, M., Pradhan, N. M., Lamichhane, B. R., Malla, S., … & Jhala, Y. V. (2013). Population status, structure and distribution of the greater one-horned rhinoceros Rhinoceros unicornis in Nepal. Oryx47(3), 352-360.
  • Sarma, P., Talukdar, B., Sarma, K., & Barua, M. (2009). Assessment of habitat change and threats to the greater one-horned rhino (Rhinoceros unicornis) in Pabitora Wildlife Sanctuary, Assam, using multi-temporal satellite data. Pachyderm46, 18-24.