Tipi di balene

Le balene hanno due narici sulla schiena che usano per respirare, motivo per cui "spruzzano acqua" quando emergono.
Tipi di balene
Cesar Paul Gonzalez Gonzalez

Scritto e verificato il biologo Cesar Paul Gonzalez Gonzalez.

Ultimo aggiornamento: 13 giugno, 2024

Le balene sono enormi animali acquatici che popolano i mari del pianeta. Questi esseri viventi non sono pesci, quindi non possono respirare sott’acqua. Per questo motivo hanno delle coperture sul retro che permettono loro di prendere aria dalla superficie. Il gruppo contiene diversi rappresentanti che sono acclamati come i più grandi esseri viventi del pianeta.

Questi giganteschi esemplari appartengono all’ordine dei cetacei, che sono suddivisi in 2 gruppi: Mysticeti e Odontoceti. Gli animali che ci interessano si trovano nel primo, mentre il secondo raggruppa esemplari come delfini, narvali e beluga. Se vuoi sapere quali tipi di balene esistono, continua a leggere questo spazio.

Chi sono le balene?

Il termine balena può riferirsi a qualsiasi esemplare all’interno del gruppo dei cetacei. Tuttavia, la mammalogia marina ritiene che questo nome dovrebbe essere portato solo da organismi misticeti (Mysticeti). Questo permette di avere meno ambiguità nei concetti e riesce a separarli da altri animali come i delfini.

Una caratteristica particolare dei misticeti sono le “barbe” che hanno all’interno della bocca, che li aiutano a filtrare l’acqua per nutrirsi. Grazie a questo, tutto ciò di cui hanno bisogno per mangiare è aprire il loro enorme apparato boccale e aspettare che il loro cibo sia intrappolato in queste strutture.

La maggior parte dei vari tipi di balene esistenti mostra una colorazione grigia sul dorso e bianca sul ventre. Questo modello è un tratto adattivo che consente loro di cacciare senza attirare l’attenzione. Da un lato, le prede che stanno sotto l’animale vedono il colore bianco del suo ventre (simile alla luce del sole), mentre quelle che stanno sopra osservano il suo dorso grigio che si mimetizza con lo sfondo.

Perché non sono considerati pesci?

Le balene sono mammiferi acquatici che respirano attraverso i polmoni, che è molto diverso dai pesci (respirano attraverso le branchie). Durante le loro immersioni in acqua, questi organismi devono trattenere il respiro e utilizzare efficacemente l’ossigeno. Altrimenti, sarebbe impossibile per loro rimanere sommersi così a lungo.

Un’altra differenza essenziale è la struttura dei loro muscoli, che fanno muovere su e giù la coda delle balene. Al contrario, i pesci usano movimenti laterali (da sinistra a destra). Sebbene possa non sembrare una grande differenza, internamente c’è una grande complessità che permette ai cetacei di muovere con facilità i loro enormi corpi.

Quanti tipi di balene esistono?

I tipi di balene che esistono nel mondo sono relativamente pochi, perché coprono solo 15 specie in totale. Tuttavia, ognuno di loro ha caratteristiche uniche e grandiose che li rendono animali affascinanti. Le 4 famiglie che compongono questo gruppo sono le seguenti.

Famiglia Balaenopteridae

Questo tipo di balena è caratterizzato dalle pieghe nella sua gola, che servono per espandere ulteriormente la bocca e catturare più cibo. L’acqua in eccesso che entra viene espulsa attraverso la loro lingua, mentre il cibo rimane intrappolato tra le loro barbe.

Questa famiglia è anche conosciuta come balenottere comuni e sono le più diverse del gruppo. Alcuni rappresentanti sono i seguenti:

  • Balenottera comune (Balaenoptera physalus): questa specie è considerata cosmopolita perché viaggia tutti gli oceani del mondo. È il secondo mammifero più grande del mondo, con dimensioni massime di 26 metri di lunghezza.
  • Balenottera sei (Balaenoptera borealis): il suo corpo è lungo tra 13 e 16 metri. Ha una cresta sulla testa che lo differenzia dalla balena di Bryde.
  • Balenottera comune di Bryde ( Balaenoptera brydei ): è caratterizzata da 3 creste parallele sulla testa e pinne leggermente più piccole. La lunghezza del suo corpo riporta solitamente tra i 12 ei 15 metri.
  • Balenottera comune tropicale ( Balaenoptera edeni ): la sua taglia media è compresa tra 12 e 14 metri di lunghezza. Ha da 40 a 50 pieghe nella sua gola.
  • Grande balenottera azzurra ( Balaenoptera musculus ): è considerata l’animale più grande del pianeta, in quanto misura tra i 24 ei 27 metri di lunghezza.
  • Balenottera minore (Balaenoptera acutorostrata): raggiunge una dimensione di 7 a 10 metri di lunghezza. È caratterizzato dal presentare una macchia bianca sulle pinne pettorali.
  • Megattera ( Megaptera novaeangliae ): ha una lunghezza da 12 a 16 metri ed è spesso considerata un animale acrobatico per saltare frequentemente fuori dall’acqua.
  • Balenottera (Balaenoptera omurai): la dimensione di questa specie non superi i 12 metri di lunghezza. È stato descritto per la prima volta nel 2003 ed è l’esemplare di cui oggi si conosce meno.
  • Balenottera minore (Balaenoptera bonaerensis): la sua dimensione media è compresa tra 8 e 9 metri di lunghezza. Presenta tra 30 e 70 pieghe corte nella sua gola.
Una balenottera comune sulla superficie del mare.

Famiglia Eschrichtidae

Questa famiglia è anche conosciuta come la balena draga, poiché aprono la bocca e succhiano il fondo dell’oceano in cerca della loro preda. L’unica specie che rimane in vita è la balena grigia ( Eschrichtius robustus ) che si caratterizza per aver percorso più di 9000 chilometri durante la sua migrazione. Il loro viaggio spazia dai mari di Bering in Alaska, ai luoghi di riproduzione al largo della costa messicana.

Questo enorme cetaceo è lungo circa 15 metri.

Una balena grigia che esce dall'acqua.

Famiglia Balaenidae

I tipi di balene che compongono questo gruppo sono caratterizzati dall’alimentazione vicino alla superficie del mare, dove nuotano con la bocca aperta per catturare la preda. Per questo tipo di comportamento sono conosciuti anche con il nome di parrucchieri. Inoltre, hanno barbe lunghe fino a 4 metri che li aiutano a rendere il processo più efficiente. Questa famiglia è composta dalle seguenti specie:

  • Balena della Groenlandia ( Balaena mysticetus ): la sua dimensione è compresa tra i 14 ei 18 metri di lunghezza. Durante la sua migrazione nuota in gruppi che formano una “V”.
  • Balena Franca del Pacifico ( Eubalaena japonica ): è in grado di raggiungere con facilità i 18 metri di lunghezza. Si ritiene che rimangano solo 2 popolazioni, il Mare di Okhotsk e il Mare di Bering.
  • Balena Franca Australe ( Eubalaena australis ): si riconosce dal gran numero di calli sulla pelle, che servono da impronta digitale per identificare ogni esemplare. La maggior parte sono lunghi circa 13-18 metri.
  • Balena franca glaciale ( Eubalaena glacialis ): è in pericolo di estinzione a causa della caccia continua dei suoi esemplari. La loro dimensione media è solitamente compresa tra 14 e 18 metri di lunghezza.
Una balena del sud.

Famiglia Cetotheriidae

L’unico membro di questo gruppo è la balena franca pigmea ( Caperea marginata ), che misura tra i 5 ei 6 metri di lunghezza. È caratterizzato dall’avere una piccola pinna dorsale situata vicino alla coda e due distintivi solchi sul collo. In generale, si ritiene che questa famiglia esistesse all’inizio del Pleistocene (2,59 milioni di anni prima della nostra era), ma scomparve durante la massiccia estinzione della megafauna.

La balena franca pigmea è considerata un fossile vivente a causa della sua relazione con questo gruppo. Infatti, secondo un articolo pubblicato dalla rivista Proceedings of the Royal Society, gli antenati di questa specie potrebbero essere sopravvissuti a estinzioni di massa grazie alle sue piccole dimensioni.

Balene in pericolo di estinzione

Durante l’XI secolo, diversi pescatori si dedicarono alla caccia e alla commercializzazione dei prodotti derivati dalla balena franca. Quest’opera divenne famosa grazie all’utilità del grasso dei mysticetos, poiché veniva utilizzato come combustibile per lampade, come lubrificanti e per fare margarine.

La seconda guerra mondiale portò inoltre alla caccia ai misticeti, poiché la glicerina (un derivato del grasso) iniziò ad essere utilizzata per la fabbricazione di esplosivi. Di conseguenza, diversi tipi di balene ne hanno subito le conseguenze e sono stati portati sull’orlo dell’estinzione.

Nel 1948 fu costituita la Convenzione internazionale per la regolamentazione della caccia alle balene, la cui funzione si concentrava sulla regolamentazione della caccia di questi animali. Tuttavia, il danno era già stato fatto e diverse popolazioni di misticeti si erano ridotte. Questo è il motivo per cui 9 delle 15 specie esistenti sono minacciate. Tali esemplari sono i seguenti:

  • Balena grigia (minacciata).
  • Balena della Groenlandia (minacciata).
  • Balena franca del Pacifico (minacciata).
  • Balenottera comune sei (minacciata).
  • Balenottera azzurra (minacciata).
  • Megattera (minacciata).
  • Balena franca glaciale (in grave pericolo di estinzione).
  • Balena Franca Australe (in grave pericolo di estinzione).
  • Balenottera comune (in grave pericolo di estinzione).
balene

In generale, diversi tipi di balene sono a rischio critico a causa dell’inquinamento dei mari, del cambiamento climatico e della pesca illegale. Questo non è di buon auspicio per queste specie, poiché presto potrebbero essere tutte gravemente minacciate se non si fa qualcosa.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.


  • Fordyce, R. E. & Marx, F. G. (2012). The pygmy right whale Caperea marginata: the last of the cetotheres. Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences, 280(1753), 20122645–20122645. doi:10.1098/rspb.2012.2645
  • International Union for Conservation of Nature and Natural Resources. (2021). Red list. Recuperado el 04 de diciembre de 2021, disponible en: https://www.iucnredlist.org/search?query=whale&searchType=species
  • Sasaki, T., Nikaido, M., Wada, S., Yamada, T. K., Cao, Y., Hasegawa, M., & Okada, N. (2006). Balaenoptera omurai is a newly discovered baleen whale that represents an ancient evolutionary lineage. Molecular Phylogenetics and Evolution, 41(1), 40-52.
  • Medrano, L. & Urbán, J. (2019). Mamiferos marinos: identidad, diversidad y conservación. Revista Ciencia, 70(3), 8-19.
  • Busquets, G., Guerrero, F. & Gendron, D. (2019). Las ballenas. Revista Ciencia, 70(3), 56-63.
  • Ruiz, M. G. (2006). Las ballenas del Golfo de California. Instituto Nacional de Ecología: México.

Questo testo è fornito solo a scopo informativo e non sostituisce la consultazione con un professionista. In caso di dubbi, consulta il tuo specialista.