Addestrare il cane a usare la lettiera in 4 passi

· 29 maggio 2018

Di solito, sono i gatti gli animali domestici a cui viene insegnato ad usare la tradizionale lettiera. Dopo la prima volta, la adoperano in modo automatico. Ma poche persone sanno che è anche possibile addestrare il cane ad usare la lettiera. Una soluzione davvero pratica e igienica che vi aiuterà a migliorare la convivenza in casa. Vediamo, allora, i 4 passi che vi permetteranno di avere il più educato dei cani.

Come insegnare ad un cane a usare la lettiera?

A qualcuno potrà sembrare strano il fatto di addestrare un cane a fare i suoi bisogni in uno spazio ben limitato. Ma il principio è lo stesso che avete già messo in pratica, educandolo a espletare i suoi bisogni su un prato o un albero e non in casa. Si tratta di trasmettere al vostro amico una nuova regola, che risulterà fondamentale se, per qualche motivo, dovrete assentarvi da casa per più tempo del solito.

Al trattarsi di un processo di apprendimento, esso dovrà essere graduale e positivo. Rispettando sempre i limiti e le capacità del vostro amico a quattro zampe. E senza mai usare violenza o punizioni, facendo invece leva sui premi e sfruttando il rinforzo positivo. Il vostro cane imparerà meglio e più rapidamente, associando l’uso della lettiera a qualcosa di estremamente piacevole.

Gridare, strattonare o colpire un animale è altamente controproducente. Tali atteggiamenti sbagliati danneggiano la salute dell’animale, facendogli perdere fiducia nel proprietario.

paletta per raccogliere escrementi nella lettiera del cane

Addestrare il vostro cane a usare la lettiera in 4 passi

1° passo: scegliete una lettiera adeguata al vostro cane

Per fare in modo che l’uso della lettiera sia il più comodo possibile, ovviamente dovrete tener conto delle dimensioni del vostro cagnolino. Per farlo, è consigliabile prendere le misure (altezza al garrese e lunghezza totale, dal muso alla punta della coda).

Nei negozi di animali, è possibile trovare diversi modelli e dimensioni di lettiera. Le versioni più tradizionali ed economiche sono fondamentalmente scatole di plastica rinforzate che servono a contenere la sabbia. Tuttavia, ci sono anche modelli più sofisticati e autopulenti, che sono più costosi, ma molto funzionali.

Dato che la maggior parte sono progettati per i gatti, l’importante è verificare che il cane possa muoversi in maniera confortevole, in modo da evitare possibili fastidi. Nei suoi momenti intimi, l’animale dovrà sentirsi sicuro e comodo. Pertanto, non dimenticate mai che, per essere una lettiera idonea, il vostro cane dovrà potersi muoversi completamente, ruotare di 360°, all’interno della sandbox.

2° passo: Selezionare il tipo di sabbia

Per quanto riguarda le sabbie per cani, ne esistono diversi tipi sul mercato. Alcune opzioni più economiche sono fatte con argilla, mentre le più attuali hanno frammenti di carbone attivo. Ci sono anche sabbie profumate, ma non sono raccomandate, dato che molti cani possono rifiutarle o sviluppare allergie.

Diversa dalla lettiera per gatti, la versione canina avrà dei granelli più grandi per migliorare l’assorbimento. Tuttavia, per evitare il cattivo odore in casa, basta mescolare un cucchiaino di bicarbonato di sodio o carbone attivo nella sabbia del vostro amico a quattro zampe.

Per tenere sempre pulita la lettiera del vostro cane, è fondamentale rimuovere i rifiuti solidi ogni giorno e disinfettarle la cassa, cambiando la sabbia, 1-2 volte alla settimana.

donna elimina escrementi di cane dalla lettiera

3° passo: Familiarizzare il cane con la lettiera

Dopo aver scelto la lettiera, dovrete posizionarla strategicamente dentro casa. Per fare ciò, evitate i luoghi maggiormente frequentati, al fine di dare maggiore privacy al vostro animale domestico. Inoltre, l’ideale sono zone con una buona ventilazione, per evitare la concentrazione dei cattivi odori. Una volta trovato il luogo migliore per la lettiera, è ora di “presentarla” al cane.

Cercate di stimolare la sua curiosità in modo che l’animale odori la scatola e perda ogni paura. Quindi, potete posizionarlo all’interno della scatola, dandogli un comando specifico (come ‘usa la lettiera’) e offritegli un premio (caramelle, coccole, giocattoli).

L’obiettivo è di far capire al cane che usare la lettiera è qualcosa di positivo. Dovrete incoraggiarlo ad entrare nella sandbox di sua spontanea volontà.

4° passo: Associare la lettiera alle sue esigenze fisiologiche

Quando il vostro cane è già abituato alla scatola, dovrete lavorare sodo per farla associarla ai suoi bisogni fisiologici. Per fare questo, metterete una carta bagnata con urina o le sue stesse feci all’interno della lettiera. In questo modo, il cane capirà che è corretto fare i bisogni in quest’area.

Ricordate di premiarlo ogni volta che usa la lettiera. In questo modo, rafforzerete questo comportamento positivo, incoraggiando l’animale a continuare così. In nessun modo dovrete punire l’animale se, qualche volta, farà i suoi bisogni fuori dalla lettiera.

A poco a poco, il cane sarà in grado di imparare perfettamente come usare la sua nuova lettiera. È fondamentale avere pazienza e trattarlo con molto amore, durante tutto il processo di addestramento.