Animali domestici che non possono convivere

· 4 agosto 2018

Sono come cane e gatto…” recita il proverbio. Quante volte nella vostra vita avete sentito questa frase? La sua origine non è del tutto chiara, ma si applica perfettamente anche agli animali domestici che non possono convivere. Se avete esperienza con cani, gatti, uccelli, rettili e roditori, probabilmente già sapete che ci sono specie che sono inadatte a vivere assieme.

Vuoi per una differente conformazione fisica, per la dimensione, o anche per il temperamento e la personalità, ci sono fattori oggettivi e soggettivi che conviene prendere in considerazione per non trasformare la casa in un campo di battaglia. Ma quali sono gli animali domestici che non possono convivere? Scopriamolo in questo articolo!

E’ vero che alcuni animali domestici non possono convivere?

Ogni specie ha caratteristiche proprie e ogni esemplare una personalità a parte. Così come cambiano le diverse esigenze. Ma ciò non significa che determinati animali non possano coesistere. Se pensiamo agli uomini, anche tra di noi la convivenza spesso è complicata, se non impossibile. Nonostante molti bisogni e necessità siano facilmente gestibili.

Tuttavia, ci abituiamo ad accettare le differenze, per poter vivere insieme senza troppi contrasti né discussioni. O, quantomeno, ci proviamo. Sebbene questo equilibrio sia il risultato dell’uso del buon senso e del dialogo, in molti altri casi è solo questione di chimica. Anche negli animali domestici possono esserci “chimica” o sentimenti: due fattori cruciali per la convivenza.

Cani e gatti, possono andare d’accordo oppure no?

I cani sono animali molto socievoli che possono convivere con quasi tutte le altre specie. Anche se è vero che gatti e cani differiscono molto tra loro, possono condividere lo stesso tetto senza problemi purché vengano seguite alcune linee guida.

Gatto dorme con la testa su quella del suo amico cane

I proprietari devono fare uno sforzo affinché tra i due animali si crei un’amicizia. Ciò si ottiene senza forzare il rapporto né costringendoli ad avvicinarsi l’un l’altro. E, ovviamente, soddisfacendo i bisogni di ciascuno senza dare più attenzione ad uno o all’altro e parlando a ciascuno nello stesso modo.

La verità è che ciò che determinerà se la convivenza è possibile o meno sarà la personalità di ciascun esemplare e anche il vostro impegno per insegnargli ad andare d’accordo. Date a entrambi il loro spazio.

Possono convivere cani e furetti?

Il furetto è uno degli animali domestici con cui i cani vanno più d’accordo, perché hanno molti punti in comune. Entrambi sono socievoli e hanno bisogno di sentirsi parte di un gruppo. Inoltre, i furetti amano uscire a spasso, quindi entrambi potranno condividere questi momenti di svago e ricreazione.

E’ consigliabile tenere in casa cani e conigli?

I conigli sono esseri giocosi che possono facilmente andare d’accordo con i vostri amici cani. Certo, dovrete sapere come scegliere la razza giusta, perché alcuni sono molto nervosi e potrebbero provocare stress nell’altro animale domestico.

Cane e un coniglio insieme

La socializzazione è un passo molto importante sia nei cani che nei conigli, specialmente se desiderate che entrambi vivano bene insieme.

Roditori e cani

Altri roditori come criceti e porcellini d’India possono vivere sotto lo stesso tetto, ma non saranno mai amici. La convivenza sarà piacevole e tranquilla, ma distante. Cioè, nessuno di loro crede che l’altro meriti di diventare “amico” e la relazione si baserà su un semplice, mutuo rispetto. Non ci saranno interazioni emotivamente rilevanti.

Uccelli e cani

Ci sono troppe differenze per poter creare una relazione stretta. Così come accade con i roditori, i cani non interagiranno con gli uccelli se non in casi eccezionali. Sono situazioni limite, magari quando entrambi sono cresciuti insieme da piccoli e si considerano quasi come fratelli.

Con chi possono vivere i gatti?

I gatti sono un po’ più complicati dei cani nella convivenza con altre specie, poiché il loro carattere è molto più territoriale e indipendente. Tuttavia, come abbiamo detto prima, tutto dipenderà dalla personalità e dall’età di entrambe le specie.

La cosa migliore per gli altri animali domestici, nella convivenza con i gatti, è che crescano insieme e interagiscano da quando sono cuccioli. In questo modo si abitueranno rapidamente alla presenza dell’altro, considerandosi come membri ben accetti della medesima famiglia.

Tutti gli animali domestici, potenzialmente, possono convivere se si creano le giuste condizioni per farli andare d’accordo. Come avviene nelle persone, le situazioni non possono però forzate se non esiste chimica e manca un sentimento di affetto, come quello che fa sentire due specie come fratelli.