Urolitiasi nei gatti: cause, sintomi e trattamento

24 marzo, 2021
L'urolitiasi nei gatti causa mancanza di minzione, dolore addominale, escrezione di urina con sangue e altri sintomi molto allarmanti. Se non trattata, può essere fatale.

L’urolitiasi nei gatti è una malattia caratterizzata dalla comparsa di calcoli – nefroliti e uroliti – nei reni o in alcune parti delle vie urinarie dell’animale. L’1% dei felini domestici soffrirà di questa patologia per tutta la vita e, inoltre, può essere fatale nei casi più gravi.

Quando i calcoli formati nelle vie urinarie dell’animale bloccano un condotto, la vita del felino è in serio pericolo. Nelle righe seguenti presentiamo le cause ei sintomi dell’urolitiasi nei gatti, con l’obiettivo di poterla rilevare in tempo, prima che diventi una patologia letale.

Cos’è l’urolitiasi nei gatti e cosa la causa?

I minerali che circolano nelle urine naturalmente possono finire per trasformarsi in grumi cristallini. I cristalli nei felini domestici sono solitamente composti da ossalato di calcio – nel 70% dei casi – struvite, fosfato di calcio, purine e altri composti miscelati.

L’urolitiasi è una conseguenza diretta della perdita di solubilità degli ioni circolanti nelle urine, evento che provoca la loro precipitazione e la formazione di cristalli. Questi accumuli minerali appaiono come conseguenza di alcune condizioni patologiche, poiché in una situazione normale, l’urina inibisce la formazione di cristalli e la comparsa di calcoli.

La composizione dei calcoli può fornire indizi sull’agente eziologico della malattia, ma nella comunità scientifica non è ancora completamente chiara la loro origine. Tuttavia, possiamo citare una serie di probabili fattori scatenanti nell’elenco seguente:

  1. Livelli troppo alti di calcio e altri minerali nel corpo. La malattia renale cronica e le neoplasie possono promuovere questa condizione, poiché se i reni non riescono a filtrare adeguatamente il sangue, alcune sostanze si accumulano.
  2. Un pH urinario atipico. Se il pH delle urine è superiore o inferiore al normale, può portare alla deposizione di cristalli minerali con proprietà chimiche diverse.
  3. Urina troppo concentrata che rimane immagazzinata nel corpo. La ritenzione di urina può favorire la comparsa di urolitiasi e questo può essere innescato da stress, obesità, problemi neurologici o squilibri ortopedici, tra gli altri.

Tuttavia, questi eventi clinici non provocano necessariamente la comparsa di urolitiasi nei gatti. Le malattie acquisite e le predisposizioni congenite possono svolgere un ruolo molto rilevante nell’emergenza dei calcoli renali, ma il loro meccanismo di comparsa non è ancora completamente chiaro.

La riunione di un gatto e del suo guardiano.

Sintomi

Come indicato dal portale MSD Manuals , un gatto che ha piccoli calcoli renali può essere asintomatico. In ogni caso, i maggiori accumuli minerali sono in grado di ostruire alcuni canali essenziali per la minzione, il che è evidenziato da vari segni clinici. Tra questi, evidenziamo quanto segue:

  • Difficoltà a urinare, un evento che si traduce in una riduzione della minzione. Quando il gatto è completamente incapace di espellere l’urina, si sviluppa un quadro clinico noto come anuria.
  • Sangue nelle urine (ematuria).
  • Minzione fuori dalla sabbiera in luoghi e tempi anomali.
  • Dolore, anche se i gatti sono abili nel mascherarlo.

In particolare, in alcuni casi, i calcoli sono “inattivi”. Ciò significa che non mostrano segni di infezione, non stanno crescendo e non stanno bloccando alcun condotto. In questi scenari, la loro estrazione può essere ritardata, ma l’animale deve essere monitorato periodicamente.

Diagnosi e trattamento dell’urolitiasi nei gatti

In alcuni casi, il veterinario è in grado di percepire i calcoli direttamente, toccando l’addome del gatto. In ogni caso, sono sempre necessarie analisi delle urine e esami di imaging che mostrano il sistema urinario del felino. Inoltre, è essenziale ottenere un campione da un calcolo per descriverne la composizione chimica e le possibili cause.

Uno dei metodi più efficaci per trattare l’urolitiasi è la litotrissia extracorporea ad onde d’urto (ESWL). In questo trattamento vengono utilizzate onde ultrasoniche che distruggono i cristalli minerali, il che consente lo sblocco dei canali urinari e il passaggio dell’urina. La diminuzione del diametro dei calcoli ne favorisce l’eliminazione.

Nei casi più gravi può essere necessario un intervento chirurgico immediato che prevede la rimozione manuale dei calcoli. Questi verranno inviati a un laboratorio e analizzati, al fine di comprendere quale ne sia stata la causa e come agire dopo l’operazione.

Prevenzione

È difficile prevenire l’urolitiasi nei gatti, poiché alcuni felini sono geneticamente predisposti all’insufficienza renale. Ad esempio, fino al 50% dei gatti persiani sviluppa reni policistici, una condizione che finisce per essere letale nel tempo. Sfortunatamente, queste malattie non possono essere evitate.

Tuttavia, si ritiene che una dieta a basso contenuto di proteine minimizzi le possibilità di formazione di cristalli. Inoltre, si consiglia di fornire regolarmente al gatto cibo umido, perché più acqua consuma il gatto – direttamente o indirettamente -, più diluita sarà l’urina che produce.

Un gatto che mangia dalla sua ciotola.

Come avrai visto, questa malattia è ancora abbastanza sconosciuta nel mondo veterinario. I suoi sintomi e trattamenti sono stati studiati con attenzione, ma in molti casi le cause non sono del tutto chiare. Pertanto, piuttosto che prevenire la malattia, è necessario rilevarla per tempo se si manifesta e andare rapidamente dal veterinario.

  • O’Kell, A. L., Grant, D. C., & Khan, S. R. (2017). Pathogenesis of calcium oxalate urinary stone disease: species comparison of humans, dogs, and cats. Urolithiasis45(4), 329-336.
  • Urinary Stones (Uroliths, Calculi) in Cats, MSDmanuals. Recogido a 12 de marzo en https://www.msdvetmanual.com/cat-owners/kidney-and-urinary-tract-disorders-of-cats/urinary-stones-uroliths,-calculi-in-cats#:~:text=Kidney%20stones%20(which%20are%20rare,the%20area%20around%20the%20kidneys.