Le foreste più ricche di biodiversità del pianeta

8 Novembre 2019
In questi ecosistemi esiste una grande biodiversità, anche se purtroppo parte delle specie che li abitano si trovano a rischio di estinzione.

Le foreste sono un bioma tipico delle aree non secche del pianeta e sono distribuite in tutto il mondo. Molti anni fa, questi luoghi così ricchi di biodiversità sono diventati un’importante attrazione turistica per la loro bellezza naturale e perché ospitano milioni di specie animali. In questo articolo, parleremo delle foreste più ricche di biodiversità del pianeta.

Quali sono le foreste più ricche di biodiversità del pianeta?

La foresta amazzonica, in assoluto la foresta più ricca di biodiversità

Senza dubbio, il primo posto tra le foreste più ricche di biodiversità del pianeta deve essere concesso all’Amazzonia. Questa impressionante foresta pluviale attraversa più di 10 paesi del Sud America e copre oltre 1.500.000 km². Tuttavia, oltre il 60% delle sue foreste e biodiversità si trova nel territorio del Brasile.

Oltre ad essere la più grande foresta del mondo, l’Amazzonia è anche riconosciuta in tutto il mondo per la sua biodiversità. Attualmente, si stima che la foresta pluviale amazzonica ospiti 400 miliardi di alberi, di circa 16.000 specie diverse.

Le foreste più ricche di biodiversità del pianeta

Per quanto riguarda la sua fauna, gli esperti affermano che una delle 10 specie conosciute vive in Amazzonia e molte di esse sono a rischio di estinzione.

La foresta Nazionale di Tongass (Alaska-Stati Uniti)

Situato nel sud-est dell’Alaska, il parco nazionale della foresta di Tongass ha una giungla tropicale di quasi 70.000 km². Essendo una regione remota, la sua biodiversità è preservata e le sue foreste servono da rifugio per numerose specie a rischio di estinzione.

All’interno della foresta di Tongass troviamo regioni montuose innevate, ampie foreste, paludi, zone rocciose e ricchissima biodiversità. Grazie alla sua bellezza e alle infrastrutture ottimali per il turismo, la foresta riceve quasi un milione di persone ogni anno.

Monteverde (Costa Rica)

In Costa Rica, spiccano le foreste pluviali di Monteverde, che formano un ampio bioma pluviale tropicale. Sono ecosistemi molto umidi che si concentrano nelle aree montuose del paese. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, le temperature interne sono generalmente relativamente basse.

Nella giungla di Monteverde troviamo una flora privilegiata, con oltre 500 specie di orchidee. A sua volta, la fauna comprende oltre 150 specie di rettili e anfibi.

Primorsky Krai (Siberia-Russia)

La Siberia è uno dei luoghi più incredibili del nostro pianeta. Sebbene molti lo immaginino come un “secondo polo nord”, la Siberia comprende diversi biomi, tra cui la giungla di Primorsky Krai.

Situato nel sud-est del territorio russo, al confine con la Cina, questo paesaggio è formato per quasi l’80% da grandi foreste. In essi vivono le famose tigri siberiane e i leopardi dell’Amur, entrambi a rischio di estinzione.

L’Isola di Vancouver (Canada)

Molti di noi non assocerebbero mai l’immagine di una giungla a un paese con inverni rigidi come il Canada. Tuttavia, l’isola di Vancouver ci sorprende con le sue foreste di cedri gialli, pini bianchi, tsugas del Pacifico, aceri, ontani rossi e abeti di Douglas.

Le foreste di Vancouver

Questa foresta ospita anche lupi, puma, marmotte e persino orsi neri. La regione meridionale è piuttosto popolata: offre diverse opzioni per il turismo e il tempo libero, per non parlare dei fiumi, dei laghi e dei fiordi che compongono il suo splendido paesaggio.

Montagne Occidentali (India), tra le zone del mondo più ricche di biodiversità

Le montagne occidentali dell’India comprendono quattro aree tropicali del nord di Ghat, a sud-ovest dell’India. La giungla si estende per quasi 50.000 km², fino alle cascate di Joga, un’importante attrazione turistica del paese.

Tuttavia, solo il 5% delle sue foreste sono state dichiarate aree protette dal Fondo Mondiale della Fauna Silvestre. In queste foreste vivono in numerose specie la cui sopravvivenza è minacciata, come elefanti asiatici, pantere nere e tigri.

Harapan (Indonesia)

La giungla di Harapan, situata sull’isola di Sumatra, in Indonesia, copre oltre 98.000 ettari. Attualmente, si stima che oltre 300 specie di uccelli trovino il loro habitat in questo bioma tropicale. In esso troviamo alcuni mammiferi in pericolo di estinzione, come rinoceronti e tigri di Sumatra.

Sfortunatamente, la foresta pluviale di Harapan ha subito notevoli devastazioni dagli anni 1970. Attualmente, il progetto di costruzione di un’autostrada che attraversa la giungla rappresenta un enorme rischio per la sua biodiversità.

Monti Appalachi (Stati Uniti)

Infine, tra le foreste più ricche di biodiversità del pianeta, ci sono gli incredibili Monti Appalachi, situati nella parte orientale degli Stati Uniti. Questa regione calda e umida è considerata tropicale e riceve per la maggior parte del tempo circa 1.500 mm di precipitazioni annue con temperature temperate.

Nella sua incantevole fauna troviamo specie molto rare, come gli orsi neri, i cervi dalla coda bianca e gli scoiattoli. Inoltre, questa giungla nordamericana è l’habitat di oltre 30 specie di salamandre.