Come avviene la digestione nei cani?

· 18 dicembre 2017

Se avete visto qualche volta vomitare il vostro cane, vi sarete resi conto che la sua digestione non avviene allo stesso modo della nostra. Per quale ragione? Come digeriscono dunque i nostri amici a quattro zampe? E quali sono gli alimenti che digeriscono più difficilmente? 

Sia la loro bocca che il loro apparato digerente è profondamente diverso dal nostro. Analizziamo questo tema per capire meglio il processo digestivo nei cani.

La bocca dei cani: dove tutto ha inizio

La bocca di un cane è diversa dalla nostra. Per esempio, il nostro amico ha 42 denti (dieci in più rispetto a noi) e 2000 papille gustative (7000 in meno rispetto a noi). Sebbene abbia più denti per masticare, attività a cui dedica poco tempo, la mancanza di papille gustative gli impedisce di godere del piacere del sapore di un pasto.

cane marrone sul prato con carne in bocca

Questo, però, non è importante per i cani, in quanto nel mondo animale ciò che davvero conta è la sopravvivenza. Essa implica trovare pezzi di cibo prima degli altri e mangiarli il prima possibile affinché nessuno possa sottrarli.

Per questa ragione, i cani hanno più denti. Ciò gli permette di distruggere gli ossi in pezzetti più piccoli per poterli ingerire più facilmente. Nonostante ciò non si fermano a masticare, cosa che rende più difficile una digestione totale. In breve il loro obiettivo non è masticare il cibo, ma distruggerlo in pezzetti piccoli affinché arrivi il prima possibile allo stomaco.

Come digeriscono il cibo i cani?

Altra differenza tra noi e i cani è lo stomaco. Quando mangiamo, dedichiamo molto tempo a masticare il cibo. Ciò permette alla saliva di mischiarsi con gli alimenti. Essa contiene un enzima che consente la decomposizione del cibo e fa in modo che esso arrivi già quasi decomposto allo stomaco. La maggior parte del lavoro è fatto.

I cani, però, non masticano come abbiamo visto. Ciò significa che il lavoro più duro sarà realizzato dallo stomaco. Saranno lo stomaco e il pancreas a generare gli enzimi necessari a scomporre gli alimenti. Dato che il cane mangia di tutto, i suoi acidi di decomposizione sono molto più forti dei nostri, cosa che gli permette di portare avanti la digestione.

Per tutti questi motivi, mentre la nostra digestione avviene in una o due ore, quella di un cane può impiegare fino ad 8 ore. Ecco perché, se avete visto qualche volta vomitare il vostro cane, avete probabilmente notato che può rimettere circa metà del pasto.

Processo finale di digestione

Questi resti decomposti che passano all’intestino tenue, potrebbero rimanere lì per altri due giorni, a seconda della difficoltà richiesta dal processo di decomposizione.

Tuttavia, come abbiamo commentato anteriormente, gli acidi che crea il corpo di un cane sono molto forti, pertanto potranno mangiare qualsiasi cosa. Se ci provassimo noi, probabilmente soffriremmo di un’infezione batterica.

Ciò non avviene nei cani, in quanto il loro sistema digestivo lavora ad una potenza tale che potrebbero mangiare quasi qualsiasi cosa e non ammalarsi mai. Mangiano addirittura ciò che rigurgitano! Dunque, il processo digestivo finale, ovvero finché l’animale non fa i suoi bisogni, può svolgersi in un tempo che va dalle 10 ore ai 2 giorni.

Alimenti proibiti

Ci sono, però, una serie di alimenti che il vostro cane non dovrà mangiare per alcuna ragione, indipendentemente da quanto sia forte il suo sistema digestivo. Abbiamo già parlato in altre occasioni di questo argomento, ma dato che stiamo trattando il problema delle digestione, è un buon momento per rinfrescarci la memoria.

Cane che mangia cioccolato

  • Ossi di pollo. Sono composti da piccole parti che, quando si rompono, si trasformano in specie di aghi che potrebbero anche uccidere il vostro cane. Persino durante il processo di decomposizione. Evitateli sempre.
  • Cipolla. Questa verdura contiene dei componenti che attaccano i globuli rossi dell’animale provocandogli anemia.
  • Cioccolato. Il cioccolato è uno degli alimenti più pericolosi per il nostro animale. Non solo per il suo alto contenuto di zuccheri (cosa che comunque non è assolutamente benefica per il cane), ma anche perché possiede un altro componente che potrebbe avvelenare o persino uccidere il vostro cane. State sempre attenti che il vostro amico non ingerisca accidentalmente questo alimento.

Attenzione al mix di alimenti. È possibile che avvertiate che il vostro animale non sia entusiasta dei suoi croccantini, ma mescolarli con cibi crudi potrebbe essere pericoloso se non si presta attenzione alle dosi adeguate. Ricordate che tali alimenti vengono digeriti in modo diverso e in un diverso lasso di tempo. Dovrete sempre favorire i croccantini in una proporzione di 90/10%.