Stress negli uccelli domestici: cause, sintomi e soluzioni

Lo stress negli uccelli domestici è qualcosa da tenere sotto controllo, in quanto può portare a molte altre patologie che possono compromettere la vita dell'uccello. Imparate qui a riconoscerlo e ad alleviarlo.
Stress negli uccelli domestici: cause, sintomi e soluzioni

Ultimo aggiornamento: 17 ottobre, 2021

Gli uccelli, animali che volano nei cieli allo stato brado, possono avere difficoltà ad adattarsi a una gabbia. Se ne tenete uno o più in casa, dovreste conoscere quali sono i segni di stress negli uccelli domestici, poiché rilevarlo è essenziale per garantire il loro benessere.

Le informazioni che troverete qui hanno un approccio generale, quindi sono valide per qualsiasi specie di uccello. Lo stress ha la capacità di scatenare o aggravare molte malattie, quindi prendete nota di tutto ciò che dovete sapere per riconoscerlo e alleviarlo.

Cause di stress negli uccelli domestici

Gli uccelli domestici sono animali che hanno bisogno di un ambiente sicuro e stabile per sentirsi tranquilli. Come prede nel loro ambiente naturale, associano i cambiamenti nel loro habitat come segnali di pericolo, che causano loro stress. Ma quali cambiamenti possono esserci in una casa per sembrare pericolosa ai loro occhi? Ecco gli esempi più comuni:

  • Trasloco: non siete gli unici a soffrire di stress durante il trasloco. Anche l’uccello è allarmato se la sua intera routine e il suo ambiente vengono improvvisamente sconvolti.
  • Cambio di famiglia: molti uccelli instaurano legami molto profondi con i loro proprietari. Se sono costretti ad andare a vivere con altre persone, saranno stressati dal dover iniziare un nuovo rapporto con uno sconosciuto e gli mancherà la precedente famiglia.
  • Arrivo di un nuovo membro della famiglia: umano o no, l’introduzione di nuovi animali in casa è solitamente causa di stress nell’uccello a causa del cambiamento di routine che questo implica.
  • Rumori esterni: tuoni, rumori di lavori in corso o traffico intenso sono alcuni esempi di suoni improvvisi che possono spaventare il vostro uccello. Se sono costanti, creeranno una situazione di stress ossidativo.
  • Presenza di predatori e altri animali: ad esempio, anche se un’aquila o un procione non hanno accesso alla casa, il fatto che si affaccino alla finestra è fonte di stress per il vostro uccello. Anche i gatti domestici possono essere considerati delle minacce.
  • Modifiche alla routine: possono essere sia la vostra che quella dell’uccello stesso. Trovano difficile adattarsi ai nuovi elementi della loro quotidianità o ai cambiamenti di programma.

Ci sono altri piccoli dettagli in grado di alterare la tranquillità di un uccello: il cambiamento del colore delle pareti, la modifica dei cicli di luce artificiale, le unghie dipinte o persino l’introduzione di qualcosa di nuovo nella sua gabbia. Ogni volta che portate una variazione nell’ambiente o nella routine, state attenti e registrate possibili cambiamenti nel comportamento del vostro uccello.

Una ninfa su uno sfondo bianco.

Come fare a sapere se un uccello è stressato?

Ci sono una serie di sintomi di stress fisico e psicologico comuni alla maggior parte degli uccelli. Queste informazioni di base sono essenziali per riconoscere il disturbo in tempo. Questi sono i segni clinici più comuni:

  • Barre da stress: si tratta di macchie lineari sulle piume causate dalla presenza di acari mallofagi e carenze nutrizionali. Queste carenze sono il risultato dei cambiamenti che lo stress provoca nella fisiologia dell’uccello.
  • Strappamento delle piume: toelettarsi troppo o ferirsi sono segni comuni che un uccello è molto stressato.
  • Aggressione nei confronti di altri animali o del proprietario: questo comportamento può essere anche indicatore di una malattia fisica, quindi si consiglia una visita dal veterinario per trovarne la causa.
  • Perdita di appetito: anche il fatto che l’uccello smetta di mangiare, insieme al resto dei sintomi, è incluso in un quadro clinico da stress. Come il punto precedente, questo comportamento fa parte dei sintomi delle malattie fisiche.
  • Cambiamenti nei vocalizzi: specialmente nel caso dei pappagalli, urlare più forte, più spesso o, al contrario, smettere del tutto di vocalizzare sono chiari segni di stress.
  • Comportamento ripetitivo: i comportamenti che si ripetono continuamente e non hanno un obiettivo sono chiamati stereotipie. Sono principalmente il risultato di una mancanza di stimoli e di stress. Possono essere movimenti, vocalizzazioni o comportamenti abituali che si ripetono più del necessario, come la toelettatura.
  • Paura: se l’uccello inizia improvvisamente a temere cose che prima non temeva, potrebbe essere perché è in uno stato di stress continuo ed è più sensibile. Se si ritrae nei confronti di contatti che prima accettava, potrebbe essere un cambiamento nel vostro aspetto a far scattare la paura.
  • Noia: a nessuno piace non avere niente da fare, soprattutto se si vive in gabbia. Se l’uccello non ha una stimolazione mentale sufficiente, soffrirà di stress.

Soluzioni allo stress negli uccelli domestici

Una volta individuato il fattore di stress che colpisce l’uccello, la prima cosa è rimuoverlo dal suo ambiente in modo che smetta di avere effetto. Il prossimo passo è diagnosticare il comportamento anomalo che sta esibendo: soffre di deplumazione? Si rifiuta di mangiare? Ciascuno dei disturbi derivati ha un trattamento specifico, quindi devono essere distinti tra loro.

Mentre affrontate questi problemi con il vostro veterinario, è importante intraprendere determinate azioni che aiuteranno ad alleviare lo stress sull’uccello. Li potete leggere qui sotto:

  • Non urlare o fare rumori forti intorno all’uccello: questo non fa che aumentare il suo stress.
  • Evitare movimenti bruschi, soprattutto quando vi avvicinate all’uccello: se l’uccello ha paura, dovreste avvicinarvi piano e senza forzare il contatto.
  • Dategli una dieta equilibrata e arricchite il suo ambiente: tenere l’uccello impegnato e divertito sarà l’ideale per evitare stereotipi e alleviare lo stress.
  • Se l’uccello non vuole farsi toccare, potete riconquistare la sua fiducia offrendogli un bastone in modo che possa arrampicarsi e avvicinarsi lentamente di nuovo a voi.
  • Lasciatelo uscire dalla gabbia più spesso e trascorrete del tempo di qualità con lui.
I pappagalli possono mangiare le uova?

Come avete visto, le informazioni contenute in questo articolo sono generali, quindi dovreste anche apprendere conoscenze specifiche corrispondenti alla specie di cui vi prendete cura. Gli uccelli sono animali delicati e, affinché la loro presenza continui a rallegrare ogni giorno della vostra vita, anche la loro vita deve essere felice.

Potrebbe interessarti ...
Autodeplumazione negli uccelli: cause, sintomi e trattamento
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Autodeplumazione negli uccelli: cause, sintomi e trattamento

L'autodeplumazione è piuttosto frequente tra gli uccelli: è provocata da un forte stress e dalla mancanza di arricchimento ambientale.



  • User, S. (s. f.). Las estereotipias como indicadores de falta de bienestar en animales de zoológico. ZAWEC. Recuperado 13 de octubre de 2021, de https://www.zawec.org/es/que-hacemos/fichas-tecnicas/43-las-estereotipias-como-indicadores-de-falta-de-bienestar-en-animales-de-zoologico
  • Dickens, M. J., & Bentley, G. E. (2014). Stress, captivity, and reproduction in a wild bird species. Hormones and Behavior66(4), 685-693.
  • Cussen, V. A., & Mench, J. A. (2015). The relationship between personality dimensions and resiliency to environmental stress in orange-winged amazon parrots (Amazona amazonica), as indicated by the development of abnormal behaviors. PLoS One10(6), e0126170.
  • Larcombe, S. D., Tregaskes, C. A., Coffey, J., Stevenson, A. E., Alexander, L. G., & Arnold, K. E. (2015). Oxidative stress, activity behaviour and body mass in captive parrots. Conservation physiology3(1), cov045.