6 razze di cani bovari da non perdere

22 febbraio 2018

Tradizionalmente utilizzati per guidare e proteggere il bestiame, i cani bovari sono stati inclusi in due gruppi distinti dalla FCI (Fédération cynologique internationale). Questa differenziazione dipende se l’esemplare è di tipo lupoide, da montagna o svizzero. Scopriamo assieme quali sono le più famose razze di cani bovari.

Quali sono i cani bovari più famosi al mondo?

In totale, ci sono 10 razze di cani bovari inclusi nei gruppi 1 e 2 della FCI. Tra questi possiamo evidenziare:

cani bovari

1. Australian Cattle Dog

E’ una razza relativamente “nuova”, poiché è emersa all’inizio del XIX secolo. Il compito principale di questi cani è controllare il bestiame in vaste pianure. È bravo a sopportare il caldo e le lunghe distanze, inoltre abbaia poco e che non morde mai le pecore.

Questo cane bovaro australiano è simile al Dingo selvatico, ma con una pelliccia maculata a doppio strato. I colori sono nero bluastro, granuloso o screziato, o rosso con macchie e lentiggini. Inoltre, questa razza possiede orecchie grandi e appuntite e una coda leggermente curva, quando è a riposo. E’ un lavoratore instancabile, può anche essere usato per rilevare bombe e droga o per soccorrere e trovare persone.

2. Bovaro delle Fiandre

Proviene da questa regione europea condivisa da Francia, Belgio e Paesi Bassi. È usato come pastore e guardiano. È di taglia grande e il suo corpo è coperto da uno spesso strato di peli folti quasi sempre scuri (neri o marroni), anche se possono esserci degli esemplari di colore marrone chiaro o fulvo. La sua testa è enorme ed è accentuata da una folta barba e baffi.

In relazione al suo temperamento, il Bovaro delle Fiandre non è affatto timido né aggressivo. Forse pecca nell’avere troppa fiducia, per il suo ruolo di guardiano, sia nei confronti del branco che della sua famiglia. Impara molto velocemente ma si annoia anche molto facilmente. È necessario stimolarlo continuamente ed è vulnerabile alla displasia dell’anca e alla torsione dello stomaco.

3. Bovaro dell’Entlebuch

È uno dei cani più piccoli del tipo bovaro e la sua terra d’origine è la Svizzera, più precisamente il cantone di Lucerna. I primi esemplari documentati risalgono al 1889. Ha un manto di colore nero, le zampe marroni, il petto bianco e la faccia tricolore con muso di media grandezza. Alcuni cuccioli nascono senza coda.

4. Bovaro del Bernese

Questo esemplare appartiene ai bovari di montagna. E’ originario di Berna, capitale del paese svizzero, ed è un grosso molossoide: può misurare fino a 70 cm al garrese e pesare 50 kg. Eccellente come cane da guardia, è un abile cane da pastore, coraggioso e dotato di grande intelligenza. Propria questa qualità gli consente di essere impiegato anche come cane da soccorso.

È calmo e affabile, può essere facilmente addestrato ed è un eccellente animale da compagnia, molto leale e affettuoso con i bambini. Ovviamente, è necessario tenerlo in un posto con molto spazio a causa delle sue dimensioni e per potergli permettere di svolgere la giusta quantità di attività fisica. Il manto del bovaro del Bernese è in prevalenza nero, bianco sul torace e marrone su viso e zampe.

5. Grande bovaro svizzero

È simile al precedente, tranne che per il fatto che parliamo di un esemplare a pelo corto. È nato nell’area delle Alpi svizzere e fa parte del gruppo dei Bovari Svizzeri (Sennenhund). Il manto è di tre colori (nero, marrone e bianco) e i maschi possono pesare fino a 63 kg e misurare 75 cm al garrese. Il temperamento del Grande bovaro svizzero è caratterizzato dalla sua pazienza, dal suo amore per la vita familiare e per il lavoro. È un cane molto attivo e ha bisogno di realizzare il processo di socializzazione quanto ancore è cucciolo.

un bovaro delle ardenne di colore bianco
Fonte: Andreagenial

6. Bovaro delle Ardenne

E’ assai poco diffuso, al di fuori dell’area in cui è nato, ovvero al confine tra Francia e Germania. Questo cane di media taglia può avere i peli di qualsiasi colore, anche se la tonalità dominane è il nero, per quanto riguarda il muso. Le sue orecchie sono erette e corte come nella posizione di attenzione e possiede uno sguardo piuttosto penetrante.

È un animale ideale se cercate un cane da guardia, ma può facilmente essere impiegato per svolgere efficacemente lavori agricoli, in particolare per guidare il bestiame. Può anche essere usato per tirare piccoli carri. Il Bovaro delle Ardenne fu al bordo dell’estinzione dopo la Prima Guerra Mondiale, (come è successo per altri cani simili), ma lentamente la razza si è ripresa, a partire dal 1985.

Le altre 4 tipologia di cani bovari oggi viventi sono:

  • Fila Portoghese o Cão fila de São Miguel (Portogallo).
  • Bovaro dell’Appenzell (Svizzera).
  • Mastino dei Pirenei (Spagna).
  • San Bernardo (Svizzera).
Guarda anche