10 curiosità sull'armadillo

Il termine "armadillo" comprende diversi mammiferi molto strani appartenenti a 2 famiglie diverse. Volete conoscere alcune delle sue curiosità più sorprendenti?
10 curiosità sull'armadillo

Ultimo aggiornamento: 10 settembre, 2021

Ad oggi si stima che sul pianeta siano presenti circa 6.495 specie di mammiferi, di cui 95 estinte. Questo gruppo è molto ben studiato a causa della sua vicinanza genetica all’uomo, ma ci sono alcuni rappresentanti il cui ciclo di vita e forma di sopravvivenza passano inosservati a causa della loro rarità. Oggi vi sveliamo 10 curiosità sull’armadillo.

Sebbene l’immagine di un animale grigiastro con coda di maiale, pettorale e naso venga a tutti noi quando pensiamo a un armadillo, vedrete che ci sono rappresentanti molto più bizzarri all’interno di questo gruppo. Scoprite con noi alcuni fatti interessanti su questo taxon di mammiferi, poiché comprende senza dubbio alcune delle specie più affascinanti che possiate immaginare.

10 curiosità sull’armadillo che non conoscete

1. Gli armadilli non sono solo una specie

Prima di esplorare lo stile di vita degli armadilli e descriverli, troviamo interessante contestualizzarli da un punto di vista filogenetico. Innanzitutto è necessario sottolineare che gli armadilli moderni appartengono alla famiglia dei Dasypodidae e sono inclusi in un unico genere con 9 specie. L’esempio più famoso è Dasypus novemcinctus.

Da qui in poi le cose si complicano un po’, poiché la famiglia dei Chlamyphoridae comprende anche molte specie conosciute come “armadilli”. Inoltre, la diversità di questo taxon è molto più ampia, poiché è suddiviso in 3 diverse sottofamiglie e 8 generi, per un totale di 14 specie. Alcuni dei suoi rappresentanti sono fisicamente molto rari e non corrispondono al concetto stereotipato dell’armadillo.

Gli esemplari di entrambe le famiglie sono imparentati a livello genetico. In totale, ci sono circa 21 specie di armadilli nel mondo.

2. Un piano corporeo molto vario

Gli armadilli del genere Dasypus sono facili da descrivere, poiché hanno tutti una serie di caratteristiche comuni che sono molto sorprendenti ed esclusive del loro ordine. In primo luogo, va notato che presentano un’armatura che copre i fianchi, la schiena, la coda e la parte superiore della testa, che dà loro l’aspetto di indossare una “conchiglia”.

In ogni caso, la diversità diventa effettiva quando si parla di dimensioni. La specie Priodontes maximus o armadillo gigante raggiunge i 50 chili e 100 centimetri di lunghezza, mentre il suo piccolo parente Chlamyphorus truncatus non pesa quasi mai meno di 90 grammi e misura al massimo 15 centimetri.

10 curiosità sull'armadillo

3. Il guscio conta

La disposizione della corazza è molto importante quando si tratta di differenziare le specie di armadilli. Ad esempio, quelli del genere Dasypus sono caratterizzati dall’avere da 6 a 9 bande mobili composte da pelle cheratinizzata, che formano gli scudi dermici incaricati di proteggere tutto il corpo.

Specie più lontane dal tipico armadillo come Calyptophractus retusus rompono gli stereotipi, poiché il loro strato protettivo si trova solo nella zona dorsale e lascia scoperti fianchi e ventre, con un colore rosa simile a quello di una talpa. Inoltre, le placche sono fuse nel bacino e nella colonna vertebrale, il che conferisce loro un aspetto molto più fragile e flessibile.

Le curiosità sull’armatura degli armadilli sono così tante che richiederebbero uno spazio tutto loro.

4. Un adattamento ad ambienti inclementi tra le 10 curiosità sull’armadillo

Parlando di armature (e indipendentemente da come vengono presentate), è necessario sottolineare che questo tratto è condiviso da tutti gli armadilli in misura maggiore o minore. Si ipotizza che serva come metodo per evitare gli attacchi dei predatori, poiché questi mammiferi non hanno altri strumenti (estrema velocità o zanne) per affrontare i loro attacchi.

Tuttavia, l’armatura potrebbe anche essere un meccanismo evolutivo per proteggere questi mammiferi dal loro stesso stile di vita. Trattandosi di animali da fossa che trascorrono la giornata a brucare il terreno, l’armatura degli armadilli li isola dal terreno abrasivo nei periodi di caldo estremo e impedisce a determinati insetti di morderli o di parassitarli.

5. Poche specie, ma distribuite in molti ecosistemi

Sebbene sia molto difficile per la maggior parte della popolazione vedere un armadillo nel suo ecosistema naturale, questi mammiferi si sono adattati a diversi tipi di ambienti. Possono essere trovati in deserti, montagne, zone umide e aree sabbiose costiere. L’unica specie trovata allo stato selvatico negli Stati Uniti è Dasypus novemcinctus.

Il lignaggio basale di questi mammiferi ha avuto origine in Sud America e, a causa dell’isolamento di questo continente, gli armadilli sono rimasti isolati dal resto del pianeta fino al Cenozoico. Per questo motivo tutte le specie descritte oggi si trovano nel continente americano. Il Paraguay è il paese che ne ospita di più, poiché ne ha 11.

6. Gli armadilli si adattano al suolo

Una delle curiosità sull’armadillo è che la maggior parte delle specie all’interno del suo gruppo sono fossati. Come si può intuire dalla fisiologia dei loro arti anteriori, questi mammiferi hanno bisogno di scavare nel terreno per trovare cibo, fare luoghi di riposo e rifugiarsi. Pertanto, hanno unghie molto potenti e spesse.

Nonostante la loro relazione con l’ambiente terrestre, la maggior parte degli armadilli sono buoni nuotatori. Alcune specie sono persino in grado di camminare sul fondo dell’acqua per brevi periodi di tempo.

Gli armadilli non sono buoni arrampicatori, poiché il peso della loro armatura non consente loro di saltare o eseguire movimenti acrobatici. La sua armatura costituisce fino al 15% del suo peso totale.

7. Una dieta limitata tra le 10 curiosità sull’armadillo

Gli armadilli hanno un senso della vista molto scarso, quindi devono essere guidati dall’olfatto quando cercano fonti di cibo. La maggior parte della loro dieta è costituita da larve di invertebrati, insetti adulti, termiti e imenotteri non alati, come le formiche.

È molto interessante sapere che alcune di queste specie sono specializzate nella caccia alle sole formiche, in quanto questa strategia alimentare limita notevolmente la capacità di sopravvivenza. Per raggiungerle, usano i loro artigli e scavano un corridoio del diametro del loro corpo. Così, possono mettere il muso e nutrirsi senza problemi di operaie, regine e larve del formicaio.

8. Gli armadilli hanno una bassa temperatura corporea

La temperatura corporea media di un essere umano è di 37 ° C. Stranamente, gli armadilli hanno una temperatura molto più bassa, intorno ai 33-36 ° C. Ciò esemplifica che hanno anche tassi metabolici molto bassi, dal 40 al 60% di quanto ci si aspetterebbe per un mammifero delle loro dimensioni e complessità.

Questo basso tasso metabolico è particolarmente marcato nelle specie che si nutrono solo di termiti. Tuttavia, il loro “modo lento” di vivere ha anche dei vantaggi, poiché per le loro piccole dimensioni sono considerati abbastanza longevi (alcuni armadilli vivono più di 15 anni).

9. Una riproduzione insolita

Indubbiamente, una delle curiosità più sorprendenti sull’armadillo è nella sua riproduzione. La maggior parte delle specie del genere Dasypus dà alla luce 4 gemelli monozigoti in ogni evento riproduttivo, cioè sono esattamente gli stessi. Un solo uovo viene fecondato e impiantato, ma si divide in 4 segmenti identici per dare origine a più di un individuo.

Si ipotizza che questo risponda semplicemente a una mancanza di spazio nel sistema riproduttivo femminile. Poiché c’è solo “spazio” nell’utero per l’impianto di un uovo, il suo corpo utilizza un metodo atipico per produrre più prole con meno sforzo. La gestazione dura dai 60 ai 120 giorni, ma dipende molto dalla specie.

Conoscete le curiosità degli armadilli?

10. Modelli negli studi sull’uomo, ultima delle 10 curiosità sull’armadillo

Gli armadilli sono essenziali per comprendere le dinamiche di alcune malattie, come la lebbra. Sono uno dei pochi animali in grado di contrarre sistematicamente questa patologia, ma la bassa temperatura corporea dell’armadillo rende il suo corpo il luogo ideale per la proliferazione del Mycobacterium leprae. Pertanto, sono considerati serbatoi dell’agente patogeno.

La sua forma atipica di riproduzione è di grande interesse anche nella comunità scientifica, poiché esistono pochi esempi di esseri viventi che partoriscono in tutti i casi gemelli. Indubbiamente le curiosità dell’armadillo non sono solo interessanti a livello informativo, ma possono aprire porte e fornire soluzioni a problemi scientifici di difficile soluzione.

Potrebbe interessarti ...
Armadillo gigante: caratteristiche e habitat
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Armadillo gigante: caratteristiche e habitat

L'armadillo gigante, noto anche come cingolato a secondo della regione, è una specie di mammifero appartenente alla famiglia dei Cingulata Dasypodi...