Uno studio rileva l'esistenza di specie che non sembrano invecchiare

I colibrì hanno una vita media che va dai 3 ai 5 anni, poiché hanno un metabolismo piuttosto veloce e accelerato. Al contrario, le tartarughe hanno un comportamento più sedentario e lento che le aiuta a raggiungere i 60 o 150 anni, a seconda della specie.
Uno studio rileva l'esistenza di specie che non sembrano invecchiare

Ultimo aggiornamento: 30 luglio, 2022

L’invecchiamento è un inevitabile processo biologico che compromette la normale funzionalità del corpo. Di conseguenza, si manifestano varie condizioni che peggiorano col passare del tempo. Anche se si tratta di un processo abbastanza evidente in tutti gli esseri viventi, uno studio recente ha confermato che esistono alcune specie che non sembrano invecchiare.

Questa nuova scoperta conferma diverse teorie sugli animali dalla grande longevità. Anche se il fatto che siano longeve non significa che rimangano giovani per tutta la vita, ciò spiega come sia possibile che alcune specie superino facilmente i 100 anni di età. Continuate a leggere questo spazio e scoprite di più su questo argomento.

Come funziona l’invecchiamento?

In generale, i processi metabolici generano una serie di molecole tossiche per la cellula, che la deteriorano progressivamente. Pertanto, con il passare del tempo, questo deterioramento si accumula e provoca problemi nel normale funzionamento del corpo. Di conseguenza, i tessuti del corpo perdono elasticità, compaiono le rughe e diminuisce la resistenza, tutti segni dell’invecchiamento.

Per metabolismo si intende qualsiasi reazione biochimica che consente di sostenere la vita. Ciò significa che se si volesse evitare l’invecchiamento, sarebbe necessario interrompere tutti i processi metabolici nel corpo, che porterebbero inevitabilmente alla morte. Questo è ciò che rende inevitabile l’invecchiamento.

Perché gli esseri viventi hanno aspettative di vita diverse?

Sebbene presentino alcune somiglianze, i processi metabolici sono diversi in ogni essere vivente. Per questo motivo, la velocità con cui si generano le molecole tossiche varia a seconda della specie, il che fa sì che l’invecchiamento progredisca a ritmi diversi.

Anche se il metabolismo è uno dei principali fattori responsabili dell’invecchiamento, anche l’ambiente e la qualità della vita influiscono su questo processo. Questo perché qualsiasi fattore che agisce sul corpo provoca ulteriori danni alle cellule. Pertanto, il processo di invecchiamento ne risulta accelerato.

L’aspettativa di vita di una specie è dettata non solo dalla velocità del suo metabolismo, ma anche dallo stile di vita e dall’ambiente che la circonda. Ecco perché l’aspettativa di vita media non è altro che un indicatore dell’età che l’esemplare può raggiungere. Tuttavia, non garantisce che si viva effettivamente fino a quel massimo di tempo.

Habitat della tartaruga moresca.

Specie che vivono a lungo

Anche se il metabolismo, l’ambiente e lo stile di vita di alcune specie favoriscono il rallentamento dell’invecchiamento, ciò non significa che lo fermino. Pertanto, nessun animale è in grado di vivere per sempre o di essere immortale. Tuttavia, esistono alcuni animali in grado di superare i 100 anni di età, il che è incredibile considerando che diverse specie hanno difficoltà a raggiungere i 50 anni (compreso l’uomo).

Gli esseri umani sono forse il miglior esempio del combattere la vecchiaia, poiché sono riusciti a raddoppiare la loro aspettativa di vita in meno di 100 anni. Nel 1930 le persone vivevano in media 34 anni, mentre nel 2019 questa cifra è aumentata a 75 anni. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, questo risultato è dovuto ai progressi della medicina, che consentono di rimediare alle conseguenze della vecchiaia, ma non la fermano.

D’altra parte esistono specie affascinanti che, pur non avendo la capacità di sopperire agli effetti dell’invecchiamento, sembrano non invecchiare. Un esempio di questo fenomeno sono vari tipi di tartarughe che superano i 60 anni e sono in grado di raggiungere persino 150 anni di età.

Perché le tartarughe sono in grado di vivere così a lungo?

Anche se le tartarughe non hanno la capacità di medicarsi o curarsi da sole, hanno un meccanismo biologico complesso che le aiuta ad avere una grande longevità. Per anni si è ipotizzato che il processo metabolico di questi rettili potesse essere più lento di quello di altri animali, il che avrebbe dato loro la capacità di rallentare l’invecchiamento. Tuttavia, non esisteva uno studio scientifico che confermasse o meno questa teoria.

Nel 2022, uno studio condotto dall’Università della Danimarca ha rilevato che diverse specie di testudinidi (tartarughe) presentavano pochi segni di invecchiamento. Spiegato in altro modo, delle 77 specie di tartarughe analizzate, circa il 75% ha dimostrato di avere la capacità di rallentare il processo di invecchiamento. Alcuni degli esemplari analizzati sono stati:

  • 1. Tartaruga moresca (aspettativa di vita: 20 anni).
  • 2. Tartaruga gigante di Aldabra (aspettativa di vita: 80-120 anni).
  • 3. Tartaruga delle Galapagos (aspettativa di vita: 100-150 anni).
  • 4. Tartaruga nera delle Galapagos (aspettativa di vita: 16 anni).
Una tartaruga gigante che guarda la telecamera.

Perché le tartarughe invecchiano così lentamente?

Non è stata ancora scoperta la ragione concreta per cui alcune specie di tartarughe sembrano non invecchiare. Tuttavia, si credeva che potesse avere a che fare con la loro incapacità di termoregolarsi. Come già sappiamo, i rettili non sono in grado di regolare la propria temperatura corporea e dipendono dalla luce del sole per riscaldarsi. Ciò significa che il metabolismo viene utilizzato di meno, il che potrebbe rallentare l’invecchiamento.

Tuttavia, questa teoria è stata recentemente smentita (2022) da un folto gruppo di ricercatori. Lo studio afferma che non esiste alcuna relazione tra l’invecchiamento degli animali e la loro capacità di regolare la temperatura (ectotermia e endotermia). Pertanto, rimane ancora ignota la ragione precisa per cui varie specie di tartarughe sembrano non invecchiare in maniera tanto veloce.

Se fossimo in grado di svelare il segreto della capacità di queste specie di tartarughe di rallentare l’invecchiamento, potremmo sfruttarlo per migliorare la salute umana in futuro. Sicuramente c’è ancora molta strada da fare per trovare le risposte necessarie, ma questo potrebbe essere uno dei primi passi che ci condurrà all’immortalità.

Potrebbe interessarti ...
Cosa mangiano le tartarughe di terra?
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Cosa mangiano le tartarughe di terra?

Sapete cosa mangiano le tartarughe di terra? Questa specie di rettile è erbivora e ha una predilezione per i germogli verdi.



  • Reinke, B. A., Cayuela, H., Janzen, F. J., Lemaître, J. F., Gaillard, J. M., Lawing, A. M., … & Miller, D. A. (2022). Diverse aging rates in ectothermic tetrapods provide insights for the evolution of aging and longevity. Science, 376(6600), 1459-1466.
  • da Silva, R., Conde, D. A., Baudisch, A., & Colchero, F. (2022). Slow and negligible senescence among testudines challenges evolutionary theories of senescence. Science, 376(6600), 1466-1470.
  • Finch, C. E. (2009). Update on slow aging and negligible senescence–a mini-review. Gerontology, 55(3), 307-313.
  • Girondot, M., & Garcia, J. (1999). Senescence and longevity in turtles: what telomeres tell us. In Proceedings of the 9th extraordinary meeting of the Europea Societas herpetologica (Vol. 1, pp. 25-29).