10 curiosità sui primati che non conoscete

I primati comprendono molte specie meravigliose, ognuna con le proprie caratteristiche distintive. Scoprite con noi le loro caratteristiche più sorprendenti!
10 curiosità sui primati che non conoscete

Ultimo aggiornamento: 13 novembre, 2021

I primati sono mammiferi euteri pieni di sorprese. Una delle loro curiosità è che sono sorti circa 55 milioni di anni fa da piccoli mammiferi terrestri, che si sono adattati a vivere sugli alberi delle foreste tropicali.

Questi animali sono di dimensioni molto variabili, dal topo lemure di Berthe (che pesa circa 30 grammi) al gorilla orientale (che pesa più di 200 chilogrammi). Se volete ammirare le loro peculiarità, qui potete conoscere altre 10 curiosità su di essi. 

1. La prima curiosità sui primati è che anche gli umani ne fanno parte

L’ordine biologico di questi animali è suddiviso nelle seguenti classificazioni tassonomiche, secondo quanto affermato da New England Primate Conservancy:

  • Grandi scimmie: bonobo, scimpanzé, gorilla, umani e oranghi.
  • Piccole scimmie: gibboni.
  • Scimmie: babbuini, scimmie cappuccine, scimmie urlatrici, presbytina, macachi, babbuini, cercocebo, uistitì, scimmie notturne, scimmie proboscide, scimmie dal naso camuso, scimmie ragno, scimmie scoiattolo, cacajao e scimmie lanose, tra le altre.
  • Proscimmie: è l’ordine di primati più antico e primitivo. Include galagidi, lemuri, arctocebus e tarsidi, tra gli altri.

Scimmie, lemuri e scimmie sono cugini degli umani e ci siamo tutti evoluti da un antenato comune negli ultimi 60 milioni di anni, afferma l’American Museum of Natural History. Poiché questi individui sono imparentati, sono geneticamente simili agli uomini.

Il DNA umano è identico al 96% al DNA dei parenti dei primati più lontani e quasi al 99% identico a quello dei parenti più stretti, scimpanzé e bonobo.

Uno degli animali più belli del Costa Rica.

2. I primati vivono in Africa, Asia e America Latina

Ad eccezione degli umani, che vivono in tutto il mondo, la maggior parte dei primati risiede nelle regioni tropicali o subtropicali. Questi animali vivono in varie parti dell’Africa, dell’Asia e dell’America Latina.

Le grandi scimmie abitano l’Africa e l’Asia, le piccole scimmie vivono solo in Asia, le scimmie sono distribuite naturalmente in Africa, Asia e America Latina e le proscimmie in Africa e Asia. Ci sono anche alcune popolazioni introdotte che vivono a Gibilterra, nelle isole dei Caraibi e in parti degli Stati Uniti, ma questi non sono i loro habitat naturali.

3. La maggior parte è in pericolo di estinzione

Esistono circa 704 specie e sottospecie di primati, ma il 69% di esse è minacciato e in pericolo di estinzione. Tuttavia, continuano a essere scoperte nuove specie di questi animali. Più di 25 specie sono state descritte negli anni 2000, 36 nel 2010 e 3 finora negli anni 2020.

Le minacce più comuni per questi individui sono la deforestazione, la frammentazione delle foreste e la caccia per scopi medicinali, come animali domestici e come cibo. Di questi pericoli, quello che mette maggiormente a rischio i primati è il disboscamento su larga scala delle foreste tropicali.

4. Una lunga aspettativa di vita tra le curiosità sui primati

Questi mammiferi hanno normalmente un cervello grande (rispetto alle dimensioni del loro corpo) e molto sviluppato. Inoltre, i primati si sviluppano più lentamente di altri mammiferi di dimensioni simili, quindi raggiungono la maturità più tardi, ma hanno un’aspettativa di vita più lunga. Un gorilla vive in media dai 35 ai 40 anni.

5. I primati sono alcuni tra gli animali più socievoli

Questi individui sono tra gli animali più sociali, poiché formano coppie o gruppi familiari. I primati non umani hanno almeno 4 tipi di sistemi sociali, qualcosa di molto atipico in natura.

Strette interazioni tra esseri umani e gruppi di primati non umani possono creare opportunità per la trasmissione di malattie zoonotiche, in particolare malattie virali come herpes, morbillo, Ebola, rabbia ed epatite. Pertanto, è necessario limitare il contatto con essi.

6. Comunicano anche attraverso le espressioni facciali

Lemuri, lori, tarsi e scimmie del Nuovo Mondo si affidano a segnali olfattivi per svolgere molti aspetti del comportamento sociale e riproduttivo. Questi mammiferi utilizzano ghiandole specializzate per marcare il territorio con feromoni e in questo modo comunicano.

I primati usano anche vocalizzazioni, gesti ed espressioni facciali per trasmettere uno stato psicologico. La muscolatura facciale è molto sviluppata in questi individui, in particolare nelle scimmie e nelle scimmie antropomorfe, il che consente una comunicazione facciale complessa.

Come gli umani, gli scimpanzé sono in grado di distinguere i volti di individui familiari e non. Anche i gesti delle mani e delle braccia sono importanti forme di comunicazione per le grandi scimmie e un singolo movimento del corpo può svolgere più funzioni.

7. Capacità cognitive molto avanzate tra le curiosità sui primati

Alcuni dei primati hanno la capacità di creare strumenti e usarli per acquisire cibo e per manifestazioni sociali. Spesso svolgono compiti che richiedono cooperazione, influenza e rango, rendendoli consapevoli dello status sociale. Possono anche essere manipolatori e ingannare gli altri colleghi.

Le scimmie sono in grado di riconoscere parenti e conspecifici e possono imparare a usare i simboli e comprendere aspetti del linguaggio umano. Ciò include alcune sintassi relazionali, concetti numerici e semplici sequenze numeriche.

8. Sono animali notturni

Il potto (Perodicticus potto) e la maggior parte degli altri primati sono più attivi di notte. Sebbene gli occhi di molti di questi animali siano appositamente adattati per la visione notturna, alcuni dipendono più dall’olfatto che dalla vista per trovare cibo e comunicare tra loro.

9. Non tutti vivono sugli alberi

Ad eccezione delle scimmie (compresi gli umani), tutti i primati hanno la coda. A seconda della specie, gli adulti possono vivere da soli, in coppia o in gruppi di centinaia di individui. Alcuni primati, inclusi gorilla, umani e babbuini, sono più terrestri che arboricoli, ma tutte le specie hanno adattamenti per arrampicarsi sugli alberi.

10. Alcuni possono vedere uno spettro completo di colori

La maggior parte dei mammiferi, compresi il potto e pochi altri, sono daltonici e non vedono il colore rosso. Tuttavia, gli umani e la maggior parte dei primati percepiscono uno spettro completo di colori.

La visione dei colori potrebbe essersi evoluta nei primati perché li aiutava a distinguere i frutti rossi o arancioni maturi sullo sfondo verde della foresta. La visione dei colori spesso aiuta anche alcune specie di scimmie mangiafoglie a scegliere le foglie verdi più nutrienti.

Ci sono anche molti primati notturni, quindi non sorprende che molti di loro non abbiano mai sviluppato la capacità di vedere il colore rosso. I colori rossastri sono molto difficili da vedere di notte (anche con la visione a colori).

C’è una lotta costante per proteggere i primati non umani

Solo gli esseri umani sono riconosciuti come persone e protetti dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani delle Nazioni Unite. Lo status giuridico dei primati non umani (NHP), d’altra parte, è oggetto di molti dibattiti, poiché ci sono organizzazioni che fanno costantemente campagne per garantire almeno alcuni diritti legali a questi mammiferi così simili a noi.

Nel giugno 2008, la Spagna è diventata il primo paese al mondo a riconoscere i diritti di alcuni NHP. Questo è successo quando la commissione ambientale multipartitica del suo parlamento ha esortato il Paese a rispettare le raccomandazioni in base alle quali scimpanzé, bonobo, oranghi e gorilla non sono validi strumenti sperimentali.

Molte specie di primati sono tenute in cattività dall’uomo e si stima che circa 15.000 di questi animali vivano come animali esotici negli Stati Uniti. Sebbene la loro importazione sia stata vietata negli Stati Uniti nel 1975, il contrabbando continua a verificarsi lungo il confine con il Messico. C’è acora una lunga strada da percorrere.

curiosità sui primati

Molti di questi animali sono stati usati come modelli nei laboratori, nelle missioni spaziali, come aiutanti per gli esseri umani disabili e come pagliacci di carnevale, tra le altre funzioni che non gli corrispondono. I primati esistono per dare vita alle foreste e all’ecosistema, poiché è lì che appartengono, e non per servire come strumento per la cultura umana.

Potrebbe interessarti ...
La morte di Koko, la femmina di gorilla che parlava agli uomini
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
La morte di Koko, la femmina di gorilla che parlava agli uomini

Qualche tempo fa, il 20 giugno 2018, è stata purtroppo confermata la morte di Koko, probabilmente la femmina di gorilla più famosa al mondo.