Antibiotici per gatti: tutto ciò che bisogna sapere

Gli antibiotici per gatti sono farmaci che, somministrati nelle giuste dosi, distruggono le cellule batteriche che stanno causando un'infezione nell'animale. Ma questo senza danneggiare il loro corpo o produrre pochi effetti collaterali.
Antibiotici per gatti: tutto ciò che bisogna sapere

Ultimo aggiornamento: 23 dicembre, 2021

Il trattamento con antibiotici per i gatti è indicato in caso di infezione. Le infezioni batteriche nei gatti possono essere stabilite attraverso ferite aperte, per contagio con qualcosa che ingeriscono o semplicemente per essere presenti nel loro ambiente.

I batteri sono organismi unicellulari e, quindi, sono microscopici. I batteri abitano ogni ambiente del pianeta Terra, compreso l’interno e l’esterno del nostro corpo e quello del nostro gatto. Rappresentano una quantità molto importante di carbonio presente negli ecosistemi, quindi senza di essa la vita sarebbe impossibile.

La stragrande maggioranza dei batteri è innocua per la salute. Tuttavia, esiste un gruppo di batteri che sono gli agenti causali di varie malattie infettive. Queste malattie infettive includono gastroenterite, polmonite, infezioni della pelle e problemi del tratto urinario, tra le altre.

Come funzionano gli antibiotici?

A seconda della sua natura chimica, un antibiotico può avere diversi meccanismi d’azione. Questi sono i seguenti:

  1. Se inibisce la riproduzione della popolazione batterica, si dice che è “batteriostatico”. Questo è il caso se, ad esempio, si impedisce ai batteri di costruire le proprie pareti cellulari.
  2. Se il farmaco blocca una funzione importante per la vita dei batteri, si dice che sia “battericida”. Questo è il caso se, ad esempio, si blocca un percorso cellulare per sfruttare le sue fonti di energia.

Non tutti i tipi di antibiotici sono uguali. Alcuni sono considerati ad ampio spettro e agiscono contro un numero considerevole di generi e specie batteriche, mentre altri sono a spettro ristretto e il loro raggio d’azione è molto limitato. Penicilline, chinoloni, macrolidi e aminoglicosidi sono tra i più conosciuti.

Che cos’è la resistenza agli antibiotici?

Potreste aver notato che gli antibiotici per gatti non sono disponibili per l’acquisto da parte dei tutori di animali domestici senza prescrizione medica. Questo perché negli ultimi decenni la comunità medica ha temuto la resistenza agli antibiotici.

Gatto dal veterinario

In breve, non tutti i batteri verranno uccisi con l’assunzione di antibiotici, ancor meno se applicati in modo improprio o per un tempo più breve di quanto previsto. Pertanto, tutti i batteri rimanenti che sono in grado di eludere gli antibiotici hanno il potenziale per cambiare (geneticamente) per proteggersi dal farmaco, cioè diventano “resistenti”.

Quando questi batteri resistenti cambiano e si riproducono, trasmettono questi geni alla generazione successiva di batteri. Quindi, come risultato finale, emergono popolazioni batteriche resistenti che non sono più colpite dagli antibiotici.

La resistenza agli antibiotici è notevolmente migliorata quando il trattamento viene applicato a un paziente che non ne ha bisogno. Pertanto, non dovremmo mai automedicare il nostro gatto.

Come evitare la resistenza agli antibiotici nei gatti?

La resistenza agli antibiotici è qualcosa da evitare a tutti i costi nel mondo veterinario. Questo perché, se si sviluppano, alcuni batteri potrebbero far ammalare l’animale più del previsto e non rispondere ai trattamenti indicati.

Come indicato dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC), ecco alcune delle cose che possiamo fare per evitare questo scenario:

  • Chiediamo al veterinario informazioni sui metodi di prevenzione: igiene, alimentazione e routine del gatto sono il primo passo per mantenerlo in salute. Seguendo i parametri corretti, in primo luogo eviteremo che venga infettato.
  • Usiamo gli antibiotici solo se prescritti da un veterinario: non medichiamo mai il gatto se lo vediamo tossire o cadere. Portiamolo da un professionista e ci daranno i farmaci pertinenti.
  • Teniamo gli antibiotici fuori dalla portata di animali e bambini: in questo modo eviteremo di somministrare dosi superiori a quelle indicate.
  • Smaltiamo gli antibiotici nei punti autorizzati: non gettiamoli mai nei normali rifiuti o negli scarichi, in quanto potrebbero contaminare l’ambiente naturale e generare resistenza nei batteri presenti negli ecosistemi.
  • Assicuriamoci di seguire esattamente il trattamento con il nostro animale domestico: se smettiamo di medicare il gatto prematuramente perché lo vediamo “bene”, favoriremo la ricomparsa di infezioni causate da organismi resistenti.

Tenere a mente tutte queste idee è essenziale quando si tratta un gatto malato per un’infezione batterica. Non dimentichiamo che avere un animale è un impegno e non riuscire a mantenerlo in salute implica mettere in pericolo il resto degli esseri viventi che lo circondano.

Quali sono gli antibiotici per gatti comunemente usati?

Alcuni antibiotici battericidi comunemente usati nei gatti includono i beta-lattamici – derivati dalla penicillina – e il metronidazolo. Questi tipi di antibiotici sono spesso usati per trattare le seguenti infezioni nei gatti:

  • Derivati della penicillina: di questo gruppo, l’amoxicillina è l’antibiotico più utilizzato in medicina umana e veterinaria. Viene somministrato a gatti che soffrono di infezioni alle orecchie, infezioni urinarie e infezioni delle vie respiratorie superiori. Anche in ferite, ascessi e morsi.
  • Metronidazolo: può essere comunemente usato per trattare le infezioni da protozoi come Giardiasi e Trichomonas e anche una malattia infiammatoria intestinale in cani e gatti.
  • Gentamicina: infezioni respiratorie, polmonite, infezioni dell’orecchio e altro.
  • Azitromicina: è stata usata per trattare la malattia di Lyme nei gatti, le infezioni da streptococco, la clamidia e le infezioni da stafilococco.
  • Ossitetraciclina: infezioni causate da protozoi, infezioni dei seni paranasali e anemia infettiva felina.
  • Doxiciclina: questo è un antibiotico ad ampio spettro che è stato usato per trattare condizioni come la malattia parodontale in cani e gatti e quelle causate da Toxoplasma gondii e Chlamydia felis.

Dosaggio corretto

Il veterinario dovrà pesare ed esaminare l’ animale per prescrivere il dosaggio corretto. I fattori che determinano il dosaggio includono il peso dell’animale, i sintomi, le condizioni mediche generali e qualsiasi altro farmaco che potrebbe assumere.

È importante fornire le dosi, durante il tempo indicato. Anche se il gatto sembra sano, dovresti continuare con il trattamento completo. Ciò ridurrà le possibilità che l’infezione si ripresenti e aiuterà il tuo gatto a rimanere in perfetta salute.

Se si dimentica accidentalmente una dose di antibiotici, somministrare la dose dimenticata non appena se ne ricorda. Questo a meno che non lo ricordi quasi al momento della successiva dose programmata. In tal caso, non somministrare al tuo gatto due dosi contemporaneamente.

In caso di dubbi su come somministrare il medicinale, consultare il prima possibile il veterinario prima di applicare qualsiasi misura. È importante assicurarsi di informarsi bene prima.

Possibili effetti collaterali dell’uso di antibiotici nei gatti

Tutti i farmaci possono causare spiacevoli effetti collaterali.

  • Gli effetti indesiderati comuni di amoxicillina e ampicillina includono: mal di stomaco, vomito, diarrea, salivazione eccessiva.
  • Gli effetti collaterali della tetraciclina nei gatti sono principalmente nausea e diarrea. Anche altri come difficoltà a deglutire, scolorimento dei denti, sensibilità al sole, crescita ritardata e guarigione delle ossa, danni al fegato o ai reni.
Il gatto malato non mangia

Trattamenti antibiotici per gatti

Ci sono diversi trattamenti antibiotici che dovresti evitare, tra cui:

  • Antibiotici topici: è stato riportato che gli unguenti antibiotici topici come la neosporina o la bacitracina – comunemente usati nell’uomo – sono altamente pericolosi. Un gatto che lecca l’unguento da una ferita può ingerirne una quantità sufficiente da causare gravi malattie o addirittura la morte.
  • Fluorochinoloni: possono causare convulsioni nei gatti, secondo l’ASPCA Animal Poison Control Center. Questi farmaci antibatterici sintetici ad ampio spettro sono commercializzati con marchi come Baytril, Cipro e Levaquin.

Il manuale veterinario Merck rileva che, nei gatti, gli effetti avversi di questa classe di farmaci, in particolare l’enrofloxacina – commercializzata come Baytril – include la degenerazione retinica acuta, che può portare alla cecità.

Teniamo presente che per prescrivere gli antibiotici più appropriati per i gatti, il nostro veterinario dovrà eseguire un esame fisico completo. Inoltre, alcuni specialisti possono prendere in considerazione l’esecuzione di un test di coltura e di sensibilità per vedere quale tipo di batteri può essere presente in una determinata infezione.

Potrebbe interessarti ...
Come dare le medicine al gatto
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Come dare le medicine al gatto

Dare le medicine al gatto può essere un'impresa piuttosto ardua. Potete nasconderle nel cibo o provare con una siringa speciale.



  • Beco, L., Guaguère, E., Méndez, C. L., Noli, C., Nuttall, T., Vroom, M.,… & Cloquell, A. (2013) Centro Veterinario. Revista Madrileña de Veterinarios de Animales de Compañía. 60:4-12.
  • Wiebe, V., & Hamilton, P. (2002). Fluoroquinolone-induced retinal degeneration in cats. Journal of the American Veterinary Medical Association, 221(11), 1568-1571.
  • Pets & Antibiotic Resistance, Centers for control and disease prevention (CDC). Recogido a 20 de noviembre en https://www.cdc.gov/healthypets/keeping-pets-and-people-healthy/pets-and-antibiotic-resistance.html