7 tipi di anfibi velenosi

Oggi vi presentiamo 7 tipi di anfibi velenosi che sicuramente vi sorprenderanno, dato che sono anche gli esemplari esistenti più belli.
7 tipi di anfibi velenosi

Ultimo aggiornamento: 28 settembre, 2021

I meccanismi di difesa degli animali da preda possono essere sorprendenti (se non addirittura mortali). È il caso degli anfibi velenosi, la cui arma migliore sono le potenti tossine che secernono attraverso la loro pelle.

Se volete conoscere alcuni di questi anfibi, in questo articolo vi forniamo un elenco selezionato di quelli più pericolosi. Inoltre, molti di loro usano l’aposematismo per avvertire della loro tossicità, quindi sembrano anche sorprendenti e, per molti, belli.

Tossici o velenosi?

Prima di tutto, dovete prendere nota degli anfibi velenosi. Sebbene in alcune lingue (come lo spagnolo) le parole tossico e velenoso siano usate come sinonimi, in altre viene fatta una distinzione tra loro.

Nonostante sia vero che entrambi i termini sono corretti per riferirsi a un organismo che contiene sostanze chimiche che possono essere dannose per un altro essere vivente, si possono delineare delle sfumature più specifiche. Pertanto, di seguito vi mostriamo le differenze tra tossico e velenoso:

  • La tossina è l’unità e il veleno la combinazione delle tossine: il veleno è composto da una o più tossine. Normalmente, le tossine sono peptidi costituiti da diversi amminoacidi che sono uniti da legami peptidici e danno origine a una proteina.
  • Gli animali velenosi attaccano, mente quelli tossici no: per definire strettamente velenoso un animale, questo deve possedere qualche meccanismo per inoculare le tossine, come le zanne dei serpenti. Le rane velenose, d’altra parte, contengono il veleno, ma non lo inoculano a volontà.
  • Gli animali tossici avvertono, mentre quelli velenosi passano inosservati: il termine aposematismo si riferisce a un modo passivo di avvertire della propria tossicità attraverso colori sgargianti. Gli animali velenosi, d’altra parte, si nascondono e si mimetizzano per catturare le loro prede alla sprovvista, poiché di solito sono predatori.

7 tipi di anfibi velenosi che non conoscete

Sebbene molti di loro possano essere mortali, la verità è che il veleno è l’ultima arma per gli anfibi che incontrerete di seguito. Prima di intossicare il loro predatore, lo avvertono attraverso colori sgargianti o vocalizzazioni. Quando il veleno agisce, l’anfibio è già stato mangiato e impedisce solo che altri della sua specie vengano predati in futuro.

1. Rana freccia (Dendrobates)

Le rane più tossiche nei Neotropici sono quelle del genere Dendrobates. I loro colori saturi e luminosi avvertono delle diverse neurotossine che la loro pelle secerne. Sono anche conosciute come rane dardo, poiché gli aborigeni che vivono nelle giungle equatoriali spalmano su di loro frecce e dardi per cacciare.

Quando il veleno di queste rane (costituito da batracotossine) entra nel flusso sanguigno, provoca una progressiva paralisi dei muscoli del corpo. Quando raggiungono i polmoni, le tossine causano l’arresto respiratorio e la morte.

Molte specie di dendrobati sono tenute in cattività. Poiché ottengono le tossine dalla loro dieta, non sono tossici nell’ambiente domestico.

Uno dei tipi di anfibi velenosi.

2. Tritone dal ventre di fuoco (Hypselotriton orientalis) tra gli anfibi velenosi

Endemico delle zone umide della Cina e del Giappone, questo anfibio secerne una tossina attraverso la pelle che spinge i suoi predatori a lasciarlo andare prima di ingoiarlo, poiché ha un sapore molto sgradevole. Il modo in cui questo tritone avverte del suo veleno è quello di capovolgersi, poiché il suo ventre è di un sorprendente colore rosso-arancio e funziona come segnale di pericolo.

Un tritone dal ventre di fuoco su uno sfondo bianco.

3. Rospo americano (Anaxyrus americanus)

Tipico di gran parte della geografia nordamericana, questo rospo può vivere fino a 30 anni. Sebbene il suo colore non sia sorprendente, secerne un veleno composto da bufotossine attraverso le ghiandole parotoidi, situate su entrambi i lati della testa.

Le bufotossine di solito non sono fatali, ma causano irritazione delle mucose e salivazione eccessiva. Tuttavia, se viene ingerita una quantità eccessiva del composto, è possibile la morte per depressione del sistema nervoso.

Uno dei tipi di anfibi velenosi.

4. Pleurodele di Waltl (Pleurodeles waltl)

Il pleurodele di Waltl è il più grande anfibio urodelo in Europa. Il suo metodo di difesa è a dir poco peculiare: quando si sente minacciato, sporge le costole attraverso la pelle. Oltre al derma, queste ossa passano anche attraverso ghiandole velenose, impregnandosi di tossine.

Grazie alla grande capacità rigenerativa del pleurodele di Waltl, la pelle viene riparata in pochi giorni dopo averla lacerata con le costole.

Uno dei tipi di anfibi.

5. Rana corroboree (Pseudophryne corroboree) tra gli anfibi velenosi

Un altro anfibio velenoso in questa lista è la rana corroboree, originaria delle aree subalpine dell’Australia. Invece di sintetizzare le tossine dagli insetti che consuma (come i dendrobati), produce i propri alcaloidi tossici.

Queste piccole rane non si riproducono fino a quando non hanno raggiunto i 4 anni d’età e vanno in letargo nel corso dell’inverno. Questo, oltre al fatto che hanno un unico e breve periodo riproduttivo all’anno, le ha messe in serio pericolo di estinzione. Il loro declino demografico è attribuito al turismo, all’inquinamento e all’espansione del fungo chitride.

6. Salamandra pezzata (Salamandra salamandra)

La salamandra è un anfibio comune in Europa. La sua pelle secerne una tossina irritante al contatto grazie alla presenza delle ghiandole parotoidi sul dorso, come avviene in alcuni dei rospi sopra citati. Come altre specie di urodeli, questo veleno ha lo scopo di provocare un sapore sgradevole in bocca ai suoi predatori, inducendoli a rilasciarlo.

Alcune fonti sostengono che questo urodele sia in grado di espellere il suo veleno fino a 2 metri di distanza in casi eccezionali.

Una salamandra appollaiata sul muschio.

7. Incilius alvarius (Bufo alvarius)

Il Bufo alvarius è un anfibio semi-acquatico che vive nel deserto di Sonora, in Messico. Le ghiandole della pelle contengono più di una dozzina di composti triptaminici, tra cui bufotenina e 5-MeO-DMT (5-metossi-dimetiltriptamina). Questi ultimi 2 sono potenti sostanze psichedeliche.

Chiamato la molecola di Dio, questo veleno viene utilizzato nei rituali sciamanici per realizzare viaggi spirituali. Queste trance durano tra i 15 e i 20 minuti e possono causare allucinazioni, tachicardia, perdita di coscienza e talvolta la morte.

Uno dei tipi di anfibi velenosi.

Un mondo di tossine

In conclusione, vi sembrerà curioso sapere che i predatori di questi anfibi hanno anche sviluppato tecniche per cacciarli in sicurezza. Lontre e visoni, ad esempio, staccano la pelle prima di mangiare il resto del corpo di rane e rospi.

In Australia esiste un topo acquatico che apre con cura le rane avvelenate per consumarne il cuore e il fegato, gli unici organi privi di tossine.

Quello che è chiaro è che, per quanto pericoloso, il mondo dei veleni è affascinante. Tuttavia, è sempre meglio studiarlo su carta, quindi fate attenzione ai colori vivaci in natura e non avvicinatevi troppo agli anfibi dai toni accesi.

Potrebbe interessarti ...
La malattia che uccide gli anfibi del pianeta
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
La malattia che uccide gli anfibi del pianeta

Sono 501 le specie colpite dalla malattia che uccide gli anfibi che ha provocato l'estinzione di circa un centinaio di specie.



  • Daly, J. W., Garraffo, H. M., Pannell, L. K., Spande, T. F., Severini, C., & Erspamer, V. (1990). Alkaloids from Australian frogs (Myobatrachidae): pseudophrynamines and pumiliotoxins. Journal of natural products53(2), 407-421.
  • Jean-Marc Hero, Graeme Gillespie, Peter Robertson, Frank Lemckert. 2004. Pseudophryne corroboreeThe IUCN Red List of Threatened Species 2004: e.T18582A8484537. https://dx.doi.org/10.2305/IUCN.UK.2004.RLTS.T18582A8484537.en. Downloaded on 22 September 2021.
  • I. (2021b, abril 28). Bufo alvarius: información básica. ICEERS. https://www.iceers.org/es/bufo-alvarius-informacion-basica/
  • Anaxyrus americanus (American Toad). (s. f.). Animal Diversity Web. Recuperado 22 de septiembre de 2021, de https://animaldiversity.org/accounts/Anaxyrus_americanus/
  • Parrott, M. L., Doody, J. S., McHenry, C., & Clulow, S. (2019). Eat your heart out: choice and handling of novel toxic prey by predatory water rats. Australian Mammalogy42(2), 235-239.