10 sintomi di malnutrizione nei cani

La malnutrizione nei cani è un disturbo alimentare che ogni compagno umano dovrebbe evitare nel proprio animale domestico. La condizione della pelle e dei capelli sono solo alcuni degli indicatori inequivocabili della condizione.
10 sintomi di malnutrizione nei cani

Ultimo aggiornamento: 04 luglio, 2021

La malnutrizione nei cani è una condizione che ogni tutore dovrebbe evitare quando adotta un cucciolo. Questo problema nutrizionale può essere presente nell’animale al momento dell’adozione o, in altri casi, svilupparsi a poco a poco a causa di una cattiva scelta della dieta in casa. In ogni caso, è un segno molto evidente che l’animale non sta ricevendo le cure di cui ha bisogno. Tuttavia, si tratta di una condizione che può essere evitata o comunque risolta prestando attenzione alla comparsa di alcuni di questi 10 sintomi di malnutrizione nei cani. La malnutrizione colpisce il pelo, la forma generale del cane, la sua crescita, la sua capacità di rispondere alle infezioni, il suo umore, e molto altro ancora.

La corretta alimentazione del cane

Si dice spesso che i cani siano onnivori, ma è meglio considerarli come “carnivori non rigorosi”. Ciò significa che la materia organica di origine animale deve essere sempre alla base della loro dieta, anche se traggono beneficio anche dall’assunzione di verdura, frutta, e altre fonti che di volta in volta vanno oltre i prodotti a base di carne.

Idealmente, il mangime di mantenimento della dieta dovrebbe contenere fino al 30% di proteine, il 15-25% di grassi (se possibile naturali) e il 15-20% di carboidrati. In ogni caso, per ridurre i costi, il mangime secco può contenere fino al 74% di carboidrati, come indicato da fonti professionali. Fortunatamente, i canidi li assimilano senza troppi problemi.

Per quanto riguarda le quantità, ogni tutore deve tenere in considerazione che l’apporto calorico giornaliero di ciascun animale varierà in base alla sua età, sesso, razza, taglia e stato di salute. Tuttavia, si applicano le seguenti regole generali:

  • Cani sotto i 15 chilogrammi (kcal/giorno): peso x 60 + 80. Se il cane pesa 10 chili, avrà bisogno di una stima di 680 chilocalorie al giorno.
  • Tra 15 e 40 chilogrammi (kcal/giorno): peso x 40 + 380. Se il cane pesa 20 chili, avrà bisogno di 1180 chilocalorie al giorno.
  • Cani sopra i 40 chilogrammi (kcal/giorno): peso x 35 + 580. Se il cane pesa 50 chili, avrà bisogno di un massimo di 2330 chilocalorie al giorno.

Tutte queste formule sono stimate e calcolano il fabbisogno energetico per la manutenzione, cioè senza fare sforzi fisici impegnativi. Se hai domande sulle esigenze nutrizionali individuali del tuo animale domestico, non esitare a rivolgerti al veterinario.

10 sintomi di malnutrizione nei cani 

10 sintomi di malnutrizione nei cani

Un cane non solo richiede una minima quantità di energia per vivere, ma le concentrazioni di macro e micronutrienti nella sua dieta devono essere bilanciate. In caso contrario, l’animale mostrerà segni clinici crescenti che indicano malnutrizione nel tempo.

1. Mancanza di energia

Il metabolismo basale (BMR) riflette l’energia minima di cui un animale ectotermico ha bisogno per mantenere i suoi segni vitali, ovvero calore interno, respirazione, digestione e attività cerebrale. A questo valore vanno aggiunti tutto l’esercizio svolto dal cane durante la giornata e altre azioni impegnative a livello fisico.

Se un animale non mangia abbastanza per raggiungere il suo BMR, difficilmente avrà voglia di spendere ancora più energia giocando o correndo. Per questo motivo i cani malnutriti tendono ad essere svogliati e non rispondono agli stimoli nel modo previsto.

2. Costole visibili

In generale, sentire le costole sotto la pelle nella gabbia toracica è un segno di malnutrizione nei cani, poiché la mancanza di grasso corporeo tende ad esporre queste strutture ossee. Tuttavia, alcune razze mostrano più costole di altre a causa della loro disposizione fisica. Informa il tuo veterinario della costituzione ideale del tuo cane prima di trarre conclusioni.

3. Alitosi

L’alitosi mattutina è molto comune negli esseri umani, perché quando si trascorrono molte ore senza consumare cibo, i processi digestivi rilasciano gas con odori leggermente sgradevoli. La premessa è la stessa nei cani: se un canide non mangia bene, è molto probabile che presenti alitosi, dal momento che il suo stomaco è quasi vuoto.

Se il respiro del tuo cane genera un piccolo rifiuto, è normale. Saprai distinguere quando sarà qualcosa di veramente insopportabile. 

4. Diarrea

La diarrea può essere la causa della malnutrizione (derivante da infezioni prolungate) o una conseguenza favorita dalla stessa malnutrizione. In ogni caso, una diarrea che dura più di 48 ore è sempre un motivo per consultare il veterinario.

5. Altri cambiamenti nelle feci

Le feci di un cane dovrebbero essere di colore brunastro, malleabili, semisolide e consistenti. Qualsiasi tipo di deposizione che si discosti da questa regola in modo sostenuto può indicare una cattiva alimentazione nell’animale. Inoltre, è tempo di attivare tutti gli allarmi se le feci si presentano con sangue, sostanze purulente o muco.

6. Peli deboli e mal distribuiti

La pelle e i peli dei vertebrati sono composti da diversi materiali di origine proteica, come indicato dal portale degli Ospedali VCA. Se l’animale non riceve abbastanza proteine nella dieta, è possibile che lo sviluppo epidermico venga troncato, quindi la pelle e il pelo appaiono deboli e mal curati.

La malnutrizione nei cani può essere rilevata da un’eccessiva e costante perdita di pelo.

7. Perdita di peso

Può sembrare scontato, ma la mancanza di energia si traduce in riassorbimento del tessuto adiposo e mancato sviluppo dell’apparato muscolare. Solo un veterinario sarà in grado di diagnosticare il sottopeso nel cane, poiché il peso “normale” dipende sempre da molti fattori, come il sesso, l’età, la storia della vita, la salute generale e molte altre cose.

8. Facilità di ammalarsi

Come indicano diversi studi, la malnutrizione è stata associata all’immunosoppressione sia nell’uomo che in altri animali. Le barriere biologiche (mucosa e tessuti) si rompono in assenza di energia, ma anche le cellule che pattugliano il sangue si riducono in numero ed efficienza se l’organismo non può immagazzinare abbastanza energia.

Per questo motivo, la malnutrizione nei cani può essere collegata ad ammalarsi più facilmente. Un canide in questo stato presenterà un quadro sanitario molto fragile, facilmente disturbato da agenti patogeni che in condizioni normali non sarebbero un problema.

9. Depressione

Sebbene possa essere simile a una mancanza di energia, la depressione da un approccio mentale si presenta in modo diverso. Un cane depresso può mostrare comportamenti atipici (stereotipi), ansia, comportamento irritabile, tristezza, pianto e molto altro.

10. Malattie della pelle

Come per i peli, i canidi hanno bisogno di energia e proteine per rinnovare i loro strati epidermici, poiché il tasso di sostituzione cellulare in queste aree è molto veloce e richiede un’elevata richiesta di energia. Se l’animale non mangia a sufficienza, la sua pelle si indebolirà nel tempo e sarà più facile che sviluppi malattie epidermiche (fungine o batteriche).

Un cane su una coperta.

Come hai visto, ci sono molti segni clinici che mostrano la malnutrizione nei cani. Se rilevi qualcuno di questi 10 sintomi di malnutrizione nei cani su base continuativa, porta il tuo animale dal veterinario senza perdere neanche un secondo: una malattia infettiva derivata dall’immunosoppressione potrebbe mettere in pericolo la vita dell’animale.

Potrebbe interessarti ...
Come prendersi cura di un cane malnutrito
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Come prendersi cura di un cane malnutrito

L'abbandono dei cani è un fenomeno sempre più in crescita. In questo articolo spieghiamo come prendersi cura di un cane malnutrito.



  • Hensel, P. (2010). Nutrition and skin diseases in veterinary medicine. Clinics in dermatology, 28(6), 686-693.
  • Tal, M., Parr, J. M., MacKenzie, S., & Verbrugghe, A. (2018). Dietary imbalances in a large breed puppy, leading to compression fractures, vitamin D deficiency, and suspected nutritional secondary hyperparathyroidism. The Canadian Veterinary Journal, 59(1), 36.
  • Boze, B. (2008). A comparison of common treatments for coprophagy in Canis familiaris. Journal of Applied Companion Animal Behavior, 2(1), 22-28.
  • Romsos, D. R., Belo, P. S., Bennink, M. R., Bergen, W. G., & Leveille, G. A. (1976). Effects of dietary carbohydrate, fat and protein on growth, body composition and blood metabolite levels in the dog. The Journal of nutrition, 106(10), 1452-1464.
  • Burns, R. A., LeFaivre, M. H., & Milner, J. A. (1982). Effects of dietary protein quantity and quality on the growth of dogs and rats. The Journal of nutrition, 112(10), 1843-1853.