Segreti e curiosità sulla vista notturna dei gatti

 

I gatti di solito sono più attivi di notte che durante il giorno. Ciò è dovuto al loro istinto di caccia e, ovviamente, anche al fatto che possono vedere benissimo anche con poca luce. Nel seguente articolo vi diremo tutto ciò che bisogna sapere sulla vista notturna dei gatti.

Come funziona la vista notturna dei gatti?

A prima vista è possibile notare che gli occhi dei gatti sono molto diversi dai nostri. Le loro pupille sono ellittiche e orientate verticalmente. Possono aprirsi molto di più, rispetto a quelli rotondi degli esseri umani. Quindi, permettono che entri una maggior quantità di luce. Ecco perché la visione notturna dei gatti è superiore a quella di altri mammiferi, come i cani.

D’altra parte, va sottolineato che gli occhi dei felini sono coperti da una speciale membrana chiamata Tapetum Lucidum. È uno strato di tessuto situato sul retro degli occhi e che riflette i raggi luminosi in modo che raggiunga la retina senza problemi. Ecco perché gli occhi dei vostri occhi brillano nell’oscurità! Non è altro che la luce riflessa nel cosiddetto Tapetum.

un gatto blu di russia vede di notte

Inoltre, la retina del gatto è progettata per vedere anche in condizioni di scarsa luminosità. Infatti, è caratterizzata da una diversa distribuzione dei fotorecettori, con più ‘canne’ e meno ‘coni’. I primi sono più efficaci in termini di assorbimento della luce, i secondi, vengono interessati dai colori. (Questa capacità è più limitata nei gatti che negli umani, poiché vedono i toni blu e viola meglio di quelli rossi).

Tutte queste caratteristiche intrinseche, comuni a felini selvatici e domestici, servono per inviare un segnale dal nervo della retina al cervello, a prescindere che l’animale si trovi in condizione di luce o oscurità.

Cosa succede durante il giorno?

Ora che sapete a cosa è dovuta l’eccellente visione notturna dei gatti, probabilmente vi starete chiedendo cosa succede quando c’è molta luce o sole. Nessuna preoccupazione: il vostro amico a quattro zampe non soffrirà affatto né, tanto meno, rischia di perdere la vista. Come succede all’uomo, le pupille dei gatti si possono chiudere o aprire a seconda della luminosità o della chiarezza dell’ambiente. Se c’è molta luce, si contraggono finché si riducono ad una linea verticale. Quando fa buio, si aprono in modo proporzionale.

 

L’aspetto più interessante è che i gatti non hanno bisogno di chiudere completamente le palpebre in presenza di luce piena. Il sistema visivo dei felini funziona come un sipario. In presenza di un sole radioso, per esempio, viene attenuata l’intensità, senza che si riduca il potenziale visivo.

Cos’altro si sa sulla vista dei gatti?

Gli occhi dei felini sono qualcosa di davvero affascinante. Sono così diversi da quelli degli umani! Rispetto all’apparato visivo dei gatti, vale la pena evidenziare queste 5 curiosità:

1. Hanno un campo visivo più ampio

Le persone possono vedere fino ad un angolo di 180 gradi. I gatti hanno la capacità di guardare fino a 200 gradi senza muovere la testa.

2. Vedono meglio di notte

Si dice che abbiano occhi 8 volte più sviluppati degli esseri umani perché non hanno bisogno della stessa quantità di luce per vedere di notte. Sebbene non possano vedere nell’oscurità assoluta, riescono a sfruttare al massimo la scarsa illuminazione dell’ambiente. Ad esempio, la luce della luna o quella fievole di un lampione che passa attraverso la finestra.

un gatto grigio con occhi blu di notte

3. Percepiscono il movimento

Gli occhi del gatto sono fondamentali per cacciare e procurarsi cibo. Possono distinguere quando un oggetto o un piccolo animale si muove nelle vicinanze. Per far scattare la visione, però, il movimento deve essere veloce, perché altrimenti il gatto lo considera come qualcosa di statico.

4. Vedono bene a media distanza

I felini hanno un campo visivo ottimale tra 3 e 6 metri. Oltre i 6 metri sono miopi e prima dei 3 sono ipermetropi.

5. Vedono sfocato di giorno

In situazioni di grande luminosità la vista dei gatti non è così buona, anche se hanno i loro metodi per coprire l’eccessiva nitidezza. Le immagini che vedono durante il giorno, appaiono leggermente sfocate.