Allergie della pelle nei cani: cosa sono e come trattarle

· 19 settembre 2018
Le allergie sono più frequenti di quanto immaginiamo. Il fatto che l'animale si gratti in continuazione è uno dei sintomi più comuni.

Può succedere che il vostro cane inizi a grattarsi o mordersi incessantemente, in determinate parti del corpo. Come mai? A causa di fattori ambientali o alimentari, il vostro amico a quattro zampe potrebbe mostrare allergie della pelle. Non dovete spaventarvi, semplicemente comprendere il problema e agire per risolverlo in modo efficace. Le allergie della pelle nei cani sono semplicemente la risposta del sistema immunitario a qualche agente estraneo.

Cosa sono le allergie della pelle nei cani?

Le allergie sono più frequenti di quanto immaginiamo. Il fatto che l’animale si gratti in continuazione è uno dei sintomi più comuni. Tale comportamento è dovuto alla presenza di allergeni.

Queste sostanze si trovano nella maggior parte degli ambienti. Come per gli umani, solo alcuni cani sono sensibili alla loro presenza. E manifestano, con l’allergia, la risposta del sistema immunitario che si difende.

Cucciolo si morde per grattarsi

Le allergie cutanee nei cani sono un’infiammazione che provoca disagio e arrossamento in alcune zone del corpo. A volte, come forse avrete notato, è possibile anche una perdita di pelo.

Gli allergeni possono essere inalati, ingeriti o semplicemente entrare a contatto con la pelle dell’animale. Alcuni dei più comuni sono: pulci, polline, erbe, alcuni alimenti che si mangiano, acari, punture di insetti, ecc.

Precauzioni contro le allergie nei cani

Come abbiamo detto, il sintomo principale è un fastidioso prurito. Se il vostro cane si lecca o si morde continuamente, dovrete portarlo subito dal veterinario.

I sintomi più comuni sono:

  • Arrossamento della pelle: di solito è più comune tra le dita, sui cuscinetti delle zampe e dietro le orecchie.
  • Pelle secca e squamosa, spesso è visibile la presenza di eruzioni cutanee.
  • Starnuti frequenti o tremori eccessivi sono segni di una possibile allergia.

Molti di questi sintomi, infatti, sono causati dal comportamento dell’animale di fronte al disagio percepito. Per fortuna, questi segnali di allarme sono molto evidenti e facili da riconoscere.

Come agire se si presentano questi sintomi?

Non dovrete far altro che portare subito il vostro cane dal veterinario. Il medico, dopo aver diagnosticato il problema, prescriverà la somministrazione di iniezioni, shampoo topici, una dieta bilanciata o farmaci orali, tra le altre possibili terapie.

Per determinare il tipo di causa dell’allergia, il veterinario può eseguire una raschiatura e successiva biopsia o analisi del sangue. Questo servirà a determinare esattamente il tipo di allergene alla base del disagio, verificarne la gravità e stabilire, così, la dose di farmaci appropriati al caso.

Possibili trattamenti

Tutti i trattamenti hanno, come obiettivo, l’eliminazione dell’allergene. Nel caso della somministrazione di antistaminici, che sono per lo più iniettabili, questi avranno un effetto prolungato. Dovrebbero essere usati con cautela e solo sotto prescrizione medica.

Quando le cause dell’allergia cutanea derivano dalla dieta, ovviamente sarà necessario modificare l’alimentazione del vostro amico a quattro zampe. È importante, in questo caso, seguire alla lettera ciò che vi consiglia il veterinario.

Se si tratta di un problema causato da fattori esterni come pollini o polvere, sarà importante assicurarsi che l’animale si muova in ambienti privi di queste sostanze.

In tutti i casi, è essenziale mantenere un’igiene adeguata. Sia negli ambienti in cui si trova il cane, sia sulla pelle dell’animale. Per questo, i bagni con prodotti speciali sono importanti per evitare la presenza di pulci o zecche. In molti casi sono queste a causare l’allergia.

E’ necessario controllare la pelle del vostro cane nelle stagioni in cui la presenza di pulci è più probabile, per esempio nei mesi caldi o in estate. Pulite in modo approfondito la casa, la cuccia dell’animale e le zone in cui passa la maggior parte del tempo. L’obiettivo è eliminare sia le pulci che le uova, così da prevenire la proliferazione di questi pericolosi insetti.

Cane lupo in visita dal veterinario

Allo stesso modo, è importante consultare il professionista prima di utilizzare qualsiasi tipo di prodotto contro le allergie. Anche nel caso di shampoo o detergenti.

Un problema che durerà tutta la vita?

La risposta allergica del vostro animale continuerà a presentarsi ogni qualvolta entrerà a contatto con gli allergeni a cui è sensibile. In caso di allergia agli acari, pollini, ecc., il problema si ripresenterà e l’animale avrà bisogno, per ogni ricaduta, del trattamento adeguato prescritto altre volte dal veterinario.

Prevenzione: il modo più efficace

Al di là delle particolarità di ogni caso, la verità è che, in presenza di allergie cutanee, la cura deve essere data con perseveranza. Dovrete prestare attenzione anche ai possibili effetti collaterali.

La prevenzione è sempre essenziale. Cercate di mantenere l’animale domestico in un ambiente pulito, privo di possibili batteri. In questo modo sarà meno probabile il verificarsi di allergie della pelle nei cani.