Assolotto: come raffreddare la temperatura dell'acquario

L'assolotto è uno degli anfibi più affascinanti che si possano avere come animale domestico ma, purtroppo, mantenere fresca la temperatura dell'acquario può essere una sfida.
Assolotto: come raffreddare la temperatura dell'acquario

Ultimo aggiornamento: 27 maggio, 2021

L’assolotto è una delle specie di anfibi più affascinanti che possiamo trovare in natura. A differenza di altri tritoni e salamandre, rimane in uno stato larvale acquatico permanente. Questo animale può essere un animale curioso, ma l’acquario di questo anfibio deve rimanere fresco tutto l’anno. Però, non sempre è facile raggiungere questo obiettivo.

Ecco alcuni consigli che ogni possessore di un assolotto dovrebbe tenere a mente. Per fare in modo che possa sopportare le stagioni più calde e preservare questo anfibio, saranno necessari alcuni sacrifici energetici e logistici. Quindi, se volete mantenere fresco l’acquario del vostro assolotto, anche nelle stagioni più calde, continuate a leggere.

Perché per l’assolotto la temperatura è così importante?

L’assolotto, conosciuto anche come axolotl (Ambystoma mexicanum) è una salamandra neotenica. È endemico del sistema lacustre del bacino messicano. Questo animale è stato allevato per decenni in cattività e, pertanto, molti appassionati di questo genere di animali, hanno la possibilità di ottenerne un esemplare.

La maggior parte dei dati informativi su questo anfibio indica che l’acqua dell’acquario deve rimanere costante a 20 gradi o meno. Nonostante nel suo habitat naturale si possono osservare in estate temperature ambientali di 30 gradi e di circa 23 gradi nell’acqua.

Naturalmente, ciò non significa che la temperatura dell’acquario debba essere trascurata. Tuttavia, ci sono effettivamente testimonianze di persone che hanno mantenuto il loro assolotto a circa 22-23 gradi per certi periodi di tempo, senza gravi complicazioni.

In ogni caso, è necessario essere consapevoli dei seguenti evidenti segni di stress dovuti ad una temperatura dell’acqua troppo elevata:

  • L’animale affiora troppo spesso in superficie per prendere aria.
  • Le branchie si ritraggono.

L’assolotto riceve ossigeno dall’acqua attraverso l’albero branchiale esterno, la pelle e i polmoni. I livelli di ossigeno disciolto nell’acqua diminuiscono con l’innalzamento della temperatura. Quindi, se l’acqua è molto calda l’animale sta letteralmente soffocando. Per questo motivo, è essenziale prestare particolare attenzione a questo parametro.

Viso di un assolotto.

Come mantenere fresco l’acquario dell’assolotto

Ora che che vi abbiamo mostrato l’importanza della temperatura dell’acqua nella cura di questo simpatico anfibio, è giunto il momento di presentarvi una serie di consigli per mantenere fresco il vostro acquario. Prendete nota!

La posizione dell’acquario

La collocazione dell’acquario è un fattore molto importante da prendere in considerazione. Per evitare il più possibile l’accumulo di calore, è necessario considerare i seguenti suggerimenti:

  • Posizionate l’acquario vicino al pavimento. Infatti, l’aria calda tende a salire. Quindi si risparmiano sempre un paio di decimi di grado se si posiziona l’acquario a livello del suolo.
  • Evitate l’esposizione diretta alla luce. La luce è energia, per questo motivo se entra in contatto con l’acqua, la riscalda. Per questo motivo, è essenziale che l’acquario sia tenuto lontano dalle finestre durante la stagione calda. Inoltre, non accendete la luce dell’acquario durante le ore più calde della giornata.
  • Posizionate l’acquario nella stanza più fredda della casa. Se avete un seminterrato o una delle vostre camere si affaccia su un cortile interno con ombra, sapete già cosa fare.
  • Aprite la finestra di notte.

Ventilatori specializzati per l’acquario dell’assolotto

Ci sono molti modelli di ventilatori per l’acquario dell’assolotto, che si possono trovare nei negozi di animali a prezzi relativamente modici. Potete metterne quanti ne servono, perché muoveranno l’acqua in superficie e l’animale, trovandosi sul fondo della vasca, non se ne accorgerà nemmeno.

È interessante notare che questo metodo di raffreddamento favorisce l’evaporazione dell’acqua. Quindi, potete approfittare per sostituire quotidianamente la quantità di liquido evaporato. Infatti, potete aggiungere acqua del frigorifero o congelata, a condizione che sia stata precedentemente declorata.

Secondo quanto riportato su alcune pagine specializzate, esistono ventilatori per acquari che possono abbassare la temperatura dell’acqua fino a quattro gradi.

Bottiglie fredde e cubetti di ghiaccio

Naturalmente, questo è il metodo più famoso e, purtroppo, il meno efficace. Il posizionamento di bottiglie fredde nell’acquario deve essere considerato solo in caso di ondate di calore o momenti di urgenza, poiché il loro effetto è transitorio. Tuttavia, mettere una bottiglia fredda nella vasca dell’animale riduce la temperatura di qualche grado per un po’ di tempo.

Un refrigeratore per acquari

Senza dubbio, questa è la migliore di tutte le opzioni. I refrigeratori per acquari funzionano perfettamente quando si tratta di mantenere la temperatura desiderata, ma hanno un importante svantaggio: il prezzo. La maggior parte di loro costa intorno ai 150-250 euro. Quindi, per questa opzione bisogna mettere mano al portafoglio.

Assolotto o axolotl.

Un grande sforzo per un grande animale

Come abbiamo visto in queste righe, mantenere la temperatura di un acquario che ospita un assolotto quando fuori ci sono 30 gradi è un grande sacrificio. Avrete bisogno di controllo, pazienza e, soprattutto, di una grande presa elettrica in cui collegare ventilatori e refrigeratori.

Comunque, ne vale la pena. L’assolotto è uno degli animali più affascinanti che si possano trovare nel mondo degli animali esotici e, come tale, merita tutta la cura e l’attenzione che richiede.

Potrebbe interessarti ...
Geco crestato: caratteristiche e come prendersene cura
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Geco crestato: caratteristiche e come prendersene cura

Il geco crestato, è uno degli animali domestici più simili a dei draghi in miniatura. In questo articolo vi spieghiamo come prendersene cura.