7 curiosità sul pesce pappagallo

I pesci pappagallo sono uno degli animali marini più sorprendenti al mondo. Sapevate che alcuni si ricoprono ogni notte di uno strato di muco protettivo?
7 curiosità sul pesce pappagallo

Ultimo aggiornamento: 07 agosto, 2021

Gli oceani sono tanto vasti quanto misteriosi. Ad oggi non è possibile fornire una cifra esatta che rifletta la biodiversità degli ecosistemi acquatici, ma secondo fonti professionali si ritiene che nel mondo vi siano più di 33.600 specie di pesci. Uno dei più affascinanti e curiosi sotto le sue squame è Scarus psittacus. In questo articolo vi parleremo proprio di 7 curiosità del pesce pappagallo che non conoscevate.

Questo pesce actinopterygium marino si distingue per dimensioni, colori e abitudini, in quanto si dice che partecipi attivamente alla bioerosione degli ecosistemi acquatici e che svolga funzioni insostituibili. Se volete saperne di più, non smettete di leggere!

1. Il termine “pesce pappagallo” comprende molte specie

Nel campo dell’informazione, è comune prendere il nome comune di un animale come designatore “ufficiale”, ma la verità è che a volte manca di rilevanza tassonomica. Ad esempio, se ci riferiamo a un “pesce pappagallo” in modo generale, indicheremo ben 95 specie con caratteristiche comuni che si trovano nella famiglia degli Scaridae.

Forse il rappresentante segnalato all’interno di questo taxon è il pesce pappagallo comune (Scarus psittacus), poiché è la specie tipo del genere Scarus, un clade che comprende 52 specie di pesci pappagallo distribuite nei diversi oceani del mondo. In ogni caso, sono molti gli animali imparentati che possono essere definiti “pesci pappagallo”, per le loro caratteristiche e abitudini comuni.

La varietà del pesce pappagallo è suddivisa in 9 generi, tutti parte della famiglia degli Scaridae.

2. Un gruppo di specie tropicali

Una delle caratteristiche più note del pesce pappagallo è che è un animale eminentemente tropicale. Indipendentemente dalle specie che osserviamo, si trovano tutte principalmente nelle calde acque degli oceani Atlantico, Indiano e Pacifico. Scarus ghobban è l’eccezione che conferma la regola, poiché si è avventurato a colonizzare il Mediterraneo e il Mar Rosso.

Conoscete le curiosità del pesce pappagallo?

3. Un tipico pesce della barriera corallina

I pesci pappagallo sono inequivocabilmente associati alle barriere coralline, come indicato da Animal Diversity Web. Questi animali sono estremamente importanti nel suddetto ecosistema, poiché si nutrono di macroalghe che altrimenti competerebbero con le specie che formano coralli per spazio e risorse.

Questa relazione è paradigmatica, poiché gli studi hanno registrato che alcune specie di pesci all’interno di questo gruppo si nutrono anche di coralli vivi. È probabile che questi animali consentano la crescita della barriera corallina con il loro erbivoro selettivo, ma controllano anche l’espansione dei coralli mediante la predazione diretta.

4. Una dieta insolita tra le 7 curiosità sul pesce pappagallo

Facendo riferimento al lavoro di biocontrollo del pesce pappagallo, non possiamo non citare la sua curiosità in fatto di cibo. La maggior parte dei pesci pappagallo sono animali erbivori che si nutrono di alghe litofile, cioè che crescono sulle rocce delle formazioni geografiche costiere. Possono raschiare via i sedimenti grazie al loro “becco” osseo mandibolare.

La specie Bolbometopon muricatum è l’eccezione che conferma la regola, poiché questo pesce pappagallo si nutre di coralli vivi. I polipi non sono la sua unica base nutrizionale (non è esclusivamente corallivoro), ma rappresentano fino al 50% del suo apporto giornaliero. Ad eccezione di questo caso, si stima che meno dell’1% degli animali di questa famiglia morda apposta i coralli.

5. L’aspettativa di vita è variabile

La maggior parte dei pesci pappagallo vive 5 anni o meno, ma ancora una volta esistono delle eccezioni a questa affermazione. Bolbometopon muricatum si fa notare ancora una volta, battendo ogni record con una longevità massima di 20 anni. Non è sorprendente, dal momento che è la specie più grande di questo gruppo, con circa 130 centimetri di lunghezza totale e fino a 46 chilogrammi di peso.

6. Capacità di bioerosione: una delle 7 curiosità sul pesce pappagallo più importanti

Il termine bioerosione si riferisce alla decomposizione di substrati marini duri per azione di alcuni esseri viventi. Questo processo può essere effettuato da molluschi, anellidi policheti, spugne, crostacei, echinodermi e, naturalmente, pesci. Il pesce pappagallo è il rappresentante più importante di quest’ultimo gruppo, perché grazie alle sue abitudini erbivore, modifica gli ecosistemi in cui si nutre.

I pesci pappagallo svolgono una grande quantità di bioerosione, poiché si nutrono di alghe attaccate alle rocce, facendo uso di muscoli della mascella ben sviluppati, armatura dei denti e un mulino faringeo per macinare il materiale ingerito. Di conseguenza, trasformano i frammenti di roccia in particelle fine delle dimensioni di un granello di sabbia.

L’erosione da aragonite delle barriere coralline da parte di questi pesci è stimata in più di 1000 chilogrammi all’anno.

7. Alcune specie producono uno strato mucoso speciale

Alcune specie di pesci pappagallo, come Scarus vetula, espellono un muco molto speciale attraverso la bocca. Questo materiale viscoso si libera di notte e crea una sorta di “camera” protettiva sul corpo del pesce, con una coppia di aperture che permettono il deflusso dell’acqua. Un pesce pappagallo impiega in media 30 minuti per sintetizzare questo strato ed espellerlo attraverso la bocca.

Il muco secreto ha un cattivo odore e sapore, quindi si presume che sia un meccanismo anti-predatore. Potrebbe anche fungere da camera di eco, in quanto permetterebbe di rilevare le vibrazioni dell’acqua quando un agente esterno allo strato mucoso si avvicina all’animale.

Oltre a questo, i pesci pappagallo cercano rifugio nelle cavità rocciose della barriera corallina.

Un pesce pappagallo nel mare

Le 7 curiosità del pesce pappagallo non sono le uniche

Come potete vedere, il gruppo dei pesci pappagallo è uno dei più curiosi al mondo. Inoltre, sono uno dei pochi animali marini in grado di modificare l’ambiente: nutrendosi di alghe con i loro becchi ossei, terraformano gli ecosistemi corallini e trasformano le rocce dure in sabbia.

Molte delle specie citate (come Scarus ghobban) hanno popolazioni sane e non sono in pericolo di estinzione. Tuttavia, altri rappresentanti (ad esempio Bolbometopon muricatum) non subiscono la stessa sorte e la loro situazione è delicata a causa della pesca eccessiva. Preservare questi architetti dell’ecosistema marino deve essere una priorità.

Potrebbe interessarti ...
Il pesce pappagallo blu: abitudini e caratteristiche
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Il pesce pappagallo blu: abitudini e caratteristiche

Il pesce pappagallo blu è attualmente una specie a rischio. Ciò è dovuto a diversi fattori: la pesca eccessiva, il cambiamento climatico.



  • Scaridae Information, Animal Diversity web. Recogido a 25 de julio en https://animaldiversity.org/accounts/Scaridae/
  • Rotjan, R. D., & Lewis, S. M. (2006). Parrotfish abundance and selective corallivory on a Belizean coral reef. Journal of Experimental Marine Biology and Ecology, 335(2), 292-301.
  • Hamilton, R. J., & Choat, J. H. (2012). Bumphead parrotfish: Bolbometopon muricatum. Springer.
  • Hamilton, R. J., Almany, G. R., Stevens, D., Bode, M., Pita, J., Peterson, N. A., & Choat, J. H. (2016). Hyperstability masks declines in bumphead parrotfish (Bolbometopon muricatum) populations. Coral Reefs, 35(3), 751-763.
  • Videler, H., Geertjes, G. J., & Videler, J. J. (1999). Biochemical characteristics and antibiotic properties of the mucous envelope of the queen parrotfish. Journal of fish biology, 54(5), 1124-1127.