Sette consigli per allevare le galline

· 10 Novembre 2015

Se avete la fortuna di possedere un giardino, un orto o un cortile nella vostra casa, vi daremo alcuni consigli per allevare le galline. Ci avevate mai pensato?

Ideali come animali domestici: allevare le galline non è difficile, e nemmeno dispendioso in termini economici, sono divertenti e simpatiche e, inoltre, avrete a disposizione uova fresche per tutta la famiglia!

Scegliete le galline ovaiole

Partendo dal presupposto che il vostro obiettivo non è quello di realizzare un allevamento di galline, né tantomeno mangiare uno dei vostri animali domestici a pranzo o cena, la cosa migliore da fare è scegliere galline ovaiole, così che possiate avere una grande quantità di uova a disposizione.

Queste galline possono arrivare a deporre da 4 a 7 uova a settimana. Tenete conto che cominciano a deporre uova a partire dai 5-6 mesi di vita e il periodo più “fertile” coincide con il primo anno di vita dell’animale.

Di seguito vi sveliamo alcuni consigli per allevare le galline.

Costruire un pollaio adeguato

bimba-con-galline

Il pollaio deve essere un luogo luminoso e ventilato ma, allo stesso tempo, deve proteggere le galline dalla pioggia, dal sole estivo e da eventuali attacchi da parte di predatori.

Ricordate che una gallina bagnata, infreddolita o spaventata non depone le uova.

Le dimensioni del pollaio devono essere adeguate al numero di animali che desiderate allevare: se lo spazio è molto ridotto potrebbero stressarsi troppo.

Dovrete igienizzare il pollaio ogni 15-20 giorni, eliminando gli escrementi e disinfettando il suo interno con prodotti specifici.

Utilizzare nidi e posatoi

All’interno del pollaio dovrete posizionare posatoi e nidi all’interno dei quali le galline deporranno le uova. Dovrete collocarli nei punti più bui e tranquilli del pollaio, riempiendoli con paglia, segatura o trucioli.

Inoltre, dovrete installare posatoi o ripiani in legno su cui potranno dormire, posizionandoli in modo tale che le galline non si sporchino con gli escrementi, stando una accanto all’altra.

Tenete presente che, in natura, le galline dormono sui rami degli alberi.

Garantire loro uno spazio in cui muoversi fuori dal pollaio

Oltre al pollaio, questi animali hanno bisogno di uno spazio all’aria apperta in cui potersi muoversi liberamente. Il movimento quotidiano contribuirà a mantenerle in salute e a garantire la buona qualità delle uova.

Dovrete calcolare un minimo di un metro quadrato di spazio per ogni gallina.

Ricordate, inoltre, che questi uccelli sono noti per la loro fame insaziabile: mangiano di tutto, quindi per evitare brutte sorprese, è meglio tenerle lontane dal vostro orto o dalle vostre piante preferite.

Infine, non dimenticate che le galline devono ritornare nel pollaio per trascorrere la notte, ed evitare che vengano attaccate da eventuali predatori: in questo modo saranno al sicuro.

Vigilate la loro salute

Una gallina sana deve possedere le seguenti caratteristiche:

  • Essere attiva
  • Sguardo brillante e vivace
  • Busto eretto
  • Piumaggio in buone condizioni
  • Cresta di colore vivo, rosso o arancione
  • Non presentare mucosità nelle narici (situate nella parte superiore del becco).

Inoltre, ricordate sempre che le galline tendono a soffrire di malattie delle vie respiratorie, quindi è importante mantenere asciutti e ventilati i luoghi in cui vivono o passano.

Nutrirle in maniera corretta

Come abbiamo già detto, di solito questi animali mangiano tutto ciò che è alla loro portata: insetti, semi, piante, avanzi del pranzo o della cena…comunque sia, devono seguire un’alimentazione bilanciata, a base di proteine, verdure e amidi, in grado di garantire loro un adeguato apporto di vitamine e calcio.

Naturalmente in commercio potrete trovare vari mangimi e alimenti specifici per le galline, in grado di garantire loro tutti i nutrienti di cui hanno bisogno.

Per garantire loro un adeguato apporto di calcio, potete introdurre nella loro dieta gusci d’uovo o conchiglie marine in polvere.

Piccole pietre per favorire la digestione

galline-che-mangiano-2

Assicuratevi che le vostre galline abbiano a disposizione piccole pietre che favoriscono la digestione del cibo che ingeriscono. Infatti, questi uccelli  non hanno i denti e, quindi, non potendo masticare quello che mangiano, immagazzinano nel gozzo (che è una voluminosa dilatazione dell’esofago) tutto il nutrimento ingerito velocemente. Nel ventriglio, invece, grazie alle pareti muscolari molto sviluppate, i nutrienti vengono triturati con l’aiuto della ghiaia, ingerita in precedenza assieme agli alimenti.

Altri consigli per allevare le galline

Ricordate sempre che

  • Le galline possiedono una ghinadola sensibile alla luce, che stimola la produzione delle uova; quindi ad una minore esposizione alla luce, corrisponderà una minor quantità di uova. Nelle stagioni in cui la luce solare diminuisce (in autunno e inverno) e le giornate si “accorciano”, potrebbe essere utile l’utilizzo della luce artificiale delle lampadine, che potreste lasciare accese nel pollaio
  • Devono avere sempre a disposizione acqua fresca e pulita
  • Dovete dare loro la possibilità di “sguazzare” nella terra o nella sabbia: infatti, questo è il metodo che utilizzano per pulirsi e liberarsi dai parassiti
  • Per deporre le uova non hanno bisogno “dell’aiuto” di un gallo!