Anche i delfini possono soffrire di demenza

Secondo una nuova ricerca, gli esseri umani non sono gli unici mammiferi a soffrire di malattie degenerative del sistema nervoso centrale.
Anche i delfini possono soffrire di demenza
Sebastian Ramirez Ocampo

Scritto e verificato da il veterinario e lo zootecnico Sebastian Ramirez Ocampo.

Ultimo aggiornamento: 20 gennaio, 2023

Considerati tra gli animali più intelligenti del pianeta, i delfini sono una specie di cetacei dentati con caratteristiche molto particolari. Abitano le acque dell’Oceano Atlantico e del Pacifico, mostrando un grande adattamento sia ai climi tropicali che agli ambienti ghiacciati. Sono principalmente riconosciuti per la loro grande astuzia e il rapido apprendimento, nonché per la loro capacità di provare emozioni complesse come gli umani.

Fino a poco tempo fa, si credeva che l’ Homo sapiens fosse l’unico mammifero sulla Terra a sviluppare malattie degenerative del sistema nervoso, come l’Alzheimer o la demenza. Tuttavia, recenti ricerche hanno suggerito che anche i delfini potrebbero venirne colpiti. Scoprite nelle prossime righe i risultati che ci hanno permesso di raggiungere questa conclusione.

Delfini che saltano.

L’Alzheimer e la sua possibile manifestazione nei delfini

Il morbo di Alzheimer è definito come una progressiva degenerazione delle cellule nervose nel cervello, accompagnata da una marcata diminuzione della massa cerebrale. Le persone che ne soffrono di solito presentano sintomi molto specifici di questo disturbo, ad esempio la perdita di memoria, la confusione e la demenza. Sebbene la causa principale non sia chiara, fattori genetici, età avanzata e malattie come il diabete sono stati riconosciuti come fattori di rischio per il suo sviluppo.

Per natura nei delfini, come per altri animali marini, si verifica il fenomeno dello spiaggiamento. Ciò avviene quando una di queste specie nuota in acque poco profonde, rimanendo arenata o intrappolata sulla costa. Per quanto la maggior parte dei cetacei sia dotata di un incredibile sistema di orientamento noto come ecolocalizzazione, ogni anno più di 2.000 mammiferi marini come delfini e balene muoiono per spiaggiamento.

Perché succede?

Secondo diversi esperti, i suoni emessi dalle navi da combattimento e da pesca possono interferire con i processi di ecolocalizzazione e orientamento di questi animali, provocandone la perdita. Tuttavia, uno studio pubblicato sulla rivista scientifica European Journal of Neuroscience ha suggerito che un’altra causa di spiaggiamento nei delfini è la degenerazione del sistema nervoso centrale.

In questo studio, in cui sono stati analizzati i cervelli di 22 cetacei delle specie del delfino di Risso, del globicefalo, della focena, del lagenorinco rostrobianco e del tursiope, sono state riscontrate alcune alterazioni cerebrali associate al morbo di Alzheimer nell’uomo. Allo stesso modo, va notato che la maggior parte di questi animali era di età avanzata. Inoltre, erano morti dopo essere rimasti intrappolati sulla costa della Svezia.

Delfini spiaggiati

I segni dei disturbi neurologici nei delfini

Da un lato, esaminando in dettaglio il cervello di ciascuno di questi animali, sono state trovate placche di beta-amiloide sul tessuto nervoso. Questo peptide, che in condizioni normali svolge un ruolo fondamentale nella trasmissione delle informazioni tra i neuroni, tende ad accumularsi in modo anomalo sulle cellule nervose nel caso di disturbi neurologici come l’Alzheimer. Tale fenomeno, oltre a generare una connessione errata tra i neuroni, ne provoca la degenerazione e la morte.

D’altra parte, è stato riscontrato anche l’accumulo di un’altra proteina nei polmoni, chiamata tau. Ciò è correlato alla degenerazione e alla formazione di grovigli neurofibrillari che influenzano il corretto funzionamento del sistema nervoso centrale. Inoltre, è stato rilevato un numero anormale di cellule gliali come astrociti e microglia, un fattore associato ai processi infiammatori nel cervello.

Infine, un altro documento intitolato Basi molecolari della malattia di Alzheimer nei delfini, indicava che questi mammiferi esprimono le proteine più direttamente coinvolte nella formazione delle placche di beta-amiloide in modo simile a quanto avviene nell’uomo.

Che rapporto c’è tra la demenza e gli spiaggiamenti di massa?

Anche se si potrebbe pensare che tutti i delfini che muoiono sulla costa soffrano di qualche tipo di demenza, in realtà potrebbe non essere così. Da un lato, questa particolare specie di cetaceo si comporta in modo gregario, cioè vive in gruppi che arrivano fino a 30 o più individui. Inoltre, vi è una certa gerarchia nelle loro relazioni sociali, perciò esiste un leader che dirige l’intero branco.

Tenendo conto che questo individuo è solitamente il più esperto e il più anziano, potrebbe essere il più incline a soffrire di degenerazioni del sistema nervoso centrale a causa della vecchiaia. Secondo questa teoria, è possibile che il leader manifesti una sorta di demenza e finisca per fuorviare il resto dei delfini. In questo modo gli animali si incagliano sulle coste di diversi territori.

Che caratteristiche condividono umani e delfini?

Come gli umani, i delfini hanno un’aspettativa di vita più lunga rispetto ad altri mammiferi. Infatti, specie come la stenella striata possono vivere fino a 60 anni. In base a quanto sopra, uno studio pubblicato sulla rivista Alzheimer’s and Dementia suggerisce che i delfini potrebbero essere più inclini allo sviluppo di alcune malattie come l’Alzheimer o la demenza a causa della loro longevità.

Similmente, in entrambe le specie possono verificarsi alterazioni del normale funzionamento dell’ormone insulina. Di conseguenza, sia il delfino che l’uomo possono soffrire di diabete, un fattore di rischio per la manifestazione di questi disturbi del sistema nervoso centrale.

Delfini che saltano in mare.

Infine, nonostante tutte le scoperte che suggeriscono che i delfini possano soffrire di qualche forma di demenza, sono necessari altri studi in futuro per capire come queste alterazioni neuronali influenzino davvero il comportamento di questi cetacei. Pur manifestando lesioni simili a quelle riscontrate nell’uomo, le malattie potrebbero svilupparsi in modo completamente diverso.



  • Mills G. Can dolphins develop Alzheimer’s disease? The Veterinary record. 2023;192(1):8-9.
  • Vacher MC, Durrant CS, Rose J, Hall AJ, Spires-Jones TL, Gunn-Moore F, et al. Alzheimer’s disease-like neuropathology in three species of oceanic dolphin. European Journal of Neuroscience. 2022;n/a(n/a).
  • Di Guardo G. Alzheimer’s disease, cellular prion protein, and dolphins. Alzheimer’s & Dementia. 2018;14(2):259-60.
  • Gunn-Moore D, Kaidanovich-Beilin O, Iradi MCG, Gunn-Moore F, Lovestone S. Alzheimer’s disease in humans and other animals: A consequence of postreproductive life span and longevity rather than aging. Alzheimer’s & Dementia. 2018;14(2):195-204.
  • Gallego Iradi MC. Bases moleculares de la enfermedad de Alzheimer en el delfín Universidad de Zaragoza; 2005.

I contenuti de I miei animali sono redatti a scopo informativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.