Urial: vita sociale, habitat e alimentazione

29 Giugno 2019
L'urial appartiene alla famiglia dei bovidi o montoni e presenta particolari corna incurvate.

L’urial è forse una specie che non ci risulta familiare. Nelle zone montuose dell’Asia, tuttavia, è possibile avvistarlo con relativa facilità. Volete conoscere meglio questi animali? Non perdetevi questo articolo!

Caratteristiche dell’urial

L’urial (Ovis vignei oppure Ovis orientalis vignei) è stato descritto ufficialmente per la prima volta nel 1841 dallo zoologo e chimico inglese Edward Blyth. Gli urial, anche chiamati arkhar o shapo, sono mammiferi che appartengono alla famiglia Bovidae. In questa famiglia sono incluse altre specie note come le pecore, le capre e le antilopi.

Ci troviamo in presenza di animali artiodattili: le loro estremità terminano a forma di dita, tutte di numero pari. Usano almeno due di queste dita per appoggiarsi a terra.

Esemplare di urial

Gli esemplari maschi di urial pesano intorno ai 90 chilogrammi, con una altezza che può raggiungere il metro. Il pelo è di colore marrone, sebbene possa variare leggermente tra l’inverno e l’estate. Nella zona della coda e le cosce posteriori possono essere presenti delle aree bianche. Le corna nelle femmine sono corte, invece nei maschi sono lunghe e curve verso fuori.

Vita sociale e comportamento

L’urial è un animale gregario e tende a formare greggi di individui con cui ha un qualche tipo di legame o relazione. Questi greggi di solito sono formati dalle femmine e dai cuccioli, in quanto i montoni formano un gruppo separato.

La dominanza di questi gruppi è data dalle dimensioni, soprattutto nei maschi tra cui la grandezza delle corna ne determina la scala sociale. I maschi giovani sono più aggressivi rispetto agli adulti e gli scontri sono piuttosto frequenti. In queste lotte, l’urial si avvale delle sue corna e delle zampe anteriori per far valere il suo rango.

Urial

Questi animali sono diurni e tendono a passare la maggior parte della giornata ad alimentarsi di foraggio. Non si allontanano troppo da un determinato habitat, ma non vivono mai nello stesso territorio.

Alimentazione dell’urial

Come tutti i bovidi, l’urial ha una alimentazione esclusivamente erbivora. La sua dieta si basa, quindi, su una selezione di piante tra le quali predominano gli arbusti e l’erba. Si nutre anche di gambi, corteccia e semi di alcune piante.

Bisogna sottolineare che al giorno d’oggi questa specie è catalogata come Vulnerabile dalla UICN. La perdita di habitat e la caccia indiscriminata stanno compromettendo seriamente la salvaguardia di questi animali.

  • Rezaei, H. R., Naderi, S., Chintauan-Marquier, I. C., Taberlet, P., Virk, A. T., Naghash, H. R., … & Pompanon, F. (2010). Evolution and taxonomy of the wild species of the genus Ovis (Mammalia, Artiodactyla, Bovidae). Molecular phylogenetics and evolution54(2), 315-326.
  • Wilson, D. E., & Reeder, D. M. (Eds.). (2005). Mammal species of the world: a taxonomic and geographic reference (Vol. 1). JHU Press.